Pomodori pelati


Pomodori pelati fatti in casa una conserva che personalmente faccio fin da piccola, tranne che per breve periodo della mia vita in cui ho vissuto “fuori” ci pensavano mamma e suocera a farmeli e mandarmeli o a darmeli e ci facevamo il “carico” con la macchina. D’estate si sa che i pomodori sono in piena maturazione e si fanno le conserve nei “buccacci” passata, sughi pronti, pelati, se sono piccoli conservati interi qui la ricetta, insomma si fanno in tanti modi diversi, si sa specie in Calabria, ma anche in altre regioni, siamo come le formichine, conserviamo per l’inverno. ci sono alcune tradizione che vanno rispettate.
I pomodori migliori e più adatti sono i San Marzano, perché sono allungati e con una bella polpa soda, però nulla vieta di usare anche altri tipi di pomodoro. Dipende da cosa il nostro orto produce e da cosa abbiamo a disposizione, certo se bisogna comprarli meglio i San Marzano. Importante seguire bene alcune regole e procedimento.
Andiamo in cucina così vedrete il mio metodo!
Leggi: Pomodorini in salamoia – Pomodorini confit – Conserve calabresi – Sugo di pomodoro fresco a pezzi

pomodori pelati
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per fare i pomodori pelati

La quantità dei pomodori la decidete in base alla vostra cucina, nelle case di campagna dove si ha tanto spazio e i pelati vengono fatti all’aperto, si riesce a lavorarne tanti di più che in una cucina d’appartamento!
  • 5 kgpomodori San Marzano
  • fogliebasilico

Strumenti da lavoro per i pomodori pelati

Per la grandezza della pentola vi regolate in base alla quantità di pomodori che si devono lavorare, lo stesso per i vasetti si possono usare della misura che si preferisce e che si adatta alle esigenze della propria famiglia.
  • Pentola
  • Coltello
  • Vasetti di vetro
  • Schiumarola
  • Pentola grande

Preparazione dei pomodori pelati

  1. Si inizia con la preparazione dei vasetti, di solito si fa il giorno prima in modo che hanno tutto il tempo di asciugarsi. Usare dei vasetti a della misura adatta alle esigenze della propria famiglia, si possono riciclare anche vasetti già usati in precedenza, basta che siano ben lavati con detersivo e sciacquati bene con acqua calda. I tappi, invece, devono essere nuovi, lavarli insieme ai vasetti. Se si vuole essere più sicuri si possono sterilizzare in forno caldo a 120° per 10 minuti o previa bollitura in un pentolone d’acqua dividendoli con dei strofinacci per evitare che si tocchino. Io di solito la sterilizzazione non la faccio, tanto li faccio bollire dopo riempiti.

  2. Mettere a bollire la pentola con l’acqua. Lavare bene sotto l’acqua corrente i pomodori, togliendo il picciolo, metterli a scolare su una gratella. Fare un incisione a croce sulla parte inferiore dei pomodori, tuffarli nell’acqua bollente e lasciarli 2 / 3 minuti, Prenderli con una schiumarola e metterli ad asciugare,. Quando sono tiepidi si posso spellare, tagliare la parte superiore.

  3. Riempire i vasetti aiutarsi con il dorso di un cucchiaio di legno, pressandoli leggermente. riempirli bene, durante la sterilizzazione il loro livello diminuirà, Aggiungere una foglia di basilico se la preferite. Chiudere bene i vasetti per evitare che prendano aria e potrebbero aprirsi durante la sterilizzazione.

  4. Sistemare i vasetti nel pentolone divisi fra di loro da strofinacci da cucina, per evitare che durante la sterilizzazione si urtino e possano rompersi. Coprirli d’acqua, farli bollire per 30/40 minuti circa da quando iniziano a bollire.

  5. pomodori pelati

    Toglierli dall’acqua il giorno dopo, quando è fredda. Controllare che si sia creato il sotto vuoto, facendo una leggera pressione sul tappo se non fa “clik clak” è tutto ok. Farli asciugare e conservarli in dispensa. Durano anche più di un anno.

    Interessante da leggere e seguire Le linee guida del ministero della salute,

Consigli

In questa raccolta troverete tante Conserve calabresi

Se vi piacciono le mie ricette e volete rimanere aggiornati seguitemi sulla mia pagina In cucina con Mire  mi trovate anche su Twitter.  Pinterest. Instagram

Scoprite le mie ricette cliccando Qui Per le foto cliccate Qui

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da incucinaconmire

Mi chiamo Mirella, sono una mamma/nonna, calabrese di fatto e nel cuore. Amo la mia terra e mi piace preparare i piatti della tradizione, piatti che mi hanno accompagnato fin dall'infanzia, rivisitati alla mia maniera con gusto e originalità, mi piace condividerli e farli conoscere, sono ricette semplici e facili da rifare, troverete anche ricette attuali, mi piacciono anche le novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.