Bisciola valtellinese con grano saraceno, antica ricetta natalizia

Conosciuto anche come Panettone Valtellinese, la Bisciola è un dolce rustico ed antico che vale la pena di riscoprire per i suoi ingredienti buoni e salutari come farina di grano saraceno, frutta secca e semi oleosi.bisciola valtellinese

Oggi per la rubrica @lericettedimenticate voliamo nella magica e bellissima Valtellina a riscoprire la Bisciola, un dolce che da quelle parti è un vera istituzione per le feste natalizie tanto che viene chiamato anche panettone valtellinese. Si tratta di un dolce molto rustico e semplice a base di farina di grano saraceno, fichi secchi, noci e uvette.

La leggenda fa risalire la Bisciola al 1797 anno in cui Napoleone e le sue truppe si fermarono in Valtellina per riposarsi e rifocillarsi. L’imperatore ordinò ai suoi cuochi un dolce con le materie prime tipiche della Valtellina e da lì nacque la Bisciola. A me piace perché è un dolce semplice, con pochissimo burro e zucchero, ma con una gran quantità di frutta secca e semi oleosi che contribuiscono a renderlo goloso, ma anche più salutare di tanti altri dolci.

E’ inoltre, scarsamente lievitato e abbastanza compatto perché doveva potersi conservare a lungo anche nei giorni successivi

Bisciola, una valida alternativa al Panettone

Riscoprire la Bisciola ci aiuta a riportare in tavola un dolce rustico, con farine poco raffinate ed antiche come il grano saraceno, un simil-cereale dalle proprietà riscaldanti ottimo da gustare in inverno.

Sostituire i moderni panettoni industriali ricchi di farine raffinate e glutinose, come la Manitoba, con la Bisciola ci consente di gustare un prodotto artigianale di migliore qualità, gluten-light (il grano saraceno non contiene glutine, tuttavia questo dolce non è adatto ai celiaci) e principalmente dolcificato con la frutta. La mia versione di Bisciola, infatti, contiene solo 70 g di zucchero per 6/8 porzioni.

Seguimi in cucina a preparare la Bisciola

Bisciola valtellinese con grano saraceno

Cottura 45 min
lievitazione 4 h
Portata Dolci
Cucina tradizionale italiana
Porzioni 6

Equipment

  • Planetaria

Ingredienti
  

  • 200 g Farina bio tipo 1
  • 100 g Farina bio di grano saraceno
  • 150 g Fichi secchi senza zuccheri aggiunti
  • 150 g Gherigli di noci
  • 140 g Acqua
  • 100 g Uvetta sultanina senza zuccheri aggiunti
  • 70 g Zucchero di canna integrale + 1 cucchiaino
  • 40 g Burro bio
  • 10 g Lievito di birra secco attivo
  • 1 Uovo bio solo tuorlo
  • 1 pizzichino Sale marino integrale

Istruzioni
 

  • Stempera il lievito nell'acqua a cui avrai aggiunto un cucchiaino di zucchero.
  • Miscela le farine e aggiungi l'acqua con il lievito disciolto, impasta a mano o meglio con la planetaria.
  • Con l'impasto forma una palla e lasciala lievitare coperta per almeno 2 ore.
  • Metti in ammollo in acqua i fichi secchi e l'uvetta e lascia ammollare per circa 1 ora.
  • Trascorso il tempo di lievitazione, aggiungi all'impasto il burro ammorbidito, il tuorlo e lo zucchero.
  • Impasta nuovamente per alcuni minuti, quindi lascia lievitare l'impasto coperto da un canovaccio per 30 minuti
  • Strizza i fichi e le uvette dall'acqua di ammollo e riduci i fichi a pezzetti
  • Trita grossolanamente le noci.
  • Unisci la frutta secca e le noci all'impasto, aggiungi un pizzico di sale e impasta nuovamente a mano o meglio con la planetaria poichè l'impasto sarà leggermente appiccicoso.
  • Adagia l'impasto su una leccarda da forno rivestita di carta da forno dando la forma di una cupola, incidi una croce sulla superficie e lascia riposare ancora 30 minuti coperto da un canovaccio.
  • Porta il forno a 200°, inforna a forno caldo. Cuoci 5 minuti a 200°, quindi porta il forno a 180° e cuoci la bisciola valtellinese per altri 40 minuti

Sei alla ricerca di altri Dolci di Natale , li trovi nel link

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da Silvia

Sono Silvia, naturopata e, da sempre, appassionata di cucina. Questo blog nasce dalla volontà di dimostrare che una alimentazione sana non deve necessariamente penalizzare il gusto. Alimentarsi correttamente e secondo natura è una necessità e anche i buongustai saranno felici di scoprirlo.

2 Risposte a “Bisciola valtellinese con grano saraceno, antica ricetta natalizia”

  1. In tremendo ritardo arrivo per gli auguri di Natale ma in tempo per quelli di fine anno!!!!
    Meglio che niente 😛
    Speriamo in un 2022 migliore e, viste le premesse, sicuramente di buon cibo!
    Auguri cara <3

    1. Ciao carissima, sono più in ritardo di te anche a causa di un problema con il computer. Grazie per gli auguri, buon anno a te, e a questo punto, anche buona Epifania.
      Un abbraccio e viva il buon cibo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Recipe Rating




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.