Crea sito

Lasagna napoletana di Carnevale

La lasagna napoletana di carnevale è in assoluto una delle ricette più famose della tradizione partenopea. Esattamente come per le lasagne bolognesi, nella versione napoletana, è prevista l’alternanza degli strati di pasta e di un ricco condimento: crema di ricotta, polpettine di carne e fior di latte. Poi ognuno fa delle piccole varianti di cui ti parlerò dopo e a fine ricetta. E Pensa che insieme a questa, che è quella un po’ più istituzionale, se vogliamo, c’è anche la versione delle lasagne napoletane semplificata.
 
Tradizionalmente la lasagna napoletana di Carnevale chiude il cerchio perché si prepara e consuma il martedì grasso, appunto l’ultimo giorno di Carnevale, e quindi prima dell’austero periodo dei 40 giorni che portano a Pasqua. Tuttavia viene fatta una deroga eccezionale per tutti quelli che non hanno tempo per preparare questa bontà durante la settimana, tantissimi infatti si riducono a cucinarla come piatto per la domenica. Ma solo per carnevale? No, moltissime famiglie puntualmente preparano questa leccornia per domenica o per le occasioni speciali. 
 
La lasagna napoletana di carnevale, a proposito non chiamatele al plurale perché in napoletano si parla quasi sempre al singolare, è nata durante la fase calante del Regno dei Borboni. Pare fosse particolarmente apprezzato da Francesco II appunto da conquistarsi il nomignolo di Re Lasagna e la richiedeva assiduamente ai suoi cuochi. Possiamo dargli torto? Direi di no.

Intanto ti ho parlato della mia ricetta della lasagna napoletana di Carnevale, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram Tiktok utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!
Gio’

ricetta lasagna napoletana di carnevale peccato di gola di giovanni castaldi
  • DifficoltàAlta
  • CostoMolto costoso
  • Tempo di preparazione1 Ora 30 Minuti
  • Tempo di riposo5 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • PorzioniDosi per 4/6 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la lasagna napoletana di Carnevale

  • 500 glasagna riccia
  • 500 gricotta di bufala
  • 250 gfiordilatte
  • 5uova
  • 100 gparmigiano Reggiano DOP
  • q.b.sale fino
  • q.b.pepe nero
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Per le polpettine

  • 250 gcarne macinata di manzo
  • 100 gmollica (di pane raffermo)
  • 1uova
  • 40 gparmigiano Reggiano DOP
  • q.b.sale fino
  • q.b.pepe nero
  • q.b.olio di semi (per friggere)

Per il ragù napoletano

  • 1 lpassata di pomodoro
  • 250 gspezzatino di manzo (in pezzi)
  • 200 gpuntine di maiale
  • 4salsicce (napoletane a punta di coltello)
  • 1/2cipolle dorate
  • 1 q.b.sale fino
  • q.b.olio extravergine d’oliva

Preparazione della lasagna napoletana di carnevale

  1. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 1

    Per preparare la lasagna napoletana di carnevale iniziamo dal ragù napoletano. Sbuccia e affetta sottilmente la cipolla, quindi spostati ai fornelli e nel tegame con un giro d’olio fai rosolare la carne: quindi i pezzi di manzo, le puntine di maiale e le salsicce.

  2. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 2

    Quando la carne si è sigillata per bene aggiungi le cipolle e lasciale brasare qualche minuto a fuoco più dolce, successivamente versa la passata di pomodoro.

  3. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 3

    Risciacqua il recipiente con la polpa e fai cuocere per almeno 4 ore aggiungendo un pizzico di sale. Di tanto in tanto assicurati che le salsicce non si cuociano troppo, quindi prelevale. A fine cottura puoi anche aggiungere delle polpette se ti avanzano. Ricorda che il ragù, per la lasagna napoletana, non dovrà essere eccessivamente ristretto quindi nel caso potrai allungarlo a fine cottura con un po’ d’acqua.

  4. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 4

    Mentre il ragù napoletano cuoce passiamo alle polpette di carne. Taglia il pane a tocchetti e mettilo in ammollo in acqua o latte. Intanto in una ciotola versa la carne macinata, le uova, il parmigiano grattugiato, il sale, il pepe e per finire la mollica di pane strizzata. Impasta per bene a mano, ci vorranno una decina di minuti.

  5. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 5

    Quando l’impasto è pronto prepara tante polpettine grandi quanto una nocciola. A un certo punto però se vuoi puoi preparare qualche polpetta più grande da immergere successivamente nel ragù napoletano. Quindi scalda abbondante olio di semi e friggi le polpettine: non appena saranno dorate scolale su carta assorbente. Passiamo al fior di latte, taglialo a cubetti e mettilo a scolare su un piatto con carta assorbente.

  6. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 6

    Ora è il turno delle uova sode. Mettile in una pentola non eccessivamente larga, coprile con abbondante acqua fredda e poi porta a bollore da quel momento cuoci le uova per 9 minuti. Scola le uova sode, sciacquale sotto abbondante acqua fredda e sbucciale. 

  7. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 7

    Soltanto quando le uova si saranno raffreddate potrai affettarle sottilmente o sminuzzarle, a tuo piacimento. Stessa cosa per le salsicce, io ho scelto di affettarle ma tu puoi sminuzzarle. A questo punto passiamo alla ricotta, va setacciata per renderla il più fine possibile. 

  8. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 8

    Versa un paio di mestolate di sugo per ottenere una crema liscia e fluida, aggiungi anche dell’acqua di cottura della pasta se vuoi. A proposito di pasta, in un pentolone con abbondante acqua salata e bollente, aggiungi un filo d’olio.

