Crea sito
La cucina sostenibile

viversano e antispreco

celiaco

Torta pere e cioccolato con farina di riso e lavanda

torta pere e cioccolato veg

Esatto. Avete letto bene. Lavanda. Con il cioccolato è strepitosa. Questo nuovo connubio di sapori è assolutamente da provare. Ne vale la pena. La torta pere e cioccolato è ormai un classico intramontabile che amo spropositatamente. Oggi in versione vegan e gluten free, preparata per l’occasione esclusivamente con farina di riso e tanto goloso cioccolato extra fondente.

Non si può vivere senza cioccolato…

Torta pere e cioccolato con farina di riso e lavanda

Ingredienti (tortiera a cerniera, diametro 24-28 cm):

  • 300 g di farina di riso
  • 100 g di zucchero grezzo o 2 cucchiai di malto di riso
  • 250 ml di yogurt vegetale
  • 3-4 pere a seconda della dimensione
  • 200 g di cioccolato extra fondente (70% minimo)
  • 60 g di cacao amaro in polvere
  • una bustina di polvere lievitante
  • una manciata di fiori di lavanda essiccati ad uso alimentare (disponibili nei negozi bio)
  • pizzico di sale

Preparazione:

  1. In una ciotola capiente miscelate la farina con la polvere lievitante e il cacao in polvere, aggiungete lo zucchero grezzo e il pizzico di sale.
  2. Sciogliete il cioccolato a bagnomaria o nel microonde. (Tenete da parte 40 g circa per la decorazione)
  3. Unite il cioccolato fuso alla miscela di farina.
  4. Aggiungete anche lo yogurt, i fiori di lavanda sminuzzati e mescolate il tutto.
  5. Oliate molto bene una tortiera a cerniera. In alternativa potete ricoprirla di carta da forno bagnata e strizzata.
  6. Versate il composto nella tortiera e livellate con un cucchiaio o con qualche colpetto sul fondo.
  7. Tagliate le pere, dopo averle sbucciate (se sono bio potete lasciare anche la buccia) a fette sottili ma non troppo e disponetele a raggiera nell’impasto.
  8. Cuocete in forno già caldo a 180°C per 40 minuti circa.
  9. Lasciate raffreddare e sformate la torta pere e cioccolato con farina di riso e lavanda.
  10. Sciogliete il cioccolato rimasto e versatelo sulla torta se desiderate golosità extra.

Il cioccolato fa miracoli per migliorare il livello di umore

cioccolato 300Questo è possibile grazie ad un ormone presente all’interno del cioccalato, la serotonina. Questo ormone è anche responsabile dell’aumento di endorfine prodotte, le quali aumentano a loro volta le sensazioni piacevoli del corpo, aiutando la persona a ritrovare il buon umore.

Attenzione alla dipendenza da questo alimento. È presente all’interno del cioccolato una sostanza denominata anandamide. Proprio quest’ultima è responsabile di donare un effetto di dipendenza nelle persone che consumano troppo cioccolato.

Mara Toscani

Insalata ricca di verza, carote e frutta secca

insalata ricca di verza, carote e frutta secca

E che sarà mai un’insalata? Un banalissimo contorno? Assolutamente no. E’ finito il tempo delle insalate scialbe, monocolore e senza gusto. Un’insalata deve avere tono, colore, croccantezza, sapore, intensità. Deve diventare una signora insalata. Proprio come questa insalata ricca di verza, carote e frutta secca. Deliziosamente buona e fantasticamente leggera, arricchita da nocciole, bacche di goji e semi di zucca. Mix di colori, consistenze e sapori. Da provare come piatto unico in ufficio in aggiunta a legumi o tofu. Dimenticavo..ovviamente vegan e gluten free.

Parliamo di insalate?

(altro…)

Simil cheesecake veg nel barattolo, idea dolce veloce

Simil cheesecake veg nel barattolo

La cheesecake è un dolce che non milita molto nella mia cucina. Per il fatto che sono intollerante al lattosio, primo motivo e perché non è uno dei miei dolci preferiti, secondo motivo. Beh questo non vuol dire che non si possa preparare una volta ogni tanto. Ed è perfetta per una cena tra amici. Ecco la mia versione: simil cheesecake veg nel barattolo. Facile, golosa, buonissima.

A proposito di cheesecake..

