Crea sito

Melanzane a funghetto

Le Melanzane a funghetto sono un contorno tipico della cucina napoletana.
Si preparano in due modi, con o senza pomodoro, cuocendo le melanzane a piccoli pezzi. Infatti il nome deriva proprio dalla forma dei pezzetti di melanzane che ricordano appunto dei piccoli funghi. 
Un preparazione molto veloce, basterà tagliarle, friggerle e poi farle insaporire nel sughetto di pomodorini.

Melanzane a funghetto
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gmelanzane
  • 250 gpomodorini ciliegino
  • 80 golive nere
  • 30 gcapperi sott’olio
  • 1aglio
  • q.b.foglie di basilico
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • q.b.olio per friggere

Preparazione delle Melanzane a funghetto

  1. Lavate e asciugate le melanzane.
    Tagliatele, rimuovendo l’estremità con il picciolo e poi fatele a tocchetti piccoli, più o meno della stessa dimensione.
    Mettete le melanzane in un colino, quindi cospargetele con del sale grosso e tenetele appiattite con un altro piatto sopra. Mettete un peso sopra il piatto.
    Lasciate trascorrere un’ora, così che l’acqua in eccesso sia andata via.
    Scaldate l’olio e friggetele fino a quando saranno ben dorate.
    Scolatele e lasciatele asciugare sulla carta assorbente.
    Tagliate a piccoli pezzi i pomodorini e le olive a metà, mettetele in padella a rosolare con un filo d’olio extravergine di oliva e l’aglio schiacciato.
    Dopo alcuni minuti, aggiungete anche le melanzane. Poi il basilico fresco, fatto a piccoli pezzi e i capperi.
    Aggiustate di sale e pepe, fate insaporire e poi le vostre Melanzane a funghetto sono pronte da gustare.

  2. Per vedere altre ricette con le melanzane —> CLICCATE QUI

    Se le ricette vi sono piaciute, seguitemi anche su Facebook – Dolcissima Stefy

    Per tornare alla pagina principale del blog e vedere altre ricette sia dolci che salate, CLICCATE QUI.

Note

Sono ottime calde, ma gustose anche il giorno dopo, sia fredde che riscaldate. Si conservano in frigorifero.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.