Ciambelline all’anice e vino bianco

“Felicità, è un bicchiere di vino con un panino, la felicità”…così cantavano Al Bano e Romina quando ero piccola, io però dico che con un bicchiere di vino ci stanno meglio le ciambelline all’anice e vino bianco!

Dolcetto secco tipico del centro Italia: profumato, croccante e protagonista indiscusso di forni, fiere e sagre, insieme a quelle classiche (QUI la ricetta) queste ciambelline all’anice vengono gustate soprattutto inzuppate o accompagnate da un bicchiere di vino bianco locale.

Semplicissime e veloci da preparare, vi consiglio questa ricetta collaudata più e più volte; ora che si avvicinano anche le festività natalizie, sono un’idea graziosa sia da mettere in tavola insieme agli altri dolci, che da regalare in un bel sacchetto o in un barattolo decorato con qualche fiocco.

Ciambelline all'anice e vino bianco
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    40 minuti
  • Cottura:
    circa 20 minuti
  • Porzioni:
    circa 25 ciambelline
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina di farro 600 g
  • Lievito in polvere per dolci 1 bustina
  • Zucchero (+ 100 g per la decorazione) 1 bicchiere
  • Semi di anice 60 g
  • Vino bianco secco 1 bicchiere
  • Olio di semi di girasole 1 bicchiere

Preparazione

  1. Versa nella ciotola della planetaria (o in una scodella se impasti a mano) la farina e il lievito, aggiungi subito i semi di anice, il vino e l’olio, quindi inizia a impastare fino a ottenere un composto morbido ma sodo, e liscio. Avvolgilo nella pellicola trasparente e lascialo riposare 15 minuti NON in frigorifero. 

  2. Sistemati su un tavolo da lavoro, accanto posiziona una leccarda foderata con carta forno, in modo da sistemare le ciambelline man mano che le prepari, e tieni vicino anche una scodella con lo zucchero, nel quale intingerai le ciambelle (solo da un lato) per inzuccherare la superficie. 

  3. Stacca un pezzetto di impasto (un pochino più grande di una noce) e fallo scorrere sotto il palmo della mano fino a formare un cordoncino, che poi unirai alle due estremità formando la ciambellina. La grandezza dipende dal tuo gusto, puoi comunque farne alcune più piccole e altre più grandi, oppure tutte uguali. Mi raccomando: quando chiudi le estremità, pressa bene in modo da non farle riaprire in cottura. 

  4. Ciambelline all'anice e vino bianco

    Una volta realizzata la ciambella, intingine un lato nello zucchero e adagiala sulla leccarda, con la parte zuccherata rivolta verso l’alto. Distanzia tutte le ciambelle un paio di centimetri, in cottura cresceranno per via della lievitazione aumentando di volume, lasciamogli quindi il dovuto spazio!

  5. Quando avrai terminato tutte le ciambelle, inforna a forno già caldo a 170° gradi per 20 / 25 minuti, se le hai fatte molto grandi e cicciottelle, puoi prolungare a 30. Il colore deve restare ambrato, e quando le sforni, non avere timore se ti sembreranno ancora morbide, freddando raggiungeranno la giusta consistenza diventando croccanti. 

    Lascia freddare e gusta! 

Precedente Polpette di ricotta fritte Successivo Vellutata di zucca con guanciale croccante

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.