Wurstel e crauti piccanti

I wurstel con i crauti sono uno tra i piatti tedeschi più famosi, molto diffuso anche in Italia nel Trentino Alto Adige e in Venezia Giulia.  La parola Wurstel proviene dal diminutivo Wurst, “insaccato”, quello più diffuso in Italia corrisponde generalmente al Wiener o Wiener Würstchen (letteralmente “salsicciotto di Vienna o “viennese”) reperibile in Germania. Alcune aziende del settore hanno cominciato a produrre anche in Italia wurstel simili a quelli venduti in Germania, commercializzandoli come “Wurstel tipici”.

La parola Crauti proviene etimologicamente dal tedesco Kraut “erba”, e altro non sono che una qualità di cavolo cappuccio, solitamente di colore bianco sottoposti a una particolare tecnica di conservazione, che sfrutta le proprietà del sale associate a una fermentazione lattica. Originariamente questo metodo di fermentazione serviva per mantenere più a lungo il cavolo, variandone però il gusto (più acidulo e intenso), e arricchendolo con nuove proprietà benefiche che favoriscono la digestione e il rinforzamento della flora batterica, oltre all’aumento di vitamine e sali minerali.

Anche se i crauti appartengono alla tradizione culinaria tedesca, essi sono molto consumati anche in Austria, Svizzera e in Italia, principalmente in Trentino Alto Adige e Venezia Giulia. Ideali accompagnati dai wurstel, ma ottimi anche serviti con lo stinco di maiale e le salsicce.

Oggi vi propongo una versione con i wurstel piccante e assolutamente gustosa! Provare per credere…e mi raccomando, non dimenticate un bel boccale pieno di birra! 

Curiosità: Il giorno 22 aprile si festeggia la GIORNATA NAZIONALE dei Wurstel con i crauti, ambasciatrice Eleonora Gaspari come previsto dal Calendario italiano del cibo dell’associazione italiana food blogger AIFB.

 

Wurstel e crauti piccanti
Wurstel e crauti piccanti

 

Wurstel e crauti piccanti

Ricetta

Ingredienti per due persone

  • Wurstel di suino, 4 grandi 
  • Crauti naturali in barattolo, uno da 380 g
  • Olio extra vergine di oliva, un giro abbondante
  • Aglio, uno spicchio
  • Vino bianco, 100 ml
  • Peperoncino tritato, un cucchiaino raso (la quantità può variare diminuendo o aumentando in base a quanto vi piace io piccante!)
  • Sale fino, due pizzichi

Preparazione

  • Aprite il barattolo dei crauti, scolateli su un colapasta e sciacquateli leggermente sotto l’acqua fredda. Fate scolare bene l’acqua premendo con una forchetta.
  • Prendete una padella capiente, versate un bel giro generoso di olio extra vergine e fate dorare lo spicchio d’aglio diviso a metà. 
  • Ora, tenendo la fiamma media,  unite i crauti, mescolate bene con un cucchiaio di legno per insaporire il tutto e aggiustate di sale unendo subito il cucchiaino di peperoncino tritato in pezzi, amalgamate e fate ben rosolare tutto per alcuni minuti, quindi sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare per due o tre minuti.
  • Una volta evaporato abbassate la fiamma, e lasciate cuocere i crauti ancora dieci minuti, dopodiché scansate in un angolo della padella i crauti per fare spazio ai wurstel da mettere a cuocere. Incideteli prima con un coltello, facendo dei tagli trasversali su tutta la lunghezza, in questo modo non solo saranno più belli da presentare, ma si insaporiranno meglio oltretutto cuocendo bene anche all’interno.
  • Fateli rosolare un pochino, e solo quando saranno ben coloriti, amalgamateli con i crauti che avevate messo in un lato della padella, mischiate tutto e fate insaporire, quindi spegnete e servite i wurstel e crauti piccanti ben caldi! Mi raccomando…non dimenticate senape, pane e birra! 

 

Wurstel e crauti piccanti
Wurstel e crauti piccanti

 

 

Seguimi anche sulla pagina facebook Noce Moscata

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Noce Moscata

Precedente Crema al limone per dolci Successivo Polpette di maiale alle olive taggiasche

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.