Crea sito

Caldarroste nella friggitrice ad aria

Decenni. Ho impiegato decenni, di cotture malriuscite, di bruciature, di castagne bruciate fuori e crude dentro, di prove in forno, in padella normale, in padella coi buchi, e di decisioni di lasciar perdere e mangiarle solo quando le cuoce la mamma… per arrivare alla fine a questa verità: cuocere le caldarroste nella friggitrice ad aria è la nuova scoperta del secolo!, o potrei dire che è l’uovo di colombo nella cottura delle castagne, oppure… «eh ma caspita!, allora è verooo!», o altre espressioni di questo tenore che mi sono passate per la testa mentre sbucciavo le mie prime e ben riuscite caldarroste cotte con la friggitrice ad aria (e mangiandone una su due nel contempo, ma sorvoliamo… 😀 ).

Prima di raccontarvi come si fa a cuocere le caldarroste nella friggitrice ad aria, vi racconto un po’ di cose su questo che è l’elettrodomestico del momento, e quali vie traverse mi hanno portato a possederne una. 🙂

La friggitrice ad aria – chiamata anche all’inglese, Airfryer – è una friggitrice (un nome, un destino 😀 ), che consente di friggere usando solo una quantità minimale d’olio, coadiuvata da un contemporaneo bel getto d’aria. Una friggitrice ventilata, insomma, che grazie a questo felice connubio produce fritture molto più leggere e dietetiche di quelle tradizionali (anche se a detta di qualcuno non del tutto paragonabili nella resa finale, ma ci sta. E ovviamente quando friggerò qualcosa anch’io vi informerò del risultato).

Quel che io prima di possederne una non sapevo, ed è stata per me una scoperta, è che è al di là del nome “friggitrice” questo attrezzo furbissimo funge anche da mini fornetto (ma esistono anche delle friggitrici ad aria grandi, e non solo mini come la mia). La friggitrice ad aria quindi è utilizzabile anche per cotture “da forno” e non solo per ottenere delle fritture come invece la mia beata ignoranza mi suggeriva. Visti i risultati ottimi che ho ottenuto con le mie caldarroste, posso dire che come fornetto funziona proprio bene.

Le friggitrici ad aria ultimamente si sono diffuse tantissimo, ma in realtà sono sul mercato già da un bel po’. Anni direi. Solo che, e diciamolo, fino ad un certo punto nessuno se le filava. L’unica persona di cui io fossi a conoscenza, che usava la friggitrice ad aria e ne tesseva le lodi in tempi non sospetti, era Giovanna, la mia collega/amica blogger e coach della dieta WW Propoints. Anni fa nel periodo della mia già citata beata ignoranza, Giovanna già cucinava e pubblicava ricette con questa cosa che si chiamava friggitrice ad aria, che io non conoscevo e che per il solo fatto che si chiamasse friggitrice (a causa della mia negativissima esperienza avuta in passato con una friggitrice vera, usata due volte e poi eliminata dalla mia vita) non suscitava per nulla il mio interesse. Tanto che ogni volta che leggevo una sua ricetta cucinata con la sua airfryer, mentre la leggevo la traducevo simultaneamente in ricetta cotta nel mio forno e la cosa finiva lì.
(Giovanna! ahah! dai non ridere! 😀 )
E siccome io di solito mi innamoro di ogni nuovo elettrodomestico, attrezzo o diavoleria da cucina che mi passa sotto al naso, vi dirò che ero pure molto orgogliosa di me stessa, per questo scarso interesse da me nutrito per un attrezzo da cucina. Della serie: un aggeggio in meno nella mia affollata cucina, tiè!

