Le crespelle della nonna

Le crespelle della nonna sono semplicissime frittelle che vengono preparate con una pastella molto simile a quella delle classiche crepes; una volta pronte vengono le crespelle della nonna vengono fritte in abbondante olio utilizzando un apposito ferro in cima al quale vengono avvitate delle simpatiche forme che conferiscono alle crespelle un bell’aspetto.

Le crespelle della nonna

crespelle della nonna
crespelle della nonna

Le crespelle della nonna possono essere mangiate semplicemente spolverate con abbondante zucchero a velo oppure farcite a coppia con crema pasticcera; variando poi la parte liquida della ricetta (latte, succo di frutta, oppure un po’ di liquore nell’impasto) potrete aromatizzarle a vostro piacimento.

Le crespelle della nonna
Recipe Type: Dolci fritti

Cuisine: Italiana
Author: Uovazuccheroefarina
Prep time:
Total time:
Serves: 20/25 pezzi
Le crespelle della nonna sono semplici dolci fritti.
Ingredients
  • 2 uova
  • 200 g di farina 00
  • 2 dl di latte
  • un pizzico di sale
  • aroma di vaniglia
  • olio per friggere
  • Per la crema pasticcera:
  • 1 lt di latte intero
  • 6 tuorli d’uovo
  • 100 g di farina
  • 160 g di zucchero
  • aroma di vaniglia
Instructions
  1. Preparare la pastella per le crespelle: sbattere le uova, aggiungere la farina, il latte, il pizzico di sale e l’aroma di vaniglia. Mescolare per un minuto con le fruste per ottenere un composto liscio e senza grumi. Lasciarlo riposare per almeno una mezz’ora, meglio per qualche ora.
  2. Preparare la crema pasticcera: scaldare il latte insieme all’aroma di vaniglia e portarlo ad ebollizione.
  3. In una casseruola sbattere i tuorli con lo zucchero e aggiungere la farina; aggiungere il latte a filo e mescolare bene per evitare la formazione di grumi. Rimettere la crema sul fuoco e, sempre mescolando, cuocere fino ad ispessimento. Trasferire la crema in una terrina, coprirla con pellicola trasparente per evitare la formazione della pellicina in superficie, e farla raffreddare.
  4. Mettere abbondante olio in un tegame e scaldarlo bene senza farlo friggere.
  5. Scaldare una formina immergendola nell’olio caldo, quindi intingerla fino al bordo della pastella senza oltrepassarlo e rimetterla per qualche secondo nell’olio. A contatto con l’olio caldo la crespella si staccherà da sola. Ripetere fino ad esaurimento dell’impasto.
  6. Una volta pronte farcirle a due a due con la crema pasticcera e spolverarle con abbondante zucchero a velo.
L’attrezzo per la preparazione delle frittelle è disponibile su Amazon qui

Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche su Facebook oppure iscriviti alla mia Newsletter per riceverle direttamente in posta!

Precedente Shirataki di Konjac con pomodorini e funghi Successivo Foresta Nera alla Freddi

2 commenti su “Le crespelle della nonna

  1. Romina il said:

    Ciao Maria Luisa,
    ti scrivo per chiederti un consiglio, conosco molto bene questo tipo di “frittelle” e diverse volte ho provato a farle, il risulto è buono ma l’aspetto è terrificante in quanto ogni volta che immergo lo stampo caldo nell’impasto per fare la frittella successiva, la pasta incomincia a cuocermi e nella ciotola si formano grumi, di conseguenza parte dell’impasto non rimane più attaccato allo stampo ma ricade nella ciotola sopra la pasta cruda. Dove sbaglio??
    Ti sarei grata se riesci a darmi un suggerimento. Complimenti per il sito, lo trovo molto interessante e spesso lo consiglio alle mie amiche. Grazie

    • ciao Romina
      da quello che mi dici sembrerebbe che tu metta la formina ancora troppo calda nell’impasto; quando friggi la frittellina si stacca oppure tieni il ferro nell’olio caldo tutto il tempo? Io faccio così: immergo il ferro nella pastella badando di non far andare l’impasto sopra, poi faccio staccare la frittella e tiro via il ferro. In questo modo ha il tempo di raffreddarsi e quando si immerge nella pastella dovrebbe andare tutto bene.
      Prova e fammi sapere
      Lu

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.