(altro…)

Torta semplice con pere e pinoli

Baci di dama alle arachidi e vegnutella

baci di dama alle arachidi

E potevano mancare i baci di dama alle arachidi  vegan e gluten free? Certo che no. Una ricetta golosissima e antispreco data l’enorme quantità di arachidi che girano sulle tavole nel periodo natalizio. E poi la vegnutellacrema di nocciole indiscutibilmente deliziosa. Ricetta perfetta per i bambini, da preparere con i bambini. Cosa aspettate?

NUTELLA E’ UN MARCHIO REGISTRATO, PER VEGNUTELLA S’INTENDE CREMA AL CACAO CON NOCCIOLE SIMILE AL MARCHIO, MA PRIVATA DI INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE. TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI A FERRERO.

Vedi anche:

(altro…)

Paté di gambi di carciofi, pinoli e semi di canapa

paté di gambi di carciofi

Scommetto che fino ad ora i gambi di carciofi li avete sempre gettati. Non mi sbaglio vero? Beh, lo facevo anch’io. Ma ho scoperto che i gambi sono deliziosi! E ne ho creato un goloso paté arricchito dai pinoli e dai semi di canapa. Semplicissimo da preparare il paté di gambi di carciofi è perfetto sulle tartine, ma anche per accompagnare un buon piatto di pasta. Niente spreco, tanto gusto! Ricetta vegan e gluten free.

Vedi anche:

(altro…)

Passatelli veg di carote

passatelli carote 600

I passatelli non fanno parte della mia tradizione culinaria, è un piatto tipico dell’Emilia Romagna e zone limitrofe. Prima d’ora non mi ero mai cimentata nella preparazione di questo primo piatto. I passatelli vengono serviti rigorosamente in brodo il giorno di Natale e preparati con pangrattato, grana o parmigiano e uova.
I passatelli veg di carote in brodo invece, sono preparati senza ingredienti di origine animale e senza farina di grano. Ricetta alternativa, che cerca di rispecchiare la tradizione in maniera vegan e gluten free.

Vedi anche:

(altro…)

Semplicemente pere e cioccolato

pere e cioccolato

D’accordo che è quasi Natale e si dovrebbero preparare Pandori e Panettoni, ma se preparassimo Semplicemente pere e cioccolato? Una torta leggera a base di farina di riso, con due impasti semplici, vegan e gluten free. Dolce perfetto per i bambini, per la colazione e per la merenda.

Vedi anche:

(altro…)

Lasagne di riso con ragù eco-vegetale

 

lasagne vegan 800

Le lasagne sono un piatto “tradizionalmente tradizionale”. Dire “lasagne vegan” potrebbe turbare la sensibilità e il patriottismo di molte persone. Ma chi è celiaco e non mangia prodotti di origine animale? Che fa? Mangia insalata? Certamente no. Ecco una soluzione golosa e da vedere, praticamente identica alla ricetta tradizionale: Lasagne di riso con ragù eco-vegetale. Buone, antispreco, vegan e gluten free. Fantastico vero?

Vedi anche:

(altro…)

Biscotti ripieni di mele e carote viola, velocissimi

biscotti ripieni

Eh si..Tra un po’ inizieranno le tanto attese vacanze di Natale. E cosa faremo fare ai bambini tutto il giorno? Beh..Biscotti! Un modo carino ed educativo per tenerli impegnati e farli pasticciare un po’ in cucina. Questi biscotti ripieni di mele e carote viola sono un’idea velocissima, sana e gustosa. Ricetta vegan e gluten free.

Vedi anche:

(altro…)

Crostatine di canapa, catalogna e cannellini

 

crostatine canapa

Vi siete mai chiesti cosa potreste preparare ad un invitato o ad un amico vegan? Di certo non ci si può presentare con un’insalata mista! Queste crostatine di canapa sono un’idea molto originale  e diversa dal solito, infatti sono preparate con farina di canapa, dal gusto che ricorda la nocciola e ripiene di catalogna e crema di fagioli cannellini. Antipasto o finger food carino, veloce e pratico; infatti potete anche prepararle in anticipo e congelarle per l’occasione. Cosa dite? Le proviamo?

Vedi anche:

(altro…)

Crostata al cacao con marmellata di cachi

 

crostata cacao marmellata di cachi

Se c’è un frutto di cui si sente parlare poco e il cui utilizzo è riassunto in poche ricette, quello è il cachi. Ed è un peccato perché è davvero delizioso e versatile. Eccolo in versione golosa, ovvero in veste di marmellata racchiusa da un guscio di pasta frolla al cacao. Abbinamento cachi-cacao? Perfetto. Voilà la crostata al cacao con marmellata di cachi.

