Consigli in cucina seconda parte

 

 

1 CONGELARE SEPARATAMENTE

 

Per congelare le polpette di solito si mettono tutte insieme in un sacchetto di plastica per alimenti. Però è meglio procedere per gradi. Basta stendere le polpette ben separate su un vassoio e metterle a congelare. Quando si saranno ben raffreddate (bastano un paio d’ore), si trasferiscono in un sacchetto. Così facendo, non si attaccheranno tra loro e si potranno scongelare solo quelle che servono; e in ogni caso scongeleranno più in fretta. Questo metodo è utile anche per ravioli, biscotti, salatini e tutto ciò che è di piccole dimensioni. 

 

2  BROCCOLI E CAVOLFIORI INODORI

Quando si lessano i broccoli o i cavolfiori, per evitare gli sgradevoli odori, si può aggiungere qualche spicchio di limone o alcune foglie di alloro nell’acqua al momento del bollore e lasciarli sino a fine cottura. Le foglie di alloro vanno benissimo anche quando si cucinano le canocchie. 

 

3  PATATE CROCCANTI

Passare le patate nella farina prima di condirle e metterle in forno, assicura che si cuociano perfettamente e abbiano una crosticina molto croccante.

 

4  TRUCCHI DI MARMELLATA

Per preparare una buona marmellata vi sono alcuni semplici ma fondamentali accorgimenti. Anzitutto è meglio aggiungere lo zucchero solo a metà cottura. Inoltre, durante la cottura, bisogna evitare il contatto diretto del fuoco con la pentola mettendo uno spargifiamma di ghisa sul fornello. Infine la marmellata ottenuta va invasata ancora bollente e una volta chiuso il vasetto va tenuto capovolto fino a che non si sarà del tutto raffreddato. Quest’ultimo è un sistema pratico e veloce che sostituisce la tradizionale sterilizzazione.

 

5  APERTURA BARATTOLI FACILE

Se il coperchio di un barattolo non si apre, spesso basta lasciar scorrere sul tappo il getto d’acqua calda del rubinetto. Il calore fa dilatare il metallo e il coperchio si svita senza opporre resistenza. In alternativa si può capovolgere il barattolo e battere con forza il fondo con il palmo della mano, spingendo l’aria verso l’alto e facilitando l’apertura.

 

6  POLLO ARROSTO PERFETTO

 

Il pollo arrosto sarà morbido e succoso all’interno e croccante all’esterno se, prima di essere infornato, viene fatto lessare per circa un quarto d’ora in acqua bollente. 

 

7  MESTOLO RISCALDANTE

Quando serve una piccola quantità di burro fuso, di acqua bollente o di latte caldo, per fare più in fretta si può usare un mestolo di metallo. Ci si mette dentro l’ingrediente da riscaldare e si tiene sospeso su uno dei fuochi della cucina. 

 

8  LESSO O BRODO? 

Il brodo si prepara a partire da acqua fredda o bollore? Dipende da cosa si vuole ottenere. Se l’obiettivo è il bollito, l’acqua deve essere bollente. Se invece è il brodo che serve, tutti gli ingredienti (carni e verdure) si buttano a freddo. 

 

9  OLIO PER IL MIELE

Quando serve misurare il miele per una ricetta (un cucchiaio, una tazzina ecc.) è molto pratico ungere il contenitore con un filo d’olio. In questo modo il miele scivolerà facilmente nell’impasto senza rimanere tutto attaccato. Funziona anche per la melassa, lo sciroppo di zucchero e gli ingredienti appiccicosi. 

 

10  AROMA DI ROSMARINO

Chi non ama ritrovarsi gli aghi di rosmarino nel piatto, e nemmeno in bocca, ma non vuole rinunciare all’aroma di questa erba fresca, può utilizzare un macinino da pepe e tritarlo direttamente sulle pietanze.

 

11  SACCHETTI PER MARINARE

Per preparare una marinata perfetta basta infilare la carne in un sacchetto di plastica insieme a tutto il condimento, chiuderlo, agitarlo e massaggiarlo. La marinatura risulterà perfettamente uniforme.

 

12  BANANE CONGELATE

E’ un peccato buttare le banane quando diventano nere. Si possono congelare e usare per frullati, dolci, budini ecc. Si mettono nel freezer intere, buccia compresa. Quando servono si lasciano scongelare su un piatto fondo (perdono liquidi) e poi basta tagliare la punta e spremere fuori la polpa come da un tubetto. 

 

13  AGRUMI PIU’ PROFUMATI

Se il dolce che si vuol preparare prevede l’aggiunta di buccia grattugiata di limone o arancia, allora è meglio mescolarla insieme allo zucchero e versare gli ingredienti direttamente nell’impasto. In questo modo gli oli essenziali vengono ben assorbiti  e l’aroma degli agrumi risulterà esaltato. 

 

14  SHAKER PER CONDIMENTI

Un piccolo vasetto di vetro o uno shaker, è perfetto per preparare il condimento per l’insalata. Si versano tutti gli ingredienti nel vasetto e si agita. La vinaigrette, cioè la miscela di sale, olio e aceto, sarà perfettamente emulsionata. 

 

15  PIOGGIA DI GRANI

Pulire i melograni richiede tempo e pazienza. Un metodo rapido è tagliarli in due, tenere una metà rovesciata sopra una zuppiera e poi pestare il dorso con il manico di un cucchiaio di legno. I grani scenderanno a pioggia in un istante. 

 

16  VIA LA PASTA COL SALE

Per eliminare i residui di pasta frolla o all’uovo dal mattarello, basta cospargerlo di sale e strofinarlo con le mani. Poi si lava normalmente. 

 

17  SBUCCIARE LE CASTAGNE

Le castagne si pelano più facilmente se vengono lasciate una mezz’ora dentro a uno scolapasta d’acciaio appoggiato sopra una pentola con acqua in ebollizione. 

 

18  UOVA A FETTE

Per tagliare le uova sode, in mancanza dell’apposito strumento, si può utilizzare un coltello molto affilato e con la lama bagnata. Così non si sbricioleranno. 

 

19  MACEDONIA A STRATI

Il più classico dei dessert diventa tutto nuovo se si dispone la frutta a strati contrastanti (per esempio, fragole, banane, arance, kiwi, mele, uva) in un contenitore di vetro trasparente. Quindi si versa con cautela il succo di limone mescolato con zucchero, così la frutta prende sapore e non si annerisce. 

 

20  PALLINE APPETITOSE

 

Le mousse e i formaggi spalmabili possono essere presentati sotto forma di palline rivestite di spezie, erbe o frutta secca tritata. Per uno sfizioso antipasto o un elegante aperitivo. 

 

Se ti sei perso la prima parte  clicca qui 

 

Precedente Pizza mozzarella e alici Successivo Uva di Babbo Natale

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.