Zuppa di lenticchie e castagne

Zuppa di lenticchie

Ecco le prima gelate, i primi mattini a “grattare” il parabrezza della macchina per riuscire a vedere qualcosa, i primi guanti indossati e i paraorecchie a portata di mano. L’aria di questi giorni ha il profumo del nord e ogni mattina, quando mi metto alla guida, vedo da lontano le Prealpi con una pennellata di neve in più. Siamo in autunno, ma l’inverno ha già fatto un saltino a trovarci e a ricordarci che è lì, bell’e pronto a tenerci compagnia, tra meno di un mese.

 

Sarà banale, sarà poco orginale, ma con queste giornate fredde la voglia di zuppa mi assale, la voglia di una zuppa dal sapore tipicamente autunnale come quella con castagne e lenticchie.

Questo abbinamento mi stuzzicava da un pezzo, ma non lo avevo mai provato. L’occasione è arrivata con un cestino di castagne che avrebbero dovuto trasformasi in caldarroste, ma hanno stazionato qualche giorno di troppo nella mia cucina. Hanno, così, perso la freschezza che mi piace che questi frutti abbiano per arrostirli. Al contrario, se le castagne iniziano ad indurirsi un po’, quella di cuocerle in una zuppa è un’ottima idea per “farle fuori”. Ebbene sì, non butto mai via niente, è se si tratta di cibo, la sola idea di sprecarlo mi fa accapponare la pelle! Sono stata abituata così, ma forse è giusto.

Viviamo in un’epoca di abbondanza in cui reperire il cibo non è certo un problema, i banchi di mercati e supermercati sono stracolmi di merce e molta di questa è destinata a finire al macero. E’ davvero un peccato! Non è così ovunque e non è sempre stato così. Le zuppe sono nate proprio come alimento povero in cui le massaie mettevano qualsiasi cosa avessero a disposizione nell’orto o nella dispensa, eppure le zuppe sono dei cibi meravigliosamente sani e gustosi. Usiamo la nostra creativtà in cucina, oltre che per creare abbinamenti nuovi e sfiziosi, per evitare gli sprechi.

 

Venendo al piatto di oggi, questa zuppa di lenticchie è un vero concentrato di gusto. Qualcuno a casa se n’è “spazzolato” due piatti uno in fila all’altro. Io ve la consiglio perchè oltre che buonissima è molto energetica e ha un ottimo apporto di sali minerali, carboidrati e proteine vegetali.

Con questo ricetta partecipo a SalutiamociMangiarbenedi Novembre il cui ingrediente protagonista sono le lenticchie. Questo mese la raccolta è a cura di Ci del blog Il mondo di Ci.Zuppa di lenticchie

 Zuppa di lenticchie e castagne

Ingredienti per 4 persone

  • Lenticchie bio, 280 gr
  • Castagne fresche, 300 gr
  • Carote bio, 2
  • Cipolla bio,1
  • Sedano bio, 1 gambo
  • Patata bio, 1 piccola
  • Alloro, 4 foglie
  • Bacche di ginepro, 3
  • Vino rosso, 40 ml
  • Brodo vegetale bio senza glutammato o acqua, 1,5 lt
  • Olio extra vergine di oliva
  • Sale marino integrale
  • Pepe nero

Preparazione

  • Raschiate le carote, sbucciate la cipolla e pulite il sedano, tritate gli ortaggi con una mezzaluna quindi soffriggeteli brevemente nell’olio di oliva.
  • Unite la patata a tocchetti, le lenticchie lavate o scolate dall’acqua di ammollo (verificate sulla confezione se lo necessitano), tostate brevemnte e sfumate con il vino. Salate, aggiungete 3 foglie di alloro, le bacche di ginepro e coprite con un litro e mezzo d’acqua o brodo vegetale. Cuocete a fuoco lento e tegame coperto per 30 40 minuti.
  • In un’altra pentola, mettete l’acqua, una foglia di alloro e poco sale e lessatevi le castagne con la buccia. Sono necessari circa 20-30 minuti. Sbucciate quindi le castagne privandole anche della pellicina che è molto amara. Tenete una parte delle castagne intatta e sbriciolate l’altra metà con l’aiuto di una forchetta.
  • Unite le castagne alla pentola delle lenticchie; se necessario aggiungete acqua o brodo e regolate di sale. Cuocete per altri 10 minuti a fuoco dolce.
  • Prima di servire, a piacere, spolverizzate con pepe fresco macinato e irrorate con olio a crudo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

12 comments

  1. Cì - Il mondo di Cì says:

    Ciao Silvia, grazie per aver partecipato a Salutiamoci con la tua ricetta!
    Anche io ho sempre sentito parlare di questo abbinamento ma non l’ho ancora provato, confermi che deve esser molto buono 🙂
    Da regolamento mancherebbe solo una cosa: indicare che i vegetali siano di provenienza bio o locale certa, come invito ai nostri lettori a fare la spesa in modo sempre critico, per amore della nostra salute.
    Grazie!

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Ciao Cì, con me sfondi una porta aperta, di solito non lo specifico per che lo do praticamente per scontato anche per il taglio del mio blog, ma in questo caso lo farò, la partecipazione Salutiamoci è un’ottimo motivo. Tra l’altro io ho uso solo prodotti biologici proprio per mia convinzione. Ti mando un grande abbraccio

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Ciao Angela, se fa come il mio, preparagliene direttamente due piatti! Dopo aver sciato, poi, apprezzerà di sicuro. Un abbraccio

  2. Erica Di Paolo says:

    NO, ma….. mi ero persa questa prelibatezza? Le castagne in una zuppa le trovo irresistibili, ma con le lenticchie diventano un piatto a cui non si può rinunciare. Grande Silvia, davvero un’orrima proposta! Bravissima.

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Grazie Erica, a me le castagne piacciono tantissimo e devo dire che nella zuppa hanno il loro perchè. Un bacione

  3. Cristina says:

    Ciao Silvia, concordo pienamente con tutto quello che hai scritto! La zuppa di lenticchie e castagne non l’ho provata ma immagino che dev’essere irresistibile!
    Buona serata e a presto!

    • Silvia says:

      Ciao Cristina, io l’adoro! Sbucciare le castagne è noioso, ma il sapore ti ripaga mille volte della fatica 🙂 Ti consiglio di provarla. Buona giornata, carissima!

Lascia un commento

*