Crea sito
aciascunoilsuo cucina sostenibile

Cavolfiori arrosto

Ho cucinato i cavolfiori arrosto per la prima volta dopo anni di ricette monotone come i soliti cavolfiori gratinati, cavolfiori in insalata e cavolfiori bolliti. Una vera scoperta. Una ricetta eccezionale, gustosa, piena di sapore, tanto sapore. Una ricetta che potrebbe piacere perfino ai più piccoli. Il segreto? Paprika e zenzero, tutto qui. Sono queste due spezie a dare un sapore unico al cavolfiore arrosto. SE vi piace anche del pepe bianco.

Cavolfiori arrosto
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    25 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    6

Ingredienti

  • Olio extravergine d’oliva 1 cucchiaio
  • Paprika dolce 1 cucchiaino
  • Zenzero in polvere 1 cucchiaino
  • Cavolfiore (medio-grande) 1

Preparazione

  1. cavolfiori arrosto
    1. Pulite un cavolfiore medio, eliminando foglie e parte del gambo in eccesso e dividetelo in ciuffetti non troppo piccoli.
    2. Tagliate i ciuffi a fettine di un centimetro circa.
    3. Disponete i cavolfiori a fette in un unico strato su una teglia ricoperta di carta da forno.
    4. Spolverate i cavolfiori di paprika dolce e zenzero in polvere, peperoncino se vi piace, sale e pepe bianco.
    5. Irrorate i cavolfiori con olio extravergine di ottima qualità.
    6. Infornate il tutto a 200°C per 20 minuti circa.

Altre idee con Cavoli & CO.

  1.  

Note

I cavolfiori arrosto sono buoni sia caldi sia tiepidi, mangiati come contorno.

Idea gustosa con la vellutata di cavolfiori arrosto

Preparate un brodo vegetale (circa 1 litro), aggiungete i cavolfiori arrosto (per un litro un cavolfiore) e portate a bollore. Aggiungete del formaggio di vostro gradimento e magari delle nocciole, delle mandorle o degli anacardi tostati e tritati. Frullate il tutto con un filo d’olio extravergine d’oliva e regolando di sale e di pepe. Riportate a bollore e servite con crostini di pane.

 

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Torna alla home

Plumcake antispreco di pane raffermo, amaretti e cioccolato

Il pane è il re degli sprechi. Ne acquistiamo sempre troppo, specialmente nelle giornate di festa e poi rimane nei cassetti per giorni prima di essere buttato. E perché buttarlo allora? Riutilizziamolo per la prepararzione ddi un dolce, come ad esempio questo semplicissimo plumcake antispreco di pane raffermo, amaretti e cioccolato. Bastano pochi ingredienti e poco tempo.

Il pane raffermo: il dilemma dello spreco

Lo sapevate che il 44% del pane prodotto in tutti il mondo a fine giornata viene gettato? Assurdo vero? Pensate quanta energia viene consumata, quanta forza lavoro, quanta acqua, quanta farina, insomma uno spreco alimentare immenso e non solo.

La birra ottenuta dal pane raffermo

Idea geniale quella nata in Inghilterra verso la metà dell’anno corrente. “Toast” è il nome della birra con note di caramello date dal pane che la rendono  unica nel suo genere.
Il pane recuperato da panifici e supermercati a fine giornata viene tagliato, schiacciato e ridotto in briciole, di seguito tostato e lasciato fermentare con orzo, luppolo e lievito. Una gran bella innovazione anrispreco. Per saperne di più

Plumcake antispreco di pane raffermo, amaretti e cioccolato
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Pane raffermo 1 kg
  • Amaretti 200 g
  • Cioccolato fondente al 60-69% 100 g
  • Latte 1 l
  • Uova 3
  • Zucchero 120 g
  • Burro 20 g
  • Pangrattato 20 g

Preparazione

    1. Spezzettate il pane raffermo bagnatelo con il latte lasciandolo riposare per circa 15 minuti.
    2. Aggiungete lo zucchero, gli amaretti rotti, il cioccolato a scaglie, i tuorli e mescolate  fino ad ottenere un composto omogeneo.
    3. Montate gli albumi a neve ben ferma e aggiungeteli delicatamente al composto rigirando dal basso verso l’alto.
    4. Versate il composto in una tortiera imburrata e spolverizzata di pangrattato e fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti.

Note

Cestini di pane raffermo con borragine, spinaci novelli, uvetta e sesamo

Cestini di pane raffermo

Cestini di pane raffermo. Idea low cost di grande successo. Cosa farne di tutto il pane che puntualmente avanza nei sacchetti di carta? A volte diventa davvero insopportabile la sola vista di questo grande spreco. Bene, la mia idea è quella di ridargli vita, trasformandolo in originali e carinissimi cestini con borragine, spinaci novelli, uvetta e sesamo. Deliziosi finger food da servire come antipasto o durante l’aperitivo.

Vedi anche:

(altro…)

Insalata di tarassaco novello (dandagliui) e uova sode

Insalata di tarassaco novello

Insalata di tarassaco novello. Delizia primaverile. La raccolta di erbe spontanee commestibili ci permette di riappropiarci del valore della natura ricordandoci che le coltivazioni sono arrivate soltanto dopo e che una volta, tanto tempo fa i nostri nonni raccoglievano quel che il territorio dava loro senza necessità di coltivare. Riconoscere queste erbe spontanee commestibili, interpretarne le loro caratteristiche esterne e comprenderne le proprietà benefiche, sono gesti da cui si trae un piacere che nessun ipermercato, per fornito che sia, è in grado di procurarci. Buon raccolto.

Vedi anche:

(altro…)