Vedi anche:

(altro…)

Miglio al curry con pesto di baccelli di piselli

miglio al curry

Ben arrivata primavera! Finalmente le giornate si sono allungate e cominciano a spuntare le prime verdure nell’orto. Piselli, taccole o piattoni, lattughino, asparagi, ecc. Che meraviglia.
Cosa ne dite di farne subito una scorpacciata? Io ho pensato ad un primo piatto veloce, fresco, speziato e assolutamente antispreco: miglio al curry con pesto di baccelli di piselli. Pochi ingredienti ma tanto gusto.

Vedi anche:

(altro…)

Crostatine semplici al cioccolato e lamponi, ricetta vegan

crostatina cioccolato e lamponi

Avete già pensato al pic-nic di Pasquetta? Io comincio dal dolce, con queste golosissime crostatine al cioccolato e impreziosite da dolcissimi lamponi. E come si può resistere ad una golosità simile?
Semplici da preparare, anche in anticipo e facili da trasportare, queste crostatine sono l’ideale per una gita fuori porta, proprio come il tradizionale pic-nic di Pasquetta.
Le crostatine semplici al cioccolato e lamponi è ottima anche per la merenda dei bambini o come dessert per un buffet. Ricetta vegan e gluten free.

Vedi anche:

Torna alla home

(altro…)

Pesto di baccelli di fave e basilico

pesto bacelli fave

La Pasqua è già alle porte. E in molte case si mangeranno le fave. Deliziose con la pasta e magari il pecorino. Buone da sole e chissà in quante altre ricette che non conosco.
Ma i baccelli li gettate? Ditemi di no, vi prego! Da oggi non si butta più nulla. Ecco come riutilizziamo i baccelli di fave: con un delizioso pesto.
Facilissimo da preparare, il pesto di bacelli di fave e basilico è ottimo per condire primi piatti, farcire bruschette e focacce.

Vedi anche:

(altro…)

Tortine veg con scarto di centrifuga e cioccolato

tortine scarto centrifuga 600

Ottime a colazione, a merenda e dopo un buon pasto. Adatte ai bambini, ai vegan e ai celiaci. Insomma le tortine veg con scarto di centrifuga e cioccolato sono perfette. Semplici da preparare, con latte di mandorla, scarto di centrifuga, cioccolato e pinoli. Deliziosiosamente buone.

Ti piacciono le fragole? Vedi anche:

(altro…)

Minestra di riso e patate con gambi di asparagi

minestra riso 600

So che la minestra non è uno dei piatti più amati. Ma la minestra da bene. Allora rendiamola un po’ ricca di gusto: minestra di riso e patate con gambi di asparagi. Un modo sano per recuperare i gambi di asparagi, che altrimenti, andrebbero gettati.

Ingredienti:

  • 200 g di riso
  • 200 g di patate
  • i gambi di 6-8 asparagi
  • 1/2 porro
  • brodo vegetale
  • sale
  • pepe
  • formaggio grattugiato (facoltativo)

Preparazione:

  1. Pelate le patate e tagliatele a cubetti.
  2. Tritate il porro molto fine.
  3. Mettetele in una pentola le patate, l’acqua, il porro tritato, coprite e portate ad ebollizione, lasciate bollire per 5 minuti.
  4. Aggiungete il riso e continuate la cottura per 10 minuti.
  5. Unite anche i gambi di asparagi e ultimate la cottura per altri 10 minuti.
  6. Spegnete il fuoco e lasciate la minestra di riso coperta a riposare 5 minuti prima di servire.
  7. Se vi gusta aggiungete formaggio grattugiato e pepe nero.

 

 

Mara Toscani

Crackers senza lievito e senza glutine, cotti in padella

cracker g saraceno

A chi non piace sgranocchiare qualcosa fuori pasto durante la giornata? Magari anche che non ci faccia sentire, poi, troppo in colpa. Guardate cosa prepariamo oggi: dei gustosi crackers senza lievito e senza glutine, cotti in padella. Ideali anche in caso di mancanza di pane in casa o di ospiti all’ultimo minuto. Si possono anche congelare. Beh, cosa aggiungere? Fantastici!

Vedi anche:

Grano saraceno, chicchi preziosi

Proteine e vitamine (B1, B2, niacina (PP) e B5)in primis, i semi di grano saraceno vantano anche una quantità di sali minerali molto elevata come ferro, fosforo, rame, zinco, selenio e potassio, mentre una preziosa componente, sia del seme che della parte vegetale, è rappresentata dagli antiossidanti.

