Pappardelle dello zar, squisite pappardelle al gusto di salmone.

Le pappardelle sono un formato di pasta all’uovo, del tutto simili alle tagliatelle, ma di larghezza decisamente superiore.

Mentre le tagliatelle sono una forma di pasta di tradizione prettamente emiliano-romagnola, le pappardelle, sebbene risentano dell’influsso emiliano, sono di tipica tradizione toscana.

L’impasto è costituito da farina, uova e sale. Tipiche della tradizione casalinga, l’impasto è rustico e al tatto risultano ruvide. La tradizione toscana le associa a condimenti corposi e dal gusto deciso, come sughi a base di carne di lepre, cinghiale o con funghi.
Pappardelle_dello_zar

Le origini delle Pappardelle, il formato più grande tra le paste all’uovo, vengono attribuite all’Italia centro-settentrionale, più precisamente alla Toscana, nella cui cucina tipica vengono usate in moltissime ricette.

Anche il nome deriverebbe dal verbo dialettale toscano “pappare”, riferito al mangiare con gioia e piacere quasi infantili.

Le Pappardelle hanno un sapore importante e ricco che soddisfa il palato alla sapienza di una sfoglia tirata ad arte, secondo la tradizione emiliana.

Ingredienti: per 4 persone

Leggi anche:  Fagottini ai pinoli e broccoletti, delicati e raffinati.

300 g di farina più quella per infarinare
2 uova
50 g di salmone affumicato
4 cucchiai di vodka o grappa
mezzo bicchiere di panna
la scorza grattugiata di mezzo limone
50 g di burro
sale
pepe

Preparazione: 30’

  • Come si prepara.
  • Tritate finemente il salmone, poi spargetevi sopra un po’ di farina, per togliere al pesce la sua umidità.
  • Mettete la farina a fontana sulla spianatoia, sgusciatevi al centro le uova, spolverizzate di sale e cominciate a intridere gli ingredienti con la punta delle dita.
  • Unite il salmone affumicato e lavorate tutto energicamente, in modo da distribuire bene il salmone nella pasta.
  • In questa fase aggiungete anche 1o 2 cucchiai di vodka o grappa o un filino d’acqua, per fornire il liquido necessario all’impasto.
  • Lavorate per almeno 10 minuti, poi fate un panetto che lascerete riposare per mezz’ora, coperto.
  • Come si presenta.
  • Stendete la pasta in una o più sfoglie e ricavatene delle larghe pappardelle.
  • Fate fondere il burro quasi a color nocciola, unendo la scorza del limone, poi “spegnetelo” con la vodka o la grappa rimasta e unite la panna.
  • Salate, pepate e cuocete la salsetta per qualche minuto.
  • Cuocete le pappardelle al dente e conditele con la salsa, servendo subito.
Leggi anche:  Tagliatelle con gamberoni e tocco di funghi porcini.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

cucina15

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook, Linkedin, Instagram, Facebook o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!

I miei preferiti su Pinterest

I miei preferiti su Instagram


Ti potrebbero anche interessare altre ricette simili

Leggi anche:  Come si organizza un menu di Natale a prova di bomba: Orecchiette, asparagi e speck.
Precedente Gelatina di maiale al pepe rosso. Successivo I tortellini in brodo, nati nella gastronomia emiliana e bolognese poi hanno conquistato il mondo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.