Zaletti, biscotti di mais e uvetta, gluten-free

biscotti di mais e uvettaEcco il biscotto passepartout! Quello che va bene per tutte le esigenze, stili alimentari, ma anche per il più golosi. Unico requisito necessario per apprezzarli, amare la farina di mais. Questi biscotti sono vegan, ovviamente sono adatti a chi non tollera il lattosio e le uova e sono anche gluten-free. Inutile dire che sono veramente buoni e versatili, sono ottimi a colazione, con una tazza di tè, in accompagnamento al caffè.

Se vi piace la farina di mais, dovete assolutamente provarli! Quando l’ho vista sullo scaffale del supermercato così fine e dorata mi è subito scattata la voglia di creare qualcosa che non fosse la solita polenta. La scelta è caduta su questi biscotti della tradizione veneta in una versione completamente rivisitata com’è nel mio stile: niente burro, niente uova, solo grassi vegetali buoni. Se li preparate ed offrite a golosastri onnivori, non rivelate il segreto, nessuno se ne accorgerà!

biscotti di mais e uvetta

Zaletti, biscotti di mais e uvetta, gluten-free

Ingredienti per 15 biscotti

  • Farina di mais fioretto, 150 gr
  • Farina di riso bio, 110 gr
  • Zucchero di canna integrale bio, 70 gr
  • Uvetta, 50 gr
  • Olio di mais, 50 gr
  • Latte di riso, 100 ml
  • Limone bio (solo scorza), 1
  • Bicarbonato di sodio, la punta di un cucchiaino

Preparazione

  • Mettete in ammollo l’uvetta in acqua tiepida.
  • Setacciate e miscelate le farine, unite lo zucchero e il bicarbonato. Grattuggiate la scorza del limone e aggiungetela alle farine.
  • Unite l’olio e mescolate, quindi, aggiungete il latte di riso e l’ uvetta scolata, strizzata e asciugata dall’acqua di ammollo.
  • Mescolate e impastate brevemente.  Otterrete una pasta piuttosto morbida e appiccicosa che si solidificherà con la cottura e il raffreddamento.
  • Dividete l’impasto in 15 parti e, con le mani, conferite la forma preferita ai biscotti. A piacere decorate la superficie con qualche acino di uvetta che avrete tenuto da parte.
  • Portate il forno a 160°. Foderate la teglia del forno con l’apposita carta e adagiatevi i biscotti mantenendo una adeguata distanza tra l’uno e l’altro.
  • Infornate a forno caldo e cuocete per 12-15 minuti a 160°.
  • Sfornate e lasciate raffreddare i biscotti.

 

Ti è piaciuta questa ricetta? Segui anche  la pagina Facebook

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

8 comments

  1. Alice says:

    Le ricette tradizionali di questi biscotti in genere prevedono una gran quantità di burro 🙁 Questi invece sono tutta un’altra cosa, mi piacciono proprio! Mi salvo subito la ricetta, complimenti 😉

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Alice, davvero questi sono venuti benissimo. Mio marito che adora i biscottini con il burro non ha avuto a che dire e se ne è mangiato una gran quantità, nonostante fossero senza 😉

  2. Valeria says:

    Ho trovato questa ricetta un mesetto fa mentre cercavo un modo per utilizzare la fioretto comprata per errore.. Sono buonissimi, leggeri e semplicissimi.. li faccio spesso.. Praticamente non compro più biscotti! Uniche varianti non uso l’uvetta perché non mi piace e metto un po’ meno zucchero visto che uso il latte di soia aromatizzato alla vaniglia che è leggermente dolcificato con agave. complimenti e grazie!

    • Silvia says:

      Grazie Valeria, il tuo commento mi fa molto piacere e la tua versione di biscotti deve essere deliziosa. Penso che la proverò anch’io, non avevo pensato al latte di soia alla vaniglia. Complimenti per l’idea. 🙂

  3. Lorien says:

    Salve, ho provato a fare questi biscotti, sono venuti parecchio “sbriciolosi”, nel senso che l’impasto non era assolutamente legato e ho faticato a formarli perché si staccavano dei pezzetti. Inoltre ho dovuto farli cuocere per circa mezz’ora perché non erano cotti all’interno (ho duvuto fare delle palline in quanto non riuscivo a dare una forma di “biscotto”). Volevo capire dove ho sbagliato, forse ci voleva più latte? Io ho modificato un po’ la ricetta mettendo circa 8 gr. di lievito per dolci non avendo il bicarbonato, e non ho messo l’uvetta. Per il resto ho lasciato le stesse dosi. Comunque il sapore è buono ma sono parecchio secchi. Grazie mille.

    • Silvia says:

      Ciao Lorien, da quello che posso capire da quanto mi scrivi, l’unico errore che hai fatto è la cottura. 30 minuti sono veramente troppi! Credo sia questo il motivo per cui sono secchi e “sbriciolosi”. E’ da un po’ che non faccio questi biscotti, ma ricordo chiaramente che l’impasto risultava decisamente morbido (anche il tuo era così?) e appiccicoso, niente a che vedere con una normale frolla- Nel procedimento l’ho anche segnalato perchè avevo pensato che qualcuno avrebbe potuto avere dubbi circa il risultato. E’ normale che tu non sia riuscita a dare forma di “biscotto”. Come puoi notare dalla foto, anche i miei biscotti non sono sagomati con un tagliabiscotti, ma semplicemente con le mani e leggermente schiacciati in centro per facilitare la cottura nel mezzo. Non so se hai esperienza in fatto di biscotti, ma di solito quando si sfornano devono essere ancora un po’ morbidi e si solidificano con il raffreddamento altrimenti diventano duri e secchi.
      Il fatto che tu non abbia messo l’ uvetta è ininfluente, sul lievito da dolci non ho grande esperienza perchè non lo uso, ma non credo possa essere stato questo. Spero di esserti stata utile, se hai bisogno scrivimi ancora. Ti ringrazio per aver provato la mia ricetta e ti faccio i miei migliori auguri di buon Natale e buon 2017,

Lascia un commento

*