Biscotti light all’ex spremuta d’arancia, 40 kcal

biscotti light

Spesso quando si intraprende un regime alimentare o si pensa al cibo ci si sofferma non a pensare a qualcosa di gustoso ma leggero, ma si pensa a quello di cui ci stiamo negando, convincendoci che tutto quello che consumiamo sia scialbo e privo di gusto. Nulla di più sbagliato e usiamo questi biscotti light all’ex spremuta d’arancia come “testimonial”. Ogni frollino contiene 3o Kcal, sono divertenti da preparare e soprattutto sono ecosostenibili, perché utilizziamo lo scarto della spremuta d’arancia. Cosa aspettate?

Sai cos’è una caloria?

Il nostro organismo ha bisogno di energia per vivere, crescere, mantenere la temperatura ed essere attivo. Esso assume l’energia che gli necessita dal cibo e dalle bevande che consumiamo, più esattamente dai grassi, dai carboidrati, dalle proteine e dall’alcol che contengono.
Una caloria (cal), come saprà chiunque abbia provato a sottoporsi a una dieta, è l’unità usata per misurare quanta energia contengono i diversi alimenti. Una caloria può essere definita scientificamente come l’energia richiesta per aumentare la temperatura di 1 grammo di acqua da 14,5°C a 15,5°C. Una chilocaloria (Kcal) equivale a 1000 calorie e, in effetti, le chilocalorie sono quelle a cui solitamente ci riferiamo quando parliamo di calorie dei diversi alimenti.
Differenti tipi di alimenti contengono un numero diverso di calorie. Ad esempio, 1 grammo  di carboidrati (amidi o zuccheri) fornisce 3,75 kcal/g, le proteine forniscono 4 kcal/g, i grassi 9 kcal/g e l’alcol 7 kcal/g. Perciò i grassi sono la fonte di energia più concentrata (a parità di peso, forniscono oltre il doppio delle calorie sia delle proteine che dei carboidrati), e l’alcol è sorprendentemente secondo in graduatoria. Il contenuto energetico di un alimento o di una bevanda dipende sia da quanti grammi di carboidrati, grassi, proteine e alcol sono presenti.

Ingredienti:

  • 250 g di farina
  • 175 g di margarina oppure 4 cucchiai di olio evo
  • scorza e polpa di scarto di un’arancia
  • 80 g di zucchero di canna
  • 2 cucchiaini di acqua fredda
  • zucchero a velo
  • cacao amaro in polvere (facoltativo)

Procedimento:

Mettete la farina in una ciotola, aggiungete il burro o l’olio evo e impastate con la punta dlle dita finché il composto non diventa sabbioso. Aggiungete, mescolando, la buccia e la polpa di scarto dell’arancia ben tritati, magari passati al mixer, lo zucchero e l’acqua fredda.
Stendete la pasta su una spianatoia leggermente infarinata. Usate formine piuttosto piccole e ricavatene tanti biscotti light all’ex spremuta d’arancia.
Disponete i biscotti light su una teglia ricoperta di carta da forno e cuocete in forno preriscaldato a 200° per 10-12 minuti, finché non sono dorati.
Decorate i biscotti light con zucchero a velo miscelato a cacao in polvere e conservate in scatole di latte.

Photo Credits: flickr.com/photos/luisapuccini/280519602/

Precedente Vino, zampone e cotechino, i Re di Capodanno Successivo Crostata frangipane vegan con zafferano, fragole e panna acida

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.