  9. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 9

    Tuffa le lasagne ricce e scolale quando mancano 1-2 minuti dalla cottura riportata sulla confezione. Disponi le lasagne su un canovaccio pulitissimo e distanziale. Nel frattempo portati avanti distribuendo un po’ di sugo nella pirofila,

  10. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 10

    inizia a creare il primo strato di pasta, poi di crema d ricotta, una mestolata di sugo e in sequenza le polpettine,

  11. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 11

    il fior di latte, i pezzi di salsiccia, le uova sode,

  12. lasagna napoletana di carnevale peccato d gola di giovanni castaldi 12

    il pepe e il parmigiano e di nuovo la pasta, la ricotta fino a ultimare gli ingredienti. A me sono venuti 3 strati di pasta e due di ripieno. Sull’ultimo strato versa tutta la salsa avanzata, ancora un po’ di parmigiano e procedi con la cottura in forno statico, preriscaldato a 200°, per circa 20 minuti + qualche minuto di grill se vuoi dorare la superficie.

  13. ricetta lasagna napoletana di carnevale peccato di gola di giovanni castaldi 2

    Una volta pronta la lasagna napoletana di carnevale attendi 5 minuti prima di fare le porzioni e poterla gustare.

I consigli di Giovanni

·      Se non vuoi realizzare il classico ragù napoletano potrai tranquillamente un semplice sugo di pomodoro, meglio se gli conferisci ulteriore sapore cuocendoci all’interno le salsicce;

·      Le uova sode sono opzionali, puoi quindi ometterle se non ti piacciono o non vuoi, se invece le vuoi distribuire meglio schiacciale con una forchetta;

·      Al posto della salsiccia, o anche in aggiunta perché no, puoi usare del salame napoletano sempre tagliato a cubetti;  

·      Le lasagne ricce sono quelle tipiche della lasagna napoletana di carnevale, se non riesci a trovarle non preoccuparti, le sfoglie di pasta all’uovo vanno benissimo (quelle secche non vanno sbollentate, quelle fresche invece si).

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

54 Risposte a “Lasagna napoletana di Carnevale”

  1. E’ vero Giovanni ognuno a la sua ricetta, io voglio provare anche la tua con la ricotta 😀 io adoro le lasagne!!!! slurp!!

  2. Alla napoletana??? E mi ci tuffo sopra Giovanni!! Un piatto classico, intramontabile… che odora di giorni di festa! E sì perché il mio papà (campano, come te) le preparava egregiamente la domenica… lui ci metteva (per me che le adoravo) le polpettine piccole piccole piccole… Che bei ricordi!!!

    1. @ Elly, come ti capisco 🙂 anche mamma ci mette le polpettine piccole ma io non ho la pazienza 😛 ha ha ha ha ha bacione cara!

  3. Buoneeeeee! La versione classica è quella che preferisco! Quando le preparo ne faccio in quantità industriale che poi congelo per averle pronte al ritorno dal lavoro! ciaoooooo

  4. Ottima, io quando ho un po’ di tempo in più la faccio con le polpettine ma anche così è fantastica. Bravissimo, ti dirò che me ne mangerei un bel pezzo anche ora 🙂

    1. @ Rossana, mamma pure le fa con le polpettine ma che pazienza 😛 io proprio non ce l’ho ha ha ha bacione!

  5. Le lasagne sono la mia passione, le preparo in tutti i modi, ma quella che preferisco è questa! L’unica differenza è che io non metto la ricotta, ma la prossima volta la proverò, deve essere particolarmente buona!!!
    Buon fine settimana
    Rita

  6. ah come sono buone….mamma mia chè fame!!!anch’io uso la pasta gia pronta….un giorno pubblichero le lasagne pugliesi :-)!!anche se io preferisco di gran lunga queste…bravissimooooo!!!!buon fine settimana 🙂

    1. @ Cristina, grazie cara 🙂 non vedo l’ora di vedere quelle pugliesi allora 😀 bacione e buon fine settimana!

  7. Questa è la ricetta della domenica nelle case del sud, mi ricorda la mia infanzia, ora che sono in Toscana la faccio in maniera diversa, però voglio farla con la tua versione che è anche quella di mia mamma…buon w.e.!!

    1. @ Maria Luisa, grazie mille 🙂 mi fa piacere questo riscontro! Fammi sapere eh :-*** buon fine settimana!

  8. Ciao! Se la prossima volta dovesse avanzarne un piattino… con la ricotta non le ho mai assaggiate, vabbé, ho capito… ve le siete mangiate tutte!
    😉
    Evelin

  9. Le lasagne sono davvero buone in tutti i modi 🙂 questa tua versione mi fà davvero gola!!! 🙂 mmmmmm buon fine settimana!!

  10. buoneee!!! bella idea la ricotta al posto della besciamella! io le faccio anche con ricotta e spinaci ma è diversa la procedura, però è buona, ma pure questa mmmmm devo provare solo con la ricotta!

  11. la cosa bella delle llasagne è proprio questa, ognuno le fa come preferisce, a casa mia clssiche così con un bel ragù di macinato e in rosso 🙂 a me piace cambiare ciaooo

    1. @ Vicky, bravissima sono sempre varianti goduriose e valide! tutte! c’è poco da fare 🙂 un abbraccione!

  12. Da provare Gioavanni…la nostra è anche buona ma pesantuccia (polpette, uova sode sopressata mozzarella etc.) la vostra è più delicata e la ricotta la rende succulenta vero? un bacione

    1. @ Adele, caspita 😛 con la sopressata e le uova sode? Però devo dirti che la proverei 😀 ad ogni modo si la ricotta con la salsa è davvero la fine del mondo *__* bacione carissima!

  13. conosco anch’io questa versione di lasagna senza besciamella ed è troppo buona, e non ne parliamo poi se avanza, riscaldata è ancora più buona 😉
    ciao giovanni 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.