Il Sashimi è una delicatezza della cucina giapponese.

Il nome sashimi, che in giapponese significa letteralmente “corpo infilzato”, è probabilmente riferito alla pratica piuttosto diffusa di infilare la coda e le pinne del pesce nella polpa, allo scopo di rendere identificabile il pesce utilizzato nella preparazione.

Un’altra spiegazione del nome deriverebbe dal metodo di pesca tradizionale. Il pesce è preso all’amo da una singola lenza e, appena tirato a terra, il suo cervello viene “infilzato” con una punta affilata, in modo da ucciderlo all’istante; poi è subito messo sotto ghiaccio. Questo procedimento (chiamato Ike jime) previene la formazione di acido lattico, che si formerebbe nel caso di una morte lenta del pesce.
Sashimi

Ingredienti: 4

100 gr di filetto di tonno tagliato a quadretti e di spessore massimo 3 cm
60 gr di filetto di salmone
60 gr di seppie
60 gr di filetto di rombo
1 Daikon (rafano giapponese) o 1 rafano
1 cucchiaio di Wasabi (rafano verde giapponese)
Salsa di soia
Carote crude e lime, per guarnire

Leggi anche:  Torre di pane e melanzana.

Preparazione:

  • Prendete un coltello molto affilato e tagliate metà del filetto di tonno a fettine lunghe circa 1/2 cm.
  • Tagliate allo stesso modo il filetto di salmone.
  • Tagliate il resto del tonno a fette di 1 cm quindi a cubetti di 1-2 cm.
  • Tagliate le seppie in senso verticale a fette dello spessore di 3 cm e tagliate ogn’una a fettine sottili 3 mm.
  • Mettete il filetto di rombo sul tagliere e affettatelo finemente con un coltello molto affilato.
  • Pelate il rafano e tagliate via le estremità in modo da ottenere un pezzo dello stesso spessore lungo circa 10 cm.
  • Con un coltello affilatissimo affettate il rafano facendolo girare come un rotolo di carta.
  • Tagliate quindi il “nastro” di rafano a fettine di 1 mm.
  • Se vi sembra complicato, potete semplicemente grattugiare il rafano.
  • Modellate il Wasabi a forma di soglia e mettetela sul bordo del piatto da portata.
  • Disponete artisticamente sul piatto il pesce crudo e il rafano e decoratelo con fantasia utilizzando fettine sottili di lime e fiorellini fatti con le carote crude.
  • Servite in tavola con una ciotolina di salsa di soia per ogni commensale.
Leggi anche:  Timballini di riso con spezzatino ai funghi.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze della cucina lucana.
Precedente Gulasch di manzo con patate, piatto tipico ungherese, con alcune varianti. Successivo Riso con ortaggi al curry.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.