Circolazione sanguigna. Tra gli antiossidanti, fondamentali sono i tannini e la rutina (concentrati nella foglia). La rutina è in grado di rafforzare la parete dei capillari e prevenire la comparsa di emorragie, migliorando il microcircolo anche grazie alle sue proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti. Nella medicina naturale, i semi di grano saraceno si utilizzano per decotti o impacchi per favorire la circolazione sanguigna. In caso di ematomi o contusioni fate un impacco di semi e acqua, in grado di conservare calore e umidità.

Stress e spossatezza. Il grano saraceno fornisce energia e “vigore” e quindi possono utilizzarlo sportivi e anziani, donne in gravidanza e in allattamento.
Il decotto di semi di grano saraceno è indicato in caso di mancanza di concentrazione e per attenuare i sintomi della stanchezza e della gastrite e per normalizzare la produzione di succhi gastrici. Impacchi caldi con il grano saraceno riducono inoltre gli spasmi intestinali, calmano le contrazioni nervose dell’intestino e i dolori provocati dalle mestruazioni.

Grano saraceno per la pelle. La farina di grano saraceno utilizzata sotto la doccia come fosse un bagnoschiuma lascia la pelle molto morbida e con un buonissimo odore. La farina di grano si può usare anche insieme con oli vegetali e essenziali.

cracker g saraceno

Ingredienti:

  • 130 g di farina di grano saraceno
  • 50 ml di acqua
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • a piacere: origano, timo, rosmarino, basilico essiccati

 Preparazione:

  1. Impastate la farina con l’acqua e l’olio, regolate di sale e aggiungete le erbe aromatiche che più vi pacciono, fino a ottenere un impasto consistente e sodo.
  2. Stendete l’impasto di grano saraceno sottile e formate i crackers con l’aiuto di una rotella dentellata.
  3. Bucherellate con una forchetta e cuocete i crackers senza lievito e senza glutine in una padella antiaderente calda senza aggiungere grassi.
  4. Se raddoppiate le dosi potete prepararne una quantità maggiore e una volta raffreddati, li potete congelare.

 

Mara Toscani

 

Fonti: greenme.it

Spaghetti alla curcuma, pomodori secchi e cavolini arrosto

spaghetti curcuma e cavolini

La curcuma l’ho scoperta da poco, ma già l’adoro. La metterei dappertutto. Oggi ho pensato di colorare e di dare un po’ di sprint ad un piatto di spaghetti con pomodori secchi e cavolini di Bruxelles, che messi lì così, non avrebbero avuto senso in un piatto di pasta. Ecco allora questi gustosi spaghetti alla curcuma, pomodori secchi e cavolini arrosto. Piatto vegan, senza glutine, light.

Vedi anche:

Cosa dicono della curcuma?

La curcuma, a livello nutrizionale, può migliorare la salute del fegato, contribuire ad eliminare gli eccessi di colesterolo e facilitare la digestione di pasti abbondanti e ricchi di grassi. La curcuma ha inoltre dimostrato anche proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti. Devo aggiungere altro? Bene, allora, un buonpiatto di spaghetti è quello ci vuole. Non preoccupatevi delle calorie, perché la pasta e i carboidrati sono alleati di noi “eternamente a dieta”.

PASTA E CARBOIDRATI: ALLEATI PER LA LINEA E PER LA SALUTE

I carboidrati, si sa, forniscono l’energia necessaria per muscoli e cervello, quella da usare subito per le attività quotidiane e non solo. Ecco perché non puoi eliminarli dalla dieta.
Oltre a fornire energia, i carboidrati intervengono anche nella formazione di acidi nucleici e strutture nervose. A differenza  di grassi e aminoacidi, alcuni dei quali devono essere introdotti  necessariamente con la dieta, non esistono carboidrati essenziali, tuttavia senza di essi il nostro organismo si debilita e invecchia precocemente.
Pensate che il solo sistema nervoso centrale usa circa 180 g di glucosio (derivato dal metabolismo dei carboidrati) al giorno per svolgere le proprie funzioni. Quindi: tutte le volte che siamo tentati da una dieta che ci promette un dimagrimento rapido perché elimina i carboidrati, valutiamo bene la situazione, considerando che si potrebbero creare seri danni al corpo e anche al metabolismo.