Poi ad un certo punto le friggitrici ad aria iniziano ad apparire ovunque. Non so quando sia ufficialmente iniziato l’attuale boom mediatico della friggitrice ad aria. Né so sulla scia di quale motivo, evento, o campagna pubblicitaria.
Fatto sta che ho iniziato a sospettare fosse arrivato il suo momento di splendore, quando – eh fa ridere ma è così davvero – il rivenditore di cancelleria dal quale ci riforniamo per l’ufficio ha iniziato ad inserire fra gli omaggi per gli acquisti questa friggitrice ad aria tutta colorata.
Che alla prima occasione ho bellamente snobbato, scegliendo al suo posto un set di padelle. Mi servivano. 🙂
Tempo dopo l’hanno riproposta. Ci ho riflettuto su. Indecisissima, rifletti oggi rifletti domani quando mi sono decisa… ops tempo scaduto!, omaggi cambiati ed airfryer sparita.
Mmmm… ma vabbe’ pazienza, poco male, ho detto. Anzi meglio così, tanto non mi serve.

Indovinate un po’?
Proprio da lì il tarlo della curiosità ha iniziato a serpeggiare in me.
Potrei regalarmela per natale. No no non mi serve, ed è troppo piccola, che me ne faccio che siamo in quattro, due dei quali adolescenti famelici? Potrei regalarmela per natale. Ma no, non ho posto in cucina, e poi dove lo trovo il tempo per imparare ad usarla? Eh ma potrei regalarmela per natale. Nooo daiii sarebbe una spesa inutile! Ehhhhh, ma che peccato però, non aver colto quell’occasione dell’omaggio, mi sarei tolta la curiosità. Ma sì pazienza dai. Peccato però, eh lo so che non la riproporranno più, già due volte….

E fu così che pochi mesi dopo… ta dan!
In un attimo ho fatto scorta di cd, buste imbottite e carta per fotocopie. 😀

Arriva.
La tolgo dalla scatola.
Ma che piccola che è! Leggo il libretto. Leggo le ricette allegate. La rimetto nella scatola. È piccola! Non ci sta nulla dentro! Non ho idea di come usarla! E adesso che ci cuocio?

Non faccio in tempo a chiedermelo che… San Team Light and Tasty mi indica la via 😀
L’ingrediente scelto dal Team per oggi, le castagne, non poteva cascare più a fagiuolo di così!

Quindi. Se anche voi avete lì una friggitrice ad aria che vi cresce e non sapete come usarla… bene! Cominciate così!
Come primo utilizzo usatela per cuocere le castagne, vi assicuro che vi sorprenderà!!!

caldarroste cotte nella airfryer
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gcastagne

Strumenti

  • Friggitrice ad aria

Come cuocere le caldarroste nella friggitrice ad aria

Il procedimento è di una semplicità disarmante, ora che avete letto tutta la mia lunga introduzione… forse vi stupirete delle poche parole del procedimento! 😀
  1. castagne nella friggitrice ad aria prima della cottura

    Incidere la buccia delle castagne con un coltello.

    Inserire la griglia sul fondo del contenitore (non so se tutte le friggitrici ad aria abbiano una griglia simile ma suppongo di sì).

    Porre le castagne sulla griglia, possibilmente senza sovrapporle.

    Inserire il cestello nella friggitrice.

  2. Settare 180 gradi e 15 minuti di tempo di cottura.

    La mia airfryer è piccola, le castagne che ho utilizzato per ricoprire il fondo del cestello pesavano circa 300 grammi. Naturalmente il peso potrà variare in base alla dimensione delle castagne.

    Per il tempo di cottura occorre considerare che può variare secondo la dimensione delle castagne: castagne piccole cuoceranno in meno tempo.

    Alla prima cottura può essere utile provare con soli 10 minuti, controllare la cottura e poi decidere se aggiungere qualche minuto. Lo consiglio perché è meglio essere prudenti: basta qualche minuto di troppo e le castagne si seccano. Poi, come sempre con tutte le novità, alla seconda cottura si aggiusta il tiro.

    In ogni caso un utile indicatore è il profumo: quando si sente il profumo delle caldarroste… ci siamo quasi!

