Spaghetti all’ arrabbiata

È vero, il sugo alla arrabbiata viene tradizionalmente associato alle penne. Io però lo faccio spesso anche con gli spaghetti, perché è un formato di pasta che in famiglia amiamo molto 🙂

spaghetti all' arrabbiata

Il mio sugo all’arrabbiata piace molto anche ai miei figli, anche se per loro utilizzo meno peperoncino, e nonostante la loro avversione per il pomodoro. Già, i miei figli, con grande rammarico mio e di mio marito, non mangiano i pomodori 😐 Ma i sughi sì, fortunatamente, anche se solo quando il pomodoro non è a pezzi e se è con l’aglio anziché la cipolla. Infatti, stranamente ai miei figli piace molto l’aglio, che non si può dire rientri tra le preferenze dei bambini, di solito. Ma prendiam per buono quel che c’è e… approfittiamone per gustarci tutti insieme una vagonata di spaghetti all’arrabbiata 😀

Spaghetti all’ arrabbiata

Ingredienti per 4 persone
400 g di spaghetti
400/450 g di passata di pomodoro
1 spicchio d’aglio (o 2 se piccoli)
1 cucchiaio olio extravergine
peperoncino a piacere
prezzemolo tritato q.b.

Procedimento
Il sugo all’ arrabbiata è davvero semplice da preparare, io di solito lo cuocio durante il tempo di cottura degli spaghetti. Naturalmente deve trattarsi di spaghetti un po’ grossi, che abbiano un tempo di cottura di almeno 10-11 minuti.

Mentre gli spaghetti cuociono, in una padella saltapasta soffriggere in poco olio l’aglio tritato e il peperoncino.

Eventualmente il peperoncino si può aggiungere alla fine direttamente nei piatti, così ognuno può usare la quantità di suo gradimento, io però preferisco metterlo nel sugo.

Aggiungere la passata di pomodoro. Far cuocere a coperchio chiuso, se necessario bagnare con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.

Scolare la pasta e versarla nella padella del sugo. Aggiungere il prezzemolo tritato e far saltare brevemente.

Servire subito e buon appetito!

spaghetti alla arrabbiata

senza saleConsiglio senza sale
Per chi volesse fare un tentativo iposodico, il sugo alla arrabbiata si presta bene per un primo approccio perché l’aglio e il peperoncino sono ottimi insaporitori. È il condimento giusto anche per provare a ridurre il sale nell’acqua di cottura della pasta 🙂 ma mi raccomando: riducetene poco alla volta, procedere per gradi è importantissimo.

Prima di lasciarvi i miei consigli senza sale vi ricordo che potete passare a trovarmi sulla pagina Facebook e su Pinterest 🙂 Vi aspetto!!

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.