Pizzette sfoglie cagliaritane

Accanto al mio liceo si trovava un bar che ai tempi ritenevo strepitoso e tutte le mattine prima di salire a lezione andavo coi miei compagni a fare la nostra seconda colazione e non c’era mattina in cui non mi prendessi la mia adorata pizzetta sfoglia. Una volta diventata grande ho trovato lavoro, manco a farlo apposta, affianco al mio liceo e in quel bar a fare pausa caffè son tornata… e ho continuato beatamente a ordinare sempre la stessa cosa, pizzetta e succo alla pera. Ma non è una novità per nessuno che se devo scegliere tra dolce e salato la mia pancia mi indirizzerà sempre sul secondo. E la pizzetta in particolare è una delle mie passioni più assolute.

Recentemente ho trovato una ricetta perfette per potermi rifare le pizzette a casa, uguali uguali a quelle del bar. Avreste dovuto vedere la faccia di mio marito la prima volta che le ho fatte, davvero non voleva crederci che non le avessi comprate. Fragranza, sapore e aspetto perfetti, sembravano appena uscite da una pasticceria o dalla vetrinetta di un qualsiasi bar sardo. Eh sì, perchè in realtà queste pizzette le potete trovare solo qui in Sardegna. Non mi è mai capitato di vederle altrove in italia. Sono una specialità tutta nostra e in particolare di Cagliari e ne andiamo molto fieri. Non credo di essere mai stata ad un party dove non fossero presenti e come ho detto io personalmente le mangerei a qualsiasi ora… colazione compresa.

La ricetta originale che ho seguito è della strabravissima Federica Buccoli del blog Mambo Kitchen, che vi invito a visitare perchè ricchissimo di ricette deliziose e sfiziosissime.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 20 pezzi

Ingredienti

  • Pasta Sfoglia 2 rotoli
  • Pomodori pelati 1 barattolo
  • Capperi 1 barattolo
  • Acciughe sott'olio 1 barattolo
  • Origano q.b.
  • Mozzarella 1
  • Olio extravergine d'oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Zucchero q.b.
  • Uova 1

Preparazione

  1. Per prima cosa accendiamo il forno in funzione ventilata a 200 gradi. Quindi stendiamo il primo rotolo di sfoglia e con un coppapasta rotondo (o se non lo avete va bene anche una tazzina da tè con cui creare il solco tondo da ritagliare poi con un coltellino) creiamo le circonferenze con cui poi copriremo le nostre pizzette. Prepariamo ora il condimento per le pizzette. Tagliamo la mozzarella a dadini. Frulliamo i pelati e li condiamo con un filo d’olio d’oliva, un cucchiaino di zucchero e poco poco sale. Scaldiamo quindi i pelati per un minutino al microonde oppure in un pentolino giusto il tanto che serve perchè lo zucchero si sciolga, senza farlo bollire.

    Stendiamo il secondo rotolo di sfoglia e sempre col coppapasta o la tazzina creiamo le basi delle nostre pizzette. Facciamo una leggera pressione stavolta, senza ritagliare davvero la pasta. Al centro di ogni circonferenza mettiamo un pochino di salsa di pomodoro, due capperi, un’acciuga, tre o quattro cubetti di mozzarella e pochissimo origano. Copriamo con i cerchi di pasta che avevamo ritagliato precedentemente.
    Coi polpastrelli sigilliamo le pizzette facendo un pochino di pressione e stavolta ritagliamo le basi. Anche se esce un po’ di pomodoro non fa niente. Spennelliamo la superficie con un tuorlo d’uovo sbattutto. A questo punto inforniamo le pizzette nel forno già caldo sempre ventilato, abbassiamo la temperatura a 180 gradi e facciamo cuocere una quindicina di minuti o finchè non sono ben dorate. Nel frattempo si sprigionerà per la casa un odorino irresistibile e una volta sfornate le pizzette dubito aspetterete che si sfreddino per mangiarle… ma perchè siano più buone vi conviene che siano fredde. Buon appettito.

Note

Precedente Grissini dolci colorati Successivo Seppie con mandorle su crema di porri e patate

Lascia un commento