Pizza mozzarella e alici

Pizza mozzarella e alici
Pizza mozzarella e alici

 

Pizza mozzarella e alici

Cari affamati, ma il sabato sera una bella pizza ce la vogliamo fare? Chi l’ha detto che viene bene solo per chi ha il forno a legna, avete mai provato a farla in tegame nel forno statico? Croccante al punto giusto, è da leccarsi le dita. Noi ci siamo fatti la classica pizza mozzarella e alici, ma naturalmente potete condirla come volete, la pizza è buona in tutti i modi! Che aspettiamo allora? Prepariamola insieme 🙂

INGREDIENTI PER TRE PIZZE GRANDI

  • 500 g di farina 
  • Acqua 300 ml (circa)
  • 6 cucchiai di olio extra vergine
  • lievito di birra, mezzo cubetto
  • zucchero 1 cucchiaino
  • sale un pizzico

PER LA FARCITURA

  • Passata rustica in vetro, mezza bottiglia
  • Mozzarella, tre da 125 g l’una
  • Alici sotto olio
  • Olio extra vergine di oliva, un filo

UTENSILI

  • Tegame tondo da forno (potete utilizzare anche le teglie tonde di alluminio usa e getta)
  • Matterello
  • Pennello da cucina per ungere
  • Rotella tagliapizza

PREPARAZIONE PER LA PIZZA

  • Sciogliete il mezzo cubetto di lievito in un bicchiere di acqua tiepida insieme allo zucchero (prendetela dai 300 ml), mescolate bene e lasciate riposare fino a che non si sarà formata in superficie una schiumetta bianca.
  • Intanto in una ciotola capiente versate la farina, fate un buco al centro e versate l’olio con il sale, il lievito, e iniziate ad impastare con la punta delle dita, aggiungete l’acqua piano piano, impastate e trasferite il tutto su un piano da lavoro infarinato per continuare a lavorare l’impasto, fino a che quest’ultimo non sarà diventato morbido liscio ed elastico.
  • A questo punto formate una palla, infarinate una scodella profonda e adagiatelo sul fondo coprendolo con la pellicola trasparente e un canovaccio. Mi raccomando tenetelo in luogo privo di correnti d’aria. Fatelo riposare per circa due ore, dovrà raddoppiare il suo volume.
  • Trascorso il tempo riprendete il vostro impasto, spolverate di farina il piano da lavoro e lavoratelo per pochi minuti, quindi dividetelo in quattro parti con un coltello e formate tre pallette. Copritele con un canovaccio e fate riposare un altra mezz’ora. 
  • Quando il tempo sarà quasi trascorso, versare il pomodoro in una scodella e conditelo con sale e un filo d’olio. Tagliate la mozzarella e fatela scolare bene dal siero dentro uno scolapiatti. Lasciate tutto da parte.
  • Iniziate a stendere la prima palletta con il mattarello, cercando di dare una forma circolare, se ci riuscite cercate di lavorarla un pochino con le nocchie, avete presente quando i pizzaioli la fanno volare in aria e la riprendono assottigliando i bordi con le nocchie? Ecco, non saremo così bravi, ma se proverete, vedrete che sarà divertente, soprattutto se come me, amate la pizza più sottile! Altrimenti adagiatela sul tegame unto d’olio e finite di sistemarla con la punta delle dita. Procedete allo stesso modo con le altre pallette.
  • Spennellatela leggermente la superficie con l’olio, e conditele con il pomodoro e la mozzarella. Le alici preferisco metterle una volta sfornate le pizze, altrimenti a mio gusto asciugano troppo, ma se preferite potete aggiungerle subito.
  • Un consiglio: quando versate i cucchiai di passata sulle pizze, non esagerate altrimenti si bagneranno troppo, e cercate di fermarvi almeno a due cm dal bordo. L’ideale a mio parere è di un paio di cucchiai per pizza, abbondanti da spalmare bene.
  • Preriscaldate il forno a 200 gradi, e infornate le vostre pizze per 8/10 minuti circa nella parte bassa del forno. La cottura in tegame rende la pizza ben croccante alla base. Sfornate e gustate, buon appetito! 

VOLETE PROVARE ANCHE LA RICETTA PER LA FOCACCIA? Cliccate qui sotto ↓

Clicca qui per la FOCACCIA IMPASTO BASE 

Clicca qui per la FOCACCIA PATATE E ROSMARINO

Clicca qui per la FOCACCIA ALLE OLIVE

 

Articoli e Foto: Copyright © All Rights Reserved Noce Moscata

Pizza mozzarella e alici
Pizza mozzarella e alici

Precedente Tagliatelle funghi panna e salsiccia Successivo Consigli in cucina seconda parte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.