PESCHE SCIROPPATE

Le pesche sciroppate della mamma sono davvero squisite. In realtà si chiamano pesche sciroppate, ma vengono utilizzate le percoche, una varietà di pesca gialla molto compatta, che viene ormai coltivata in diverse regioni d’Italia. Questo perchè la pesca dopo la cottura risulterebbe troppo molle, invece le percoche resteranno sode e compatte.

Una ricetta molto semplice, con l’utilizzo di soli 3 ingredienti, otterrete un prodotto delizioso da conservare anche durante l’inverno, quando le pesche non ci sono più.

E poi con lo sciroppo che si formerà dalle pesche sciroppate, potrete fare altre deliziose ricette, ed esempio utilizzarlo come bagna per le vostre torte farcite, oppure sul gelato.

In questa ricetta non indicherò la quantità di tutti gli ingredienti e leggendo il procedimento, ne capirete il motivo.

E allora..mettiamoci al lavoro prima che la stagione delle pesche finisca!

Ti piacciono le mie ricette, vieni a trovarmi su fbtwitterpinterestGoogle+

pesche sciroppate

Pesche sciroppate

Ingredienti:

percoche gialle

zucchero

acqua

Preparazione:

lavate le percoche, asciugatele, sbucciatele e tagliatele a spicchi o a tocchetti e mettetele ben disposte nei diversi barattoli di vetro precedentemente lavati e asciugati.

Dopo aver riempito per bene i barattoli, battendoli anche leggermente, in modo che i tocchetti delle pesche scendano e si vadano a posizionare bene, aggiungete in ogni barattolo 1 cucchiaio e mezzo di zucchero.

Ora coprite le pesche con l’acqua fredda di rubinetto o minerale e chiudete.

Mettete ora i barattoli ben chiusi in una capace casseruola, distanziando i barattoli uno con l’altro con dei canovacci, in modo che durante il bollore urtandosi non si rompano.

Versate nella casseruola tanta acqua da vedere immersi i barattoli, quindi accendere il gas e portare a bollore.

Appena arriverà il bollore, spegnere il gas e lasciare raffreddare i barattoli di pesche sciroppate nella casseruola.

Quindi asciugare i barattoli e conservarli in un luogo asciutto.

Precedente SIMIL VIENNETTA Successivo CORNETTI SFOGLIATI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.