Pizza fatta in casa a lievitazione veloce

Questo pomeriggio ho guardato in dispensa e ho deciso che avevo tutto il necessario per fare la pizza in casa. Purtroppo non sarà una pizza a lunghissima lievitazione come piace a me, mi sono svegliata troppo tardi. Ma si può fare una buona pizza anche solo con una giornata a disposizione.

Accendiamo la planetaria, frusta a gancio e impastiamo. Pochi ingredienti ma buoni. Solo farina acqua lievito sale e poco olio. E poi la magia che tanto amo. La lievitazione. Amo guardare gli impasti crescere e prendere vita. Aspettiamo le ore necessarie. Riprendiamo l’impasto, stendiamo rigorosamente coi polpastrelli (niente mattarello o roviniamo tutta la fatica precedente) e, dopo un’ulteriore lievitazione, condiamo come più ci piace. Io ho fatto la base con un buon sugo, metà ai wurstel e metà tonno, capperi e cipolle rosse (leggera leggera lo so).

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    9 ore
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    1 teglia rettangolare
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Acqua 300 ml
  • Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai
  • Lievito di birra secco 6 g
  • Sale 15 g

Preparazione

  1. Montiamo nella planetaria la frusta a gancio che si usa per gli impasti più duri, come pane o pizza. Se non avete la planetaria si può fare la stessa cosa a mano ma con tempi un po’ più lunghi. Ho messo nella ciotola la farina, ho sciolto il lievito in un bicchiere d’acqua tiepida (presa dai 300 ml totali) e l’ho unito alla farina, ho aggiunto i cucchiai di olio e ho fatto impastare una decina di minuti aggiungendo la restante acqua a filo. Ho quindi aggiunto il sale e ho continuato a impastare finche non ho ottenuto una palla liscia che si staccava da sola dai bordi della ciotola.

    Ho trasferito a questo punto l’impasto in una ciotola leggermente oliata, coperto con della pellicola e messo a lievitare in luogo asciutto per 8 ore (io ho messo dentro al forno spento). Trascorse le ore necessarie ho ipreso l’impasto cresciuto e l’ho trasferito nella placca da forno unta con olio. Aiutandomi solo coi polpastrelli, ho steso l’impasto sulla teglia lasciando i bordi laterali più alti. Ho quindi rimesso in forno e ho aspettato un ‘ulteriore lievitazione di 40 minuti. A questo punto la pizza è pronta per essere condita. Nel frattempo accendiamo il forno a 220 gradi. Io ho condito con un buon sugo di pomodoro appena fatto, fior di latte, metà con i wurstel per il bambino e metà con tonno, capperi e cipolle rosse per me tutto a crudo. Inforniamo a 220 gradi statico per 15 minuti. Buon appetito.

  2. Volendo fare una versione alternativa con quest’impasto per festeggiare qualunque riccorenza si può fare una semplice versione margherita della pizza e sopra mettere delle sottilette ritagliate con la forma che desiderate, cuori per San Valentino, fantasmi o altro per Halloween, alberi di Natale per Natale appunto o coniglietti per Pasqua.Potete sbizzarrirvi come volete con la fantasia.

Note

Se come me amate la pizza croccante vi consiglio di mettere in fonro durante la cottura un ciotolina d’acqua. Il vapore che si sprigiona conferisce la crosta della pizza una piacevole croccantezza. Esistono ormai anche forni in commercio con la funzionalità a vapore. Io ne ho acquistato uno l’anno scorso e mi ha decisamente cambiato la vita.

Precedente Nuvoletta d'uovo Successivo Malloreddus alla campidanese su cialda di pecorino

Lascia un commento