POLIPO ALLA LUCIANA

Oggi vi presento il polipo alla luciana. Si polipo e non polpo, perché non volevo per questa ricetta cambiare il modo di pronuncia del mio papà.

Sinceramente non so quali origini abbia questa ricetta..ma vi assicuro che nella sua semplicità è delizioso.

Si tratta di un polipo o piovra bollito, fatto raffreddare e condito semplicemente con del limone, prezzemolo e pepe.

C’è chi in alcune versioni ci aggiunge l’aglio, c’è chi al posto del limone mette l’aceto, ma come ho già detto prima è nella semplicità degli ingredienti che si trova il vero sapore di un prodotto fresco.

Generalmente ho letto che qualcuno lo cuoce direttamente in acqua bollente. In questo caso però, da tradizione, noi cominciamo la bollitura con acqua fredda.

 

Polipo alla luciana

Ingredienti:

1 polipo (questo pesava circa 1800Kg.)

pepe q.b.

sale grosso

1 ciuffo di prezzemolo

3 limoni (succo)

olio evo

polipo alla luciana

Preparazione:

Pulire, eviscerare e lavare il polipo.

In una pentola capiente mettere il polipo coprirlo di acqua abbondante e salare (il sale deve essere proporzionato all’acqua di cottura che rimarrà in pentola, pertanto non salare troppo).

Portare ad ebollizione, abbassare la fiamma e far cuocere, verificando la cottura inserendo nel polipo una forchetta. Questo polipo ha cotto per 5 ore.

Quindi farlo raffreddare nella sua acqua di cottura.

Quando è completamente freddo,   tagliarlo a tocchetti e metterlo in una ciotola. Condirlo con pepe, prezzemolo tritato, succo dei limoni e olio…servire freddo o a temperatura ambiente.

Precedente ORECCHIETTE AL FORNO Successivo BISCOTTI DI HALLOWEEN

Un commento su “POLIPO ALLA LUCIANA

  1. Una mia amica campana mi ha insegnato che se vuoi il polipo tenerissimo ..devi tenerlo agganciato ad una forchetta e immergerlo per tre volte nell’acqua bollente salata e poi lasciarlo cuocere inoltre, come dici tu, lasciare raffreddare l’acqua di cottura per tutta la notte.Prova e dimmi se ti sembra più tenero…SALUTI LAURA A.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.