Fusilli napoletani con pomodorini saltati e bufala

Ieri a pranzo ho cucinato questi fusilli napoletani con pomodorini saltati e mozzarella di bufala.

Come sapete sono appena rientrata dalle ferie. Sono stata nel Cilento, anzi, ci sono tornata, dopo decenni. Posti magnifici. E come ho mangiato bene!

Come sempre ho riempito la macchina di souvenir mangerecci 😀 fra cui vari tipi di pasta. Questi fusilli napoletani sono a lavorazione artigianale, di semola di grano duro trafilati al bronzo. Veramente buoni! Li ho conditi in modo semplice solo con i pomodorini che ho comprato in un negozietto di frutta e verdura a Palinuro, giusto un attimo prima di metterci in viaggio per rientrare (mestamente) a casa. E’ sempre bello tornare a casa eh, per carità, ma essere in vacanza in un bel posto dove ci si trova così bene dà un gran gusto, inutile negarlo, e insomma… quel momento che decreta la fine delle ferie non è un momento di estrema felicità, dai, diciamolo 😛

Discorsi sentimental-tristi a parte (ché tanto prima o poi là ci torneremo!!), ho “impreziosito” i miei fusilli napoletani con pomodorini saltati in padella con l’aggiunta di una strepitosa mozzarella di bufala che ho comprato in un caseificio.
Nient’altro. A parte uno spicchio d’aglio e l’origano. E un giro d’olio. Ah sì, ovviamente ho comprato anche l’olio, come faccio sempre quando vado in vacanza in posti pieni di ulivi!

fusilli napoletani con pomodorini saltati e mozzarella di bufala

Fusilli napoletani con pomodorini saltati e bufala

Ingredienti
400 g di fusilli napoletani
700 g circa di pomodorini maturi (ma sodi)
1 mozzarella di bufala da 250 g
1 spicchio d’aglio grande
origano
olio extravergine

Procedimento
I fusilli che ho utilizzato per questa ricetta hanno un tempo di cottura di 13 minuti, tempo più che sufficiente alla cottura in padella dei pomodorini. Il bello di questi fusilli lunghi è che poi durante la cottura si sono spezzati in modo “autonomo” esattamente nella giusta misura! (come ben potete notare dalle foto 😉 ).
I pomodorini, maturi ma sodi e polposi, sono di tipo oblungo, non saprei dire onestamente se sono dei datterini o dei mini san marzano, propendo per i secondi ma non ne sono così sicura (accetto con piacere vostri più qualificati suggerimenti!).
La mozzarella è da 250 grammi, rigorosamente conservata fuori frigo e trasportata durante il viaggio nella sua acqua di governo e in un contenitore protettivo di polistirolo, nel quale si è conservata alla perfezione.

fusilli napoletani pomodorini mozzarella di bufala

Sbucciare lo spicchio d’aglio e tagliarlo a metà oppure in 4 pezzi, cioè in pezzi abbastanza grandi da poter poi essere tolti a fine cottura.
Far imbiondire l’aglio in poco olio nella padella saltapasta.
Lavare i pomodorini, tagliarli a metà e versarli nella padella.
Lasciarli cuocere per alcuni minuti spadellandoli di tanto in tanto, profumandoli a metà cottura con una bella presa di origano.
I pomodorini saranno cotti al punto giusto quando si saranno ammorbiditi pur rimanendo integri.

pomodorini saltati in padella

Quando i fusilli sono cotti scolarli, ma non troppo, versandoli nella padella un po’ grondanti d’acqua (oppure tenere da parte alcuni cucchiai di acqua di cottura da utilizzare al bisogno). La presenza di un minimo di acqua di cottura facilita lo spadellamento, consente di utilizzare meno olio, rende più cremoso il condimento.

Spadellare.
Un attimo prima di servire tagliare la mozzarella e aggiungerla ai fusilli.

Per amore di verità devo avvertirvi che mentre fotografavo al volo il piatto che vedete qui il resto della mozzarella si trovava spezzettata sul resto dei fusilli nella padella, perciò quando ci siamo messi a tavola il calore della pasta in padella aveva avuto modo di ammorbidire la mozzarella, giusto un minimo pur senza scioglierla. Noi l’abbiamo trovata strepitosa, una vera bontà!!

fusilli napoletani con pomodorini saltati e bufala

Senza saleIl sapore unico di questa mozzarella di bufala e di questi pomodorini, che nulla hanno a che vedere con certi pomodorini che a volte ho comprato, ahimè, al supermercato, ci hanno fatto gustare un primo piatto che posso proprio definire goloso, pur essendo del tutto senza sale aggiunto, cioè senza aggiunta di sale nell’acqua di cottura della pasta né nei pomodorini.

Ci tengo inoltre a darvi questa informazione: quando abbiamo acquistato le mozzarelle (e altri formaggi) la ragazza al banco vendita del caseificio era restia a venderci le mozzarelle di questa pezzatura perché “non salate” – cioè, ci ha spiegato che sono mozzarelle senza sale alla produzione che si insaporiscono poi durante il riposo nell’acqua di governo – e queste da 250 grammi erano state prodotte il giorno prima quindi avevano poche ore di “assorbimento del sale”. Prima dell’acquisto abbiamo approfittato del punto ristoro lì presente per fare una degustazione di formaggi, tra i quali anche una di queste mozzarelle “insipide”. Be’ vi assicuro che il nostro entusiasmo è stato unanime, abbiamo tutti decisamente apprezzato, anzi direi preferito, figli compresi, questa mozzarella considerata insipida. Vi assicuro che aveva un sapore di latte, un sapore di… mozzarella (!) insuperabile!
Fate come noi! Riducete il sale aggiunto dai vostri cibi, imparerete ad apprezzare i loro sapori autentici, e non ve ne pentirete!  😀

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

 

Passate a trovarmi sulla pagina Facebook !!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.