Pesto di baccelli di fave e basilico

pesto bacelli fave

La Pasqua è già alle porte. E in molte case si mangeranno le fave. Deliziose con la pasta e magari il pecorino. Buone da sole e chissà in quante altre ricette che non conosco.
Ma i baccelli li gettate? Ditemi di no, vi prego! Da oggi non si butta più nulla. Ecco come riutilizziamo i baccelli di fave: con un delizioso pesto.
Facilissimo da preparare, il pesto di bacelli di fave e basilico è ottimo per condire primi piatti, farcire bruschette e focacce.

Vedi anche:


Riflettiamo un po’…Non sprecare è un dovere

La popolazione mondiale cresce sempre di più ( 7 miliardi, 9 miliardi nel 2050) e allo stesso tempo cresce la richiesta di cibo: le risorse del pianeta non sono infinite, quindi urge l’esigenza di sfruttare meglio quello che produciamo. Sulla base della crescita prevista per la popolazione mondiale si stima che l’attuale produzione alimentare dovrebbe aumentare del 70%, ma prima sarebbe auspicabile un maggiore impegno nella riduzione degli sprechi. Un più efficiente utilizzo dei prodotti alimentari sarebbe sufficiente per sfamare tutto il pianeta e per ridurre il crescente consumo di risorse. E’ soprattutto una questione di buon senso, ma fino a oggi ancora poco è stato fatto per ridurre lo spreco di cibo, assolutamente commestibile, che ogni giorno si verifica lungo tutta la filiera alimentare. Come sostiene  Maurizio Pallante in “Meno è meglio”, il 3% del PIL italiano è costituito da cibo che si butta. Non solo, il 70% dei consumi energetici è costituito da sprechi che non servono a nulla se non a incrementare le emissioni di CO2 e l’effetto serra. Di fronte a questi dati sembrerebbe logico concentrarsi su una riduzione degli sprechi piuttosto che preoccuparsi di aumentare la produzione. Questo problema non riguarda solo i paesi industrializzati (670 milioni di tonnellate di sprechi alimentari all’anno), ma anche quelli in via di sviluppo (630 milioni di tonnellate). I soggetti maggiormente responsabili degli sprechi cambiano da paese a paese. Così, come nei paesi in via di sviluppo i consumatori sprecano dai 6 agli 11 kg di cibo pro capite all’anno, in Europa arriviamo a sprecare 47 kg di cibo pro capite all’anno, mentre negli Stati Uniti a più del doppio (Global Food Losses and Food Waste, FAO, 2011).Cosa ne dite di fare qualcosa? Be cool, save the planet!

Ingredienti:

  • 250 g di baccelli teneri di fave non trattate
  • 50 g di tofu o 50 g di formaggio (a chi piace)
  • 15-20  foglie di basilico
  • qualche foglia di menta (facoltativa)
  • 30 g di pinoli, 1 piccolo
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Preparazione:

  1. Eliminate le due estremità dei baccelli e i filamenti laterali e dividete ogni baccello in due.
  2. Immergete i baccelli in acqua fredda fino al momento di utilizzarli.
    Sbollentatateli per qualche minuto in acqua bollente.
  3. Scolateli e tagliateli a listarelle sottili.
  4. Metteteli nel mixer ed unire il tofu o il formaggio, le foglie di menta e di basilico spezzettate a mano, i pinoli, l’aglio ed un filo d’olio.
  5. Sempre a più riprese, iniziate a frullare, aggiungendo di volta in volta un po’ d’olio, fino ad ottenere una consistenza cremosa.
  6. Aggiustare di sale e di pepe.

 

Mara Toscani

 

Ricetta tratta e rivisitata da Fragolosi.it

Precedente Crema dessert veg al cioccolato Successivo Pastiera vegan

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.