  3. Ecco le mie caldarroste appena sbucciate:

    castagne arrosto in airfryer

    caldarroste nella airfryer

  4. caldarroste nella friggitrice ad aria pellicina

    Come ben si nota dalle foto, se cotte correttamente le caldarroste nella friggitrice ad aria si sbucciano con una facilità estrema.

    Alcune può succedere che non si sbuccino bene, alcune castagne non perfette possono capitare (ma d’altronde anche utilizzando altri metodi di cottura). Nel mio caso è avvenuto con tre castagne, una delle quali più piccola e quindi troppo cotta, le altre due invece erano malate.

    Con la foto seguente vi mostro la differenza tra una castagna con pellicina perfettamente staccata e la castagna troppo cotta con la pellicina tutta attaccata:

  5. Sono sincera, le mie caldarroste nella friggitrice ad aria sono riuscite migliori di quanto mi aspettassi. Adesso non mi resta che sperimentare anche altre cotture!

    Casomai vi incuriosisse vedere meglio di cosa si tratta, il modello che ho io è questo (è piccola semplice ed economica) che vi linko qui: Friggitrice ad aria Airy Fryer Mini Ariete

  6. Fatemi sapere! Spero che le caldarroste cotte in questo modo piacciano anche a voi come sono piaciute a me!

    Potete scrivermi un commento qui in coda, oppure venite a trovarmi qui:

    sulla mia pagina Facebook

    sulle mie bacheche Pinterest

    oppure iscrivetevi al mio gruppo! Il gruppo di Catia, in cucina e oltre

    o alla mia Newsletter

  1. Info: In questa ricetta è presente un link di affiliazione

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

14 Risposte a “Caldarroste nella friggitrice ad aria”

  1. Anche per me la friggitrice ad aria è stata una vera sorpresa, ci ho cotto di tutto e ho fatto anche le torte. La uso essenzialmente d’estate così non accendo il forno. Le castagne fatte con la friggitrice ad aria sono una vera genialata! Un abbraccio e buona settimana.

    1. La mia è molto piccola ma voglio provarci anch’io a farci una torta! anzi, una tortina 😀 Grazie Milena, avere informazioni positive mi sprona a provare al più presto!

  2. ahahahahahahahahah San Team mi piace ahahahahahah
    Le caldarroste sono venute molto bene, anzi quasi meglio che con il metodo tradizionale (parlo per le mie). Bravissima!
    Un bacio

    1. Puoi parlare a voce alta anche per le mie! Questa è stata la prima volta in vita mia che ho cotto delle caldarroste cotte bene! ahahah!

  3. Mi ha sempre incuriositi la friggitrice ad aria ma non conoscevo affatto le potenzialità! E poiché sono un disastro nella cottura delle castagne mi sa che approfitterò del black Friday per procurmela

    1. Mi consolo! allora non sono la sola ad essere (anzi ad essere stata 😀 ) un disastro a cuocere le castagne! Vedrai che ti ci troverai benissimo!

  4. ecco un altro oggetto del desiderio, io vorrei tutti gli elettrodomestici, e poi li uso anche! Mi ricorda tanto la frittolosa, non so se te la ricordi, era un cestello girevole che scaldava i cibi, meglio se prefritti, diminuendo l’uso dell’olio, erano gli anni 90 e naturalmente ne avevo una che funzionava spesso, soprattutto per le patatine, mio nipote è diventato alto con quella!
    Mi piacerebbe acquistare questa friggitrice ad aria, ci penserò! un abbraccio!

    1. Ma sai che invece io non sempre li uso? alcuni poi mi intimoriscono! (ad esempio il fornetto versilia, ma lo dico sottovoce solo a te perché mi vergogno 😀 ). La frittolosa non la conosco! A casa mia i fritti sono sempre andati molto poco, ma ho avuto la friggitrice con cestello rotante inclinato, l’avevo ereditata da mia suocera (che l’aveva ricevuta in omaggio con un abbonamento mi pare) che non voleva usarla. Non mi era piaciuta per nulla!, e l’ho eliminata quando ho traslocato 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.