Plum cake di carote e nocciole, vegan e gluten-free

Plum cake di carote

Mettere le verdure nei dolci? Una idea grandiosa che non penalizza il gusto, anzi! Il plum cake alle carote ne è un esempio, un dolce davvero gradevole, fresco e primaverile che può aiutarci a consumare qualche verdura in più.

L’ideale sarebbe mangiare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, il che significa colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena, ma spesso fatichiamo a tenere questi ritmi ecco perchè “infilare” frutta e verdura in tutte le preparazioni che lo consentono può aiutarci a raggiungere più facilmente questo obiettivo.

I dolci con le carote sono un classico, ma è possibile realizzarne anche con altre verdure, quali zucchine, zucca, etc….aspettatevi altre ricette simili su questo blog, perchè l’idea mi alletta!

Vi invito a provare questo plum cake di carote che, grazie ai suoi ingredienti, incontra il favore di diversi stili alimentari: realizzato con farina di riso è adatto a chi mal tollera il glutine, privo di uova e latticini sarà molto apprezzato da chi segue una dieta vegan, ma anche da intolleranti a uova e lattosio ed infine, la presenza di grassi buoni (olio di mais e nocciole) lo rendono un dolce consentito anche in caso di ipercolesterolemia. Ovviamente con moderazione!

Non omettete la curcuma (a meno che proprio non la tolleriate o fatichiate a reperirla), la sua funzione è quella di conferire un bel colore ambrato al plum cake, ma le virtù di questa spezia sono talmente tante che è vale proprio la pena di non farsela mancare!

 

Plum cake di carotePlum cake di carote e nocciole, vegan e gluten-free

Ingredienti per 4/6 persone

  • Farina di riso bio, 200 gr
  • Carote, 2 medie (150 gr ca.)
  • Nocciole sgusciate, 80 gr (sostituibili con le mandorle)
  • Zucchero di canna integrale, 80 gr
  • Limone bio, 1
  • Bicarbonato di sodio, mezzo cucchiaino
  • Curcuma, mezzo cucchiaino (facoltativa)
  • Latte di riso o soia, 120 ml
  • Olio di mais o riso, 65 gr
  • Sale marino integrale, un pizzico

Preparazione

 

  • Portate il forno a 170°.

 

  • Miscelate lo zucchero con la farina, il bicarbonato di sodio, la curcuma, lo zucchero, un pizzico di sale e la scorza di limone grattugiata.

 

  • Pulite la carote, lavatele e tritatele molto finemente con un mixer, bagnate con il succo di mezzo limone, quindi unitele alla farina.

 

  • Mettete le nocciole nel mixer e azionatelo più volte in modo da triturarle completamente ottenendo una sorta di grossolana farina. Unite anche anch’essa agli altri ingredienti e mescolate per amalgamarli.

 

  • Aggiungete il latte, il restante succo di limone e l’olio di mais. Lavorate l’impasto con un cucchiaio di legno finché tutti gli ingredienti non saranno perfettamente incorporati.

 

  • Ungete e infarinate uno stampo da plum cake e versatevi il composto. Infornate e cuocete a 170° per 30 minuti. Verificate con uno stuzzicadenti l’avvenuta cottura, quindi, sfornate e lasciate raffreddare.

 

  • A piacere potete sostituire le nocciole con la stessa quantità di mandorle.

 

Ti è piaciuta questa ricetta? Segui anche la pagina Facebook cliccando Mi Piace

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly, PDF & Email

11 comments

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Grazie Erica, sempre troppo carina! La curcuma è una spezia miracolosa, ho pensato che dovremmo metterla ovunque, i cibi sarebbero più buoni e noi saremmo mediamente più sani. Un bacione grande

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      A volte sembra un’impresa impossibile, ma i dolci sani e buoni esistono, basta saperli scovare. ;_). Un abbraccio

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Ciao Barbara, bellissima cosa l’autoproduzione! Sì, è possibile. Tieni presente che il latte di riso è più dolce di quello d’avena, quindi, dovrai aumentare leggermente la quantità di zucchero. Prova ad assaggiare un poco di impasto prima della cottura per verificare il grado di dolcezza.

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Dimenticavo, in caso di utilizzo del latte di avena, il plumcake non può essere considerato gluten free. La posizione degli esperti in merito all’avena non è ancor ben chiara, ma si tende ad escludere l’avena dagli alimenti consentiti agli intolleranti.

  1. Jessica says:

    Ciao e grazie infinite per questa bella e sana ricetta!
    Sto provando a farla proprio stasera, e mi è sorto un dubbio: non serve nessun tipo di lievito??? O sono io ancora troppo ignorante in materia?!
    Grazie ancora.

    • Silvia -In Cucina con il Naturopata says:

      Ciao Jessica, non il lievito non serve poiché bicarbonato e limone insieme fungono da agente lievitante. In ogni caso non ti aspettare in plumcake particolarmente alto perché la farina di riso tende a lievitare poco. Grazie per essere passata di qui e buon lavoro ai fornelli 😉

  2. Aurora says:

    Ciao, molto interessanti le tue ricette….una domanda, posso sostituire la farina di riso con la farina 0 o quella integrale? so che non rimane gluten-free

    • Silvia says:

      Ciao Aurora, grazie per la tua visita. Si, certamente, con la farina di grano non sarà più gluten-free, ma se tu lo preferisci così, perchè no? Controlla di tempi di cottura con uno stecchino prima di sfornare. Con la farina di grano potrebbe lievitare un po’ di più. Fammi sapere 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.