Coratella di agnello con cipolle

La coratella di agnello o corata, è il termine con il quale si indicano le interiora dell’animale, in genere di piccola taglia, come appunto l’agnello, il coniglio o il pollo. La corata è un antico piatto tradizionale della cucina povera, figlio del centro Italia e nello specifico della Toscana, Umbria, Lazio e Marche.

La preparazione di questa particolare ricetta cambia tra regione e regione, infatti si può fare fritta, in umido, con le patate, con i carciofi come prevede la cucina romana o con le cipolle come vuole la cucina Umbra. Se siete amanti dei sapori forti, e se normalmente vi piace mangiare il fegato, allora adorerete questo piatto.

La corata è costituita da parti più tenaci alla cottura, come per esempio polmoni e cuore, e parti più tenere, come fegato, reni e milza. Per questo motivo, dopo aver lavato accuratamente la corata, e averla tagliata a piccoli cubetti, è necessario dividere in due parti la cottura: prima polmoni e cuore, dopo pochi minuti si aggiunge il resto.

Un consiglio importante è quello di tenere a bagno la coratella in acqua, aceto e foglie di alloro per due ore prima della cottura.

Oggi andiamo a cucinare questo saporito e gustoso povero piatto, come si è sempre cucinato in casa mia, ovvero con le cipolle, tramandato dalla mia nonnina umbra. Benchè io sia romana, e adori la coratella con i carciofi, il mio cuore e il mio palato sono altrettanto legati anche a questa favolosa versione.

Bruscate anche delle fette di pane da mangiare insieme, e se vi piace abbondate di peperoncino, la coratella, in qualunque modo decidiate di cucinarla, ben piccantella, non ha eguali! 

LA GIORNATA NAZIONALE DELLA CORATELLA CON I CARCIOFI si festeggia il 2 aprile, come prevede il CALENDARIO DEL CIBO  dell’associazione AIFB . Partecipo come contributor, con la mia ricetta della Coratella alla cipolla.

Coratella di agnello con cipolle
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    50 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Corata intera 1 kg
  • Cipolle dorate (grandi) 2
  • Acqua mezzo bicchiere
  • Olio extravergine d’oliva 100 ml
  • Vino bianco secco mezzo bicchiere
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • acqua e aceto (per tenere in ammollo la corata prima di cuocerla)

Preparazione

    • Pulite le interiora dagli eccessi di grasso, lavatele sotto l’acqua corrente del rubinetto, e mettetele a bagno un paio d’ore in una scodella con acqua fredda, aceto bianco e due foglie di alloro, servirà a pulirle bene del tutto. 
    • Trascorso il tempo, sciacquatele nuovamente, e tagliatele a piccoli cubetti, più i cubetti saranno piccoli, e più la coratella cuocerà velocemente restando morbida. Abbiate cura di separare le parti più tenaci come polmoni e cuore, dalle più tenere come fegato, milza e reni, mettendole in due diverse scodelle. 
    • Prendete una padella capiente, versate un bel goccio generoso di olio, e unite la cipolla tagliata a fettine e il mezzo bicchiere d’acqua. L’acqua serve perchè la cipolla non deve soffriggere e rosolare, ma bensì deve semplicemente appassire ammorbidendosi. Aggiustate di sale e fate appassire a fuoco lento con il coperchio.
    • Appena la cipolla sarà morbida, unite il cuore e amalgamate, dopo pochi minuti aggiungete anche i polmoni sempre amalgamando per far insaporire, lasciate cuocere pochi minuti, e infine unite le parti più tenere rimaste (fegato, reni e milza).
    • Mescolate con cura, aggiustate di sale e pepe, sfumate con il vino bianco e fate cuocere indicativamente per circa 20 / 25 minuti (controllate e assaggiate, in cucina si assaggia sempre!)  a fuoco medio basso con il coperchio un pochino spostato. Non prolungate eccessivamente la cottura, altrimenti rischiate di farla indurire, ricordatevi per questo di tagliarla a cubetti piccoli, in modo da farla cuocere presto.
    •  A metà cottura, unite il peperoncino, mescolate e terminate.
    • Nel frattempo bruscate qualche fetta di pane per accompagnare questa gustosa coratella e il suo saporitissimo intingolo di cottura. Servite ben calda, buon appetito!

Precedente Spuntature al sugo con salsicce Successivo Torte salate per Pasquetta

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.