Torta di mele e uvetta alla Trentina

Torta di mele…Chi le resiste? La famosa torta di mele di Nonna Papera, che ingolosiva noi lettori, i nipotini e  Ciccio! Quella era una apple pie coi fiocchi, la mia versione è italiana e viene dal Trentino ma è super golosa, ricca, soffice e alta….Questa torta è un classico che ci accompagna dall’infanzia alla maturità, adatta in ogni occasione: fine pasto, colazione e merenda. Non si può resisterle:  insomma assolutamente da provare!

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 porzioni
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 150 g Farina 00 (bio)
  • 140 g Zucchero di canna (bio)
  • 150 g Burro (bio)
  • 4 cucchiai Latte intero
  • 2 Uova
  • 1/2 bustina Lievito in polvere per dolci (vanigliato)
  • 4 Mele Royal Gala (bio del Trentino)
  • Cannella in polvere
  • 50 g Uvetta
  • q.b. Grappa
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. Mettere l’uvetta a bagno nella grappa. In una ciotola abbastanza profonda unire la farina, lo zucchero, il burro fatto ammorbidire a bagno maria, il latte, le uova, la cannella ed il lievito. Mescolare con le fruste fino ad ottenere un impasto morbido e liscio

  2. Sbucciare le mele e tagliarle a metà, prendere mezza mela e tagliarla a  piccoli tocchetti che unirete all’impasto della torta

  3. Prendete una tortiera del diametro di 25 cm, foderatela con carta da forno ( o imburratela e spolveratela di farina). Versate l’impasto nella teglia. Strizzate l’uvetta ammollata nella grappa e sistematela sulla superficie della torta.

  4. Sistemate le mezze mele sulla torta praticando dei tagli sulla superficie, spolverate di zucchero e aggiungete qualche fiocchetto di burro. Infornate a 180° forno statico per 40 minuti. Lasciate intiepidire e rimuovete dallo stampo.

  5. Spolverate la torta con zucchero a velo e servitela su un bel piatto

  6. Buon appetito!

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Enjoy this blog? Please spread the word :)