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g di spaghetti di mais
  • 10-12 cavolini di Bruxelles
  • 3 pomodori secchi
  • 2 cucchiai di curcuma
  • 4 cucchiai di panna di soia
  • olio evo
  • semi di papavero
  • sale
  • pepe

Preparazione:

  1. Pulite i cavolini di Bruxelles eliminando le foglie esterne più dure che non sono assolutamente da gettare. Io le passo nella pastella e le friggo, ovvero Chips di cavolini. Clicca qui per la ricetta.
  2. Sbollentate i cavolini in acqua salata, scolateli e tagliateli in due.
  3. Buttate gli spaghetti nella stessa acqua di cottura dei cavolini e cuocetela al dente.
  4. In una padella arrostite i cavolini senza aggiungere grassi. Aggiungete i semi di papavero e lasciateli insaporire regolando di sale e di pepe.
  5. Aggiungete i pomodori secchi tagliuzzati grossolanamente e saltate.
  6. In una ciotola amalgamate panna e curcuma.
  7. Unite gli ingredienti nella padella con i cavolini e i pomodori secchi.
  8. Servite gli spaghetti alla curcuma con pomodori secchi e cavolini arrosto ben caldi.

 

Mara Toscani

Chips di cavolini di Bruxelles

 

chips di cavolini

Premetto: non sono un’amante del fritto. Difficilmente troverete ricette simili nel mio blog, ma questa…Questa merita 10 e lode. Posso definirla una delizia ecosostenibile. Sto parlando delle chips di cavolini di Bruxelles. Una ricetta assolutamente da provare, completamente ecosostenibile e vegan. Un’ottima idea per un aperitivo. Goloso finger food. Ricetta adatta ai bambini e ai celiaci.
Vi siete mai accorti di quanto scarto hanno i cavolini di Bruxelles, una volta puliti e pronti da cuocere? Vi lascio una foto per rendervi l’idea.

chips di cavolini foglie

Questa è la mia cucina ecosostenibile, un nuovo modo di concepire il food, riutilizzando parti di scarto di frutta, verdura e non solo, che altrimenti, andrebbero gettate. Geniale vero?

BASTA SPRECHI

Lo sapete che noi Italiani ci distinguiamo dal resto dell’Europa per maggiore quantità di sprechi a livello domestico e industriale? Che bella reputazione. Pensate che il 35% dei prodotti che buttiamo sono freschi. Tra i prodotti più sprecati vi sono il pane (19%) e frutta e verdura (16%).

Volete i numeri? Nelle case italiane ed europee in genere lo spreco di cibo è in media di 47 Kg all’anno pro capite. Scandaloso. Se contiamo tutto il mondo arriviamo a 670 milioni di tonnellate. Fermiamoci a riflettere.
I giovani e i single tendono a sprecare più cibo e producono più rifiuti pro capite sotto forma di imballaggi.
Nel settore agroalimentare italiano in particolare, la percentuale di sprechi varia dal 34% al 55%. Categorie come ortofrutta e carni hanno una percentuale di spreco superiore al 50%.

PRINCIPALI IMPATTI AMBIENTALI DOVUTI AGLI SPRECHI

  • Contributo all’effetto serra legato al trasporto e allo smaltimento dei rifiuti.
  • Quantitativo di rifiuti prodotti sempre in aumento con conseguente necessità di nuove discariche, termovalorizzatori e stoccaggi provvisori.
  • Emissioni inquinanti legate al trasporto di rifiuti alimentari.
  • Maggiori rischi di contaminazione del terreno e occupazione di suolo.

 

chips di cavolini ok

Ecco la ricetta delle chips di cavolini di Bruxelles

INGREDIENTI PER 4-6 PERSONE:

  • 250 g di cavolini di Bruxelles
  • 80 g di farina di riso
  • 80 g di farina di ceci (o farina di riso)
  • 70 ml di olio evo
  • 180 ml di latte di soia
  • olio per friggere
  • sale
  • pepe

PREPARAZIONE:

  1. Lavate e pulite i cavolini di Bruxelles, eliminando le foglie esterne delicatamente, cercando di non romperle.
  2. I cavolini potrete utilizzarli in qualunque preparazione, magari gratinati o come condimento in un piatto di pasta.
  3. Preparate la pastella. Versate la farina in una ciotola e poi aggiungete a filo il latte di soia mescolato con l’acqua, l’olio, e un pizzico di sale. Amalgamate bene tutto fino ad ottenere un composto fluido e liscio.
  4. Lasciate riposare la pastella per almeno mezz’ora, ma se non avete tempo, come me, utilizzatela subito.
  5. Tuffate le foglie dei cavolini di Bruxelles nella pastella e friggetele nell’olio bollente.
  6. Scolate su carta assorbente e servite subito.

 

Mara Toscani

 

Ricetta tratta e rivisitata da ” La cucina a impatto quasi zero” di Lisa Casali, Gribaudo Ed.