Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Aboca, un nuovo modo di vivere la salute.. Natura e salute, Blog tour, Dieta del Cilento, Viaggio alla scoperta di Aboca, fiori medicinale, piante e fiori medicinali.

A San Sepolcro in Toscana se inizi a parlare di prodotti naturali puoi pensare solo ad una sola cosa..l’Aboca, l’azienda leader in Italia e all’estero per prodotti a base di erbe medicinali al 100% biologiche e naturali per la salute e il benessere.
Grazie ad Ornella del blog Fatto in casa è più buono e a Dieta del Cilento all’inizio di ottobre ho potuto partecipare a quest’esperienza in Aboca e ho visitato paesini come Anghiari, inserito tra i Borghi più belli d’Italia.

Aboca, un nuovo modo di vivere la Salute

Appena arrivati, abbiamo subito mangiato alla Foresteria di Aboca dove ho potuto gustare piatti della tradizione toscana come la pappa al pomodoro e i vini locali.
Successivamente abbiamo visitato il parco e l’azienda stessa, immersa tra le colline toscane dove la natura fa da padrona.

Aboca, un nuovo modo di vivere la Salute
Inizio a parlare dell’azienda proprio con le sagge parole di Valentino Mercati, il fondatore e presidente del Gruppo Aboca.
“Nella natura c’è tutto. Si tratta solo di trovarlo, di combinarlo nel modo giusto, di trattarlo, di conservarlo applicando tutta la conoscenza di passato e presente, per un nuovo equilibrio tra uomo e natura, vantaggioso per entrambi”

Aboca, un nuovo modo di vivere la Salute

Aboca nasce nel 1978 e cresce puntando sull’innovazione, sulla ricerca e sull’impiego di avanzate tecnologie. Dispone di oltre 1000 ettari di terreni per la coltivazione delle 67 specie di piante medicinali, tutte al 100% biologiche e naturali, che usano nei loro prodotti.
Durante la fase di produzione, l’azienda controlla sempre i propri prodotti attraverso processi innovativi come – la Metabolomica che fornisce una sorta di impronta digitale delle sostanze vegetali e – la Genomica vegetale che permette di riconoscere le piante attraverso il loro patrimonio genetico.
Sono leader nell’innovazione terapeutica a base di complessi molecolari naturali e sviluppano e realizzano prodotti efficaci e sicuri per il benessere e la salute delle persone.

Tra coltivazioni di piante e di fiori e dopo aver imparato a fare un burro cacao al 100% naturale con propoli e aloe, la sera abbiamo potuto godere di un lauto banchetto all’ Osteria Il Giardino di Piero, gestito completamente dal Gruppo Aboca.

Aboca, un nuovo modo di vivere la Salute

Situato in una delle vie principali di San Sepolcro, di fronte ad un parco dedicato a Piero della Francesca e con il Museo di Aboca di fianco, il ristorante è molto elegante e raffinato.
Hanno molta cura nel ricercare le materie prime, rigorosamente biologiche, per offrire prodotti dai sapori piacevoli che non sono stati alterati da sostanze chimiche o modificati geneticamente.
Il loro motto è “Tradizione, Gusto e Salute” per far capire che non è vero che “tutto ciò che è buono, fa male”.

Quattro passi per San Sepolcro prima di andare a letto sono obbligatori per cercare di smaltire un pochino tutte le bontà che abbiamo gustato.
Una lunga dormita e un gran riposo per affrontare al meglio il giorno dopo, visitando il centro storico di San Sepolcro, i vari musei e il bellissimo borgo di Anghiari.
La cittadina deve la sua fortuna storico-artistica alla posizione geografica, una terra di confine e al tempo stesso punto di incontro tra diverse civiltà.
Raggiunge il suo splendore durante il Rinascimento, grazie al commercio del guado.

