Risotto con finferli e cialda di parmigiano

Oggi ho tolto dal freezer una bustina di finferli, che avevo pulito per bene con una spazzolina per rimuovere la terra in eccesso, li avevo poi fatti appassire in padella per togliergli l’acqua e poi congelati dopo una notte a colare nello scolapasta. Quindi oggi ho deciso di farli come protagonisti di un buon risotto. In realtà di per se è un piatto davvero semplicissimo. I funghi, avendo già avuto una precottura prima di congelarli li ho messi quasi all’ultimo, quando il risotto era ormai praticamente cotto. A parte la classica mantecatura con burro e parmigiano poi questo risotto vuole solo una spolverata di prezzemolo ed è perfetto così. Non aggiungiamo troppi sapori, altrimenti quello delicato dei finferli verrebbe coperto.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    17 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Riso Carnaroli 150 g
  • Funghi finferli (gallinacci) 500 g
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Scalogno 1
  • Brodo vegetale 1 l
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 2 cucchiai
  • Burro q.b.
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Come prima cosa prepariamo un bel brodo vegetale da untilizzare poi per far andare il risotto e lo teniamo da parte al caldo. Nel frattempo con una spazzolina puliamo bene i funghi dalla terra in eccesso e li affettiamo.

    In un tegame mettiamo un filo d’olio d’oliva e lo scalogno trittato finemente. Facciamo andare un minuto e aggiungiamo il riso. Facciamo tostare ques’ultimo per un paio di minuti rigirando spesso e poi inziamo ad aggiungere il brodo bollente qualche mestolo alla volta, aggiungendone ogni volta che si asciuga troppo.

    Quando mancano 7-8 minuti alla cottura del riso, aggiungaimo i nostri funghi finferli affettati e mescoliamo bene. Una volta che il riso è cotto spegnamo la fiamma e mantechiamo con il formaggio grattugiato e una bella noce di burro. Mescoliamo bene e facciamo riposare il risotto per due minuti col coperchio chiuso. Impiattiamo e guarniamo con del prezzemolo trittato e una cialdina di parmigiano (trovi la ricetta per farla qui).

Precedente La torta di sapa, dolce tipico della mia Sardegna Successivo Hamburger vegetariani di barbabietole

Lascia un commento