Crema di cannellini con spiedo di spigola e porri al rosmarino

 

CERM lato 800

Diciamo subito che non siamo qui per proporre nouvelle cuisine o piatti super rafinati, ma quando si hanno amici a cena, nonsi vuole certo incappare in soliti piatti “pre-confezionati”. I niei amici, per esempio, di cucina se ne intendono (da amatori del cibo, intendo) e certo non posso presentarmi con una lasagna o una pasta dal gusto indefinito. Ecco dedicato a loro il mio piattino super light, ricco di gusto e di nutrienti: crema di cannellini con spiedo di spigola e porri al rosmarino. Primo piatto delicato, leggero, buonissimo.

IL PESCE SOSTENIBILE
(FONTI SLOW FOOD)

Proponiamo di porre la giusta attenzione alla tradizionale lista della spesa riflettendo su quali scelte fare, in modo da coniugare il nostro piacere con una maggiore responsabilità negli acquisti, consapevoli del potere che abbiamo come consumatori nel condizionare il mercato dell’alimentazione. La portata delle nostre scelte non si limita al momento della spesa, ma riguarda anche le decisioni che prendiamo fuori casa, al ristorante, in mensa.

CONSUMARE PESCE DI STAGIONE

I pesci di stagione sono quelli che non si trovano in fase riproduttiva. Consumare queste specie consente ad altre di crescere secondo i propri tempi. I pesci nostrani sono quelli di passaggio nei nostri mari, consumarli evita di farne viaggiare altri per decine di migliaia di chilometri,  attraverso gli aerei o le navi.

IL CALENDARIO DEL MEDITERRANEO

Inverno

  • triglia
  • sarago
  • pagello
  • sardina
  • alice
  • pescatrice
  • palamita
  • sgombro
  • vongola verace
  • rombo chiodato
  • polpo
  • seppia
  • lampuga

Primavera

  • sugarello
  • sgombro
  • gallinella
  • spigola
  • sarago
  • leccia
  • palamita
  • pagello

Autunno

  • alalunga
  • spigola
  • triglia
  • rombo chiodato
  • gallinella
  • lampuga

Estate

  • sugarello
  • sogliola
  • orata
  • ricciola
  • spigola
  • gallinella
  • sarago
  • sardina
  • alice

Tutto l’anno

  • cefalo
  • mormora
  • zerro
  • occhiata

PER LA CREAZIONE DI RICETTE ECOSOSTENIBILI E A IMPATTO ZERO BISOGNA SEGUIRE TRE PICCOLE REGOLE:

1. La base di ogni piatto è uno scarto o un avanzo.

2. Gli altri ingredienti che necessitano, sono semplici e si trovano comunemente in dispensa (farina, olio, sale, spezie, uova, ecc.).

3. La preparazione deve essere semplice, richiedere pochi passaggi e tempi di cottura piuttosto brevi.

Vi accorgerete che, imparando a cucinare le parti che generalmente si buttano via, ogni ingrediente avrà una resa doppia, soprattutto nel caso di ortaggi in cui lo scarto rappresenta quasi la metà del peso, come carciofi, broccoli, cavolfiori e asparagi. Ecco il mio nuovo modo di cucinare e mangiare sano. In tutti i sensi. Portare avanti la lotta agli sprechi significa anche attuare comportamenti ecocompatibili nella vita quotidiana. Prima di tutto dobbiamo imparare a capire quanto consumeremo nei giorni successivi alla spesa in modo da non dover buttare via quanto acquistato. Ma non solo, bisogna poi abituarsi a utilizzare ogni parte degli ingredienti cercando di limitare al minimo i rifiuti prodotti; gli scarti possono venire anche congelati per essere utilizzati in seguito per preparare altri piatti.

CERM sopra 800

 

CREMA DI CANNELLINI CON SPIEDO DI SPIGOLA E PORRI AL ROSMARINO

Ingredienti per 4 persone:

  • 6 filetti di spigola
  • 6 foglie esterne di grossi porri
  • 250 g di  fagioi cannellini in scaotola (peso sgocciolato)
  • 1 carota piccola
  • 1 costa di sedano
  • 1 porro piccolo
  • 1 cucchiaio di passata di pomodoro
  • rosmarino
  • sale
  • pepe

Preparazione:

  1. Preparate la vellutata di cannellini: in un tegame mettete la carota, il sedano e la cipolla tritati finemente, aggiungete un filo d’olio e fate rosolare per qualche minuto. Versate i fagioli cannellini sgocciolati, 3 cucchiai d’acqua e la passata di pomodoro. Cuocete per una decina di minuti. Aggiungete del rosmarino. Quando i fagioli sono pronti frullateli con un frullatore ad immersione fino ad ottenere una crema non troppo densa. Continuate a cuocere per altri 5 minuti, mescolando e aggiungendo una tazzina di acqua calda qualora la vellutata di fagioli risultasse molto densa.
  2. Tagliate i filetti di spigola in 2 parti e le foglie esterne di porri in tre parti.
  3. Fate bollire in acqua bollente, salata e profumata al curry, prima le foglie di porri, subito dopo, i filetti di spigola. Scolate il tutto e create gli spiedi arrotolando su se stessi le foglie di porri con i filetti di spigola.
  4. Versate nel piatto la crema di cannellini, appoggiate lo spiedo sul piatto e decorate con rosmarino, olio extravergine d’oliva e pepe nero.

Mara Toscani

Precedente Expo! Gli #expottimisti raccontano ExpoMilano2015 Successivo Raw burger di fagioli e verde di porri, hamburger crudista

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.