Baccalà fritto

Oggi vi parlo di una ricetta tipica della cucina romana, ovvero il baccalà fritto. Ne esistono due versioni, la classica che lo prevede fritto in pastella, e quella proposta da me oggi, ovvero passato semplicemente nella farina e fritto in olio extra vergine di oliva, anche se io preferisco l’olio di arachide che mantiene un gusto più leggero e meno deciso.

Il baccalà in realtà altro non è che il merluzzo bianco, molto economico e magro, difatti proprio grazie al suo basso contenuto di grassi si è meritato il titolo di “Pesce Magro” per eccellenza! Cucinato in tantissimi modi, oggi ve lo propongo in versione super golosa e un pochino meno dietetico, ma buonissimo, un boccone tira l’altro!

NOTA: Il baccalà di solito si compra conservato sotto sale, per dissalarlo occorre sciacquarlo per bene sotto l’acqua corrente e tenerlo a bagno per due giorni in acqua fredda, cambiandola almeno ogni 8/12 ore. In alternativa potete acquistarlo già dissalato nelle pescherie. Attenzione al colore che deve essere bianco e non giallo.

 

Baccalà fritto
Baccalà fritto

 

Baccalà fritto

Ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

  • Filetti di baccalà, 600 g
  • Farina 150 g
  • Sale fino, quanto basta
  • Olio di arachide, una bottiglia

 

Preparazione

  • Dopo aver dissalato il filetto di baccalà in acqua fredda ( in ammollo per due giorni cambiando l’acqua ogni 12 ore), asciugalo per bene e taglialo a pezzetti, non troppo piccoli.
  • Versa la farina in una scodella e infarina per bene tutti i pezzi, quindi trasferiscili in un colapasta e scrolla, eliminando così la farina in eccesso.
  • In una casseruola  metti a scaldare l’olio, appena sarà ben caldo metti a friggere i bocconcini di baccalà, pochi alla volta, in modo da non abbassare la temperatura dell’olio. Conosci le regole d’oro per una frittura perfetta? Leggi QUI
  • Quando risulteranno ben dorati da ambo i lati (aiutati con una pinza da cucina per girarli) scolali su carta assorbente, spolvera con un paio di pizzicotti di sale fino e servilo ben caldo, accompagnato semplicemente da alcuni spicchi di limone, o con patate e verdura. Buon appetito! 

 

Segui tutte le novità del blog anche sulla pagina facebook Noce Moscata©

Articolo e Foto: Copyright ©  All Rights Reserved Noce Moscata

Precedente Peperonata autunnale Successivo Polenta croccante con purea di patate agli agrumi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.