Come affettare la cipolla senza piangere

La cipolla è un ingrediente fondamentale in cucina; a partire dal classico soffritto, viene utilizzata per un’infinità di ricette. Ma che fatica ogni volta doverla affettare senza ritrovarsi in una valle di lacrime! Come diceva la protagonista di una celebre serie TV  (Carrie Bradshaw in Sex and the city)  “Ci sono più lacrime in una cipolla, che in cento storie d’amore…”

Ma conosciamo meglio il nostro carnefice:

la cipolla è una pianta erbacea appartenente al Genere Allium, specie cepa. Tradizionalmente inserita nella famiglia delle Liliaceae, secondo una classificazione tassonomica più recente, dovrebbe rientrare nella famiglia delle Amaryllidaceae

 

Come affettare la cipolla senza piangere
Come affettare la cipolla senza piangere

 

Ma perchè piangiamo?

A quanto pare, la nostra cara cipolla sa come difendersi. Il responsabile della nostra sofferenza non è altro che un gas volatile chiamato in inglese syn-propanethial-S-oxide, che diffondendosi nell’aria al taglio della cipolla, raggiunge i nostri occhi attivando i neuroni sensoriali, creando una sensazione pungente con conseguente bruciore. Le ghiandole lacrimali così, iniziano a secernere lacrime per “lavare” via l’irritazione. Questo gas, per la cipolla altro non è che un meccanismo di difesa, quando al taglio, subendo un “trauma” cellulare, rilascia appunto gli enzimi alliinasi.

Leggende metropolitane…

Ho visto e sentito veramente di tutto per ovviare a questo problema: c’è chi si mette gli occhiali da sole, chi gli occhialetti per la piscina, chi addirittura la maschera da sub, chi consiglia di mettersi letteralmente l’acqua in bocca evitando di respirare (e se devi affettarne un bel po’, la vedo dura!) e dulcis in fundo…ho saputo di un ragazzo, amico di una mia collega blogger, che si infila il casco della moto!

Direi che possiamo mettere fine a queste fantasiose soluzioni, con poche e semplicissime mosse!

 

 Come affettare la cipolla senza piangere

  • L’operazione più semplice da fare, e quella che mi ha risolto davvero il problema, è la seguente: sbuccia le cipolle, tagliale a metà e mettile in ammollo in una scodella con l’acqua fredda, per 15 minuti. Questo riduce la velocità di reazione dell’enzima, in modo da poterla affettare tranquillamente, senza correre il rischio di sembrare Rossella O’ hara in Via col vento, dopo che Retth Butler la lascia sulla porta dicendole “francamente me ne infischio!”.

 

Come affettare la cipolla senza piangere
Come affettare la cipolla senza piangere

 

  • Un altro sistema molto simile ed altrettanto efficace, è quello di mettere le cipolle (sempre sbucciate) in freezer per 10 minuti, oppure di bagnare spesso la lama del coltello mentre le si affetta.
  • A proposito di coltello: evita come la peste il coltello con la lama seghettata, le cellule della cipolla verrebbero maggiormente frantumate liberando di conseguenza ancora più gas.
  • Potresti anche tagliare la cipolla direttamente all’interno di una scodella d’acqua, non è comodissimo, però molto efficace.

Hai visto la foto con il pentolone di cipolle? Le ho affettate senza nessun fastidio. Un minimo di pizzicore certo arriva, ma senza dubbio..niente più lacrime devastanti!

 

Precedente Crostata di ricotta con gocce di cioccolato e canditi Successivo Ricette con il pollo

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.