Crea sito
aciascunoilsuo cucina sostenibile

Insalata di tarassaco novello (dandagliui) e uova sode

Insalata di tarassaco novello

Insalata di tarassaco novello. Delizia primaverile. La raccolta di erbe spontanee commestibili ci permette di riappropiarci del valore della natura ricordandoci che le coltivazioni sono arrivate soltanto dopo e che una volta, tanto tempo fa i nostri nonni raccoglievano quel che il territorio dava loro senza necessità di coltivare. Riconoscere queste erbe spontanee commestibili, interpretarne le loro caratteristiche esterne e comprenderne le proprietà benefiche, sono gesti da cui si trae un piacere che nessun ipermercato, per fornito che sia, è in grado di procurarci. Buon raccolto.

Vedi anche:

(altro…)

Tortine di pane raffermo e amaretti farcite di marmellata di scarto di spremuta e ricoperte di cioccolato

Tortine di pane raffermo e amaretti farcite di marmellata di scarto di spremuta e ricoperte di cioccolato

Tortine di pane raffermo e amaretti: pane sprecone. Ne compriamo sempre un’esagerazione, infatti non per niente viene definito “il principe degli sprechi”: secondo voi perché? Quante volte capita di avanzarlo? Allora non buttiamolo, riutilizziamolo.

Vedi anche:

Tortine salate all’aglio orsino, con scarola, ortiche novelle e caprino

Tortine salate all'aglio orsino

Tortine salate all’glio orsino. Che meraviglia il risveglio della primavera. In pochi giorni di sole si vedono spuntare fiori e erbe spontanee dai colori sgargianti. Chi vive in campagna o in montagna ha la fortuna di poter assaporare certe ghiottonerie che solo in questo periodo si possono trovare nei prati: sto parlando di aglio orsino, ortiche novelle (urtighit), tarassaco novello (dandagliui) e tante altre. Una bontà 100% naturale, che giova al corpo e e alla mente.

Vedi anche:

(altro…)

Tortelli di Carnevale della nonna Livia (Turtei)

Tortelli di Carnevale

Tortelli di Carnevale..Chissà quanti nomi, quante ricette e quante storie si portano dietro questi dolci speciali..Qui dove viviamo si chiamano “turtei” e vengono preparati con un impasto semplice, ma che deve riposare per parecchio tempo. Ed ecco che la manualità e la pazienza della nonna Livia entrano in gioco, per viziarci come ogni Carnevale che si rispetti. Grazie nonna!

Vedi anche:

Tortelli di Carnevale della nonna Livia (Turtei)

Ingredienti:

  • 500 g di farina
  • 150 g di burro
  • 150 g di zucchero
  • 5 uova
  • 1 bustina di lievito

Preparazione:

  1. Sbattete le uova con lo zucchero, rendendo il composto chiaro e spumoso.
  2. Aggiungete il burro sciolto precedentemente.
  3. Unite la farina setacciata con il lievito.
  4. Impastate e formate una palla.
  5. Stendete l’impasto e con l’aiuto della macchina della pasta, stendete le strisce. Ritagliate le strisce con il tagliapasta in piccoli rettangoli.
  6. Disponete i rettangoli di pasta su una spianatoia infarinata e lasciateli riposare e lievitare coperti da pellicola o da un canovaccio umido per due ore.
  7. Friggete i tortelli di Carnevale in olio di arachidi ( anche se si dovrebbe usare lo strutto).
  8. Servite subito i tortelli di Carnevale ricoperti di zucchero.

 

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Torna alla home

 

1 2 3 140