Aboca, un nuovo modo di vivere la Salute

L’ Aboca Museum recupera e tramanda il millenario rapporto fra l’uomo e le piante attraverso una preziosa collezione di antichi erbari.
All’interno di questo museo troviamo una fedele ricostruzione degli antichi laboratori che usavano i farmacisti, gli utensili necessari e le varie tipologie di piante tra curiosità, preziosi erbari, antiche ceramiche e profumi naturali.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute
La stanza che più mi ha affascinata è stata quella delle erbe, dove il soffitto è completamente ricoperto da una serie di piante medicinali profumate e di diversi colori.
Questa disposizione, al riparo dalla luce diretta, consentiva la giusta essiccazione, mantenendone l’integrità delle proprietà curative.
L’ultima stanza è dedicata alla ricostruzione fedele di una farmacia dell’Ottocento.
Su tutte le pareti ci sono vetrine con i medicamenti dell’epoca riposti accuratamente nei recipienti da farmacia, tutti completi di etichetta.
Il banco centrale serviva allo speziale come banco da lavoro, ma anche da scrittoio e tavolo da lettura.
In alto, sul muro ci sono due frasi che invitano a riflettere sul futuro dell’uomo e sulla necessità di impegnarsi nella ricerca nell’ambito della botanica medica “ Le erbe medicinali sono una forza della natura creata per tutti i viventi ” e ” l’Homo sapiens potrà, se vorrà, trovare in natura i rimedi per tutti i suoi mali “.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Dopo le bellezze del museo, al Museo Civico di San Sepolcro rimaniamo affascinati da uno dei dipinti più famosi di Piero della Francesca, il “Polittico della Madonna della Misericordia” che rappresenta una delle poche opere documentate di Piero ed anche una delle sue prime commissioni.
Il quadro si compone di cinque grandi pannelli, uno più piccolo in alto e undici tavolette distribuite intorno.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Poco dopo, arriviamo a Monterchi, un paesino vicino a San Sepolcro dove possiamo ammirare la famosa “Madonna del Parto“.
Una delle opere più enigmatiche di Piero e, secondo la tradizione, dipinse questo affresco per rendere omaggio a sua madre.
La Madonna è incinta, con la mano sulla pancia e sembra che si mostri ai fedeli con l’aiuto degli angeli che sono al suo fianco.
Rimaniamo ad ammirare questo bellissimo dipinto per qualche minuto in silenzio, poi la visita prosegue ed Anghiari ci sta aspettando.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Anghiari è stata davvero una scoperta..sapevo che era stata inserita tra i più belli borghi d’Italia, che aveva la bandiera arancione ed è Città Slow, ma non avevo mai avuto l’occasione di visitarla pur abitando in Toscana.
L’atmosfera che mi ha accolta è quella di un paesino di età medievale, con il suo caratteristico borgo, protetto da imponenti mura del 1200 che ne conservano appieno il suo fascino.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Passeggiando tra le strette vie del borgo, si respira un’aria d’altri tempi, senza i ritmi frenetici ai quali siamo abituati. Le case in pietra hanno piccole finestre e porte di legno molto caratteristiche. Quasi ogni davanzale è ricoperto di fiori e piante rampicanti che contribuiscono a colorare e rendere magiche le vie del borgo.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Mentre tornavamo al pullman, siamo entrati da Busatti, un antico laboratorio artigianale di lino, cotone e canapa, per ammirare le bellissime stoffe tipiche del Made in Italy e abbiamo avuto la fortuna che la titolare ci mostrasse la lavorazione dei tessuti con i vecchi telai dei primi del ‘900, ancora perfettamente funzionanti.

Aboca, un nuovo modo per vivere la Salute

Il mio soggiorno a San Sepolcro finisce con la consapevolezza di aver visitato borghi bellissimi, aver conosciuto un po’ di più su un artista come Piero della Francesca e aver trovato un’azienda, come Aboca, che mette sul commercio solo prodotti al 100% e biologici per la salute e il benessere di tutti noi.

SE VOLETE LEGGERE ALTRE STORIE, ALTRE AVVENTURE IN GIRO PER L’ITALIA, CLICCATE QUI 😀

Precedente Cupcakes alla Zucca e Caramello Successivo Confettura di Kiwi e Zenzero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.