Crea sito

Tagliatelle al cacao

Le tagliatelle al cacao sono un formato di pasta fresca davvero sfizioso da portare in tavola! Ma attenzione: non sono un dessert, bensì un primo piatto da servire con un condimento salato. Il retrogusto leggermente amarognolo del cacao, rende queste tagliatelle ideali da abbinare con salse ai formaggi, alle noci, gorgonzola o ragù. Per i più audaci, sono ottime anche condite con una salsa di pomodoro e melanzane.

Per la ricetta di queste bellissime e golose tagliatelle mi sono affidata alla sapienza di una vera maestra pastaia: la mia amica e collega Emanuela Bleve, che vive a Massafra (TA) e che gestisce il pastificio di famiglia “Al vecchio Mulino Massafra”

Tagliatelle al cacao impasto base
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4-6
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 470 gFarina 00 (oppure di semola di grano duro )
  • 30 gCacao amaro in polvere
  • 5Uova (grandi)
  • 1 cucchiaioOlio di semi (girasole – mais)

Strumenti

Per impastare a mano

  • Spianatoia
  • Tarocco in metallo
  • Forchetta
  • Cucchiaio
  • Bilancia pesa alimenti
  • Pellicola per alimenti

Per impastare con la planetaria

  • Gancio a foglia
  • Bilancia pesa alimenti
  • Planetaria
  • Tarocco in metallo
  • Pellicola per alimenti

Per stendere la pasta

  • Mattarello
  • Spianatoia
  • Oppure macchina per tirare la sfoglia
  • Coltello
  • Canovaccio

Preparazione

  1. Pesa la farina con il cacao, mescola e versala sopra la spianatoia, formando la classica fontana con il buco al centro.
    Rompi le uova in una scodella e versale delicatamente all’interno del buco, unisci anche il cucchiaio di olio di semi, e con una forchetta inizia a sbattere delicatamente le uova, incorporando man mano la farina, in modo che le uova assorbendo subito la polvere, non fuoriescano dalla fontana.

  2. Una volta che avrai unito tutta la farina alle uova e il composto sarà diventato un pochino più consistente, inizia a impastare con le mani, lavorando pazientemente la pasta esercitando una pressione con i palmi delle mani, fino a quando non risulterà ben liscia, morbida ma compatta.
    Forma un panetto o una palla, avvolgila nella pellicola trasparente e lasciala riposare per 30 minuti.

  3. Se preferisci utilizzare la planetaria, versa al suo interno tutti gli ingredienti e lavorali con il gancio a foglia, fino a che l’impasto si agglomera, quindi rovescialo sulla spianatoia e continua a mano per pochi minuti, fino a formare il panetto.

  4. Trascorso il tempo scarta il panetto, appiattiscilo leggermente con le mani, spolvera leggermente la spianatoia e inizia a stendere l’impasto formando un disco. Man mano che stendi e il disco si allarga, capovolgilo e continua a stenderlo. Non arrivare mai al bordo con il matterello, altrimenti si assottiglia troppo e si strappa; potrai arrivare ai bordi solo quando la sfoglia è praticamente tirata bene e quindi sottile.
    Lo spessore perfetto della sfoglia deve essere circa un paio di millimetri, ma se ti piace una pasta più grezza e corposa, puoi stenderla anche un pochino più spessa.

  5. Appena la sfoglia sarà ben tirata, lasciala riposare per 5 minuti, quindi rifila i bordi con un coltello in modo da ottenere un quadrato / rettangolo. Spolvera con un pizzicotto di farina e arrotola la sfoglia ben stretta ma con delicatezza.

  6. Affetta il rotolo a uno spessore di 4-5 millimetri con un coltello a lama liscia, quando avrai finito srotola i rotolini et voilà! Tagliatelle al cacao pronte! Sistemale sopra dei canovacci di stoffa lasciandole riposare per 30 minuti, dopodiché procedi con la cottura: tuffane poche alla volta nell’acqua salata che bolle per 5-8 minuti, dopodichè condiscile come preferisci.

Conservazione

Se non cuoci le tagliatelle al cacao nell’arco di qualche ora, conservale in un luogo fresco e asciutto sopra dei vassoi di plastica o acciaio, tra due canovacci di stoffa. Se fa molto caldo come nel periodo estivo, meglio conservarle nello stesso modo, ma in frigorifero. Evita vassoi di carta che assorbono l’umidità, rischieresti di far diventare collose le tagliatelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.