Crea sito

Involtini di carpaccio con speck e carciofi.

 

Gli¬†Involtini di carpaccio con speck e carciofi sono dei deliziosi fagottini di carne che pero’ ho fatto comprando le sottili fettine di manzo utilizzate per fare il carpaccio…sono molto pratiche in primis per la tenerezza…poi essendo sottili si cuociono in fretta permettendo al ripieno di restare corposo.

In genere infatti quando faccio i classici involtini di carne a furia di farli cuocere il ripieno scompare ūüôā , si certo resta ovviamente il sapore…ma cosi’ e’ tutta un’altra storia.

Una volta fatti √® poi un attimo…come se si stesse facendo una bistecca ai ferri.

Sono poi piccolini e quindi si prestano molto bene ad una cena anche importante dove si inizia dall’antipasto e si finisce con il dolce!!!! Vi assicuro che vi faranno fare una gran bella figura.

Che ne dite allora di vedere insieme la semplice ricettina?

Involtini di carpaccio con speck e carciofi .

Involtini di carpaccio con speck e carciofi, dose per due persone:
  • 6 fettine di carpaccio di manzo..(nulla vieta di utilizzare il petto di pollo)
  • 2 carciofi medi
  • 3 fettine di speck
  • sale
  • olio
  • vino

Fare gli Involtini di carpaccio con speck e carciofi  è molto semplice

Iniziamo col mondare i carciofi. Spacchiamoli a meta’…tagliamoli a fettine sottili e mettiamoli per una mezz’oretta in acqua e limone in modo tale che perdano un po’ del loro gusto amaro.

Dopodiche’ mettiamoli in un padellino, aggiungiamo appena un cucchiaio di olio, un pizzico di sale, pepe, copriamo e lasciamo cuocere fin quando non diventano ben teneri aggiungendo eventualmente una tazzina di acqua.

Lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo prendiamo la carne per iniziare a preparare i nostri golosi Involtini di carpaccio con speck e carciofi.

Su ciascuna fetta mettiamo mezza fettina di speck e alcuni spicchietti di carciofo.

Arrotoliamo e sigilliamo con uno stecchino.

Passiamo ora alla cottura.

Prendiamo un tegamino antiaderente nel quale andremo a scaldare due cucchiai di olio senza farlo soffrigere.

Aggiungiamo gli involtini,aggiustiamo di sale, di pepe , copriamo il padellino  lasciandoli cuocere 5 minuti per parte  a fuoco moderato.

Aggiungiamo mezzo bicchiere di vino bianco e continuiamo la cottura a fiamma vivace fino a quando il vino non sarà del tutto evaporato.

I nostri Involtini di carpaccio con speck e carciofi  sono pronti per essere serviti e gustati caldi!!!

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Trenette vongole, carciofi e arancia

Le Trenette vongole, carciofi e arancia è un delizioso primo piatto insolito negli accostamenti ma decisamente vincente nel gusto.

La pasta con le vongole √® l’unico primo piatto a base di pesce che mi posso permettere di cucinare a casa visto che la mia dolce met√† non ama il pesce se non poche cose..e cos√¨ non appena catturo qualche idea ne approfitto per provare deliziose varianti.

Qualche giorno fa l’accostamento arancia e carciofi mi √® servito per uno sfizioso contorno la cui ricetta potete vedere cliacando QUI e allora perch√© non abbinarlo ad un primo?

Ovviamente dell’arancia ci deve essere il profumo…l’aroma…una sfumatura appena che va ad esaltare tutto il piatto.

Ecco quindi le Trenette vongole, carciofi e arancia..e devo dire che il risultato è stata una pietanza fine, ricercata e favolosamente gustosa.

E poi in poco tempo la possiamo portare a tavola.

Vediamo allora insieme la ricettina.

Trenette vongole, carciofi e arancia

Trenette vongole, carciofi e arancia, dose per 4 persone

  • 320 gr di trenette
  • 1 kg di vongole
  • 4 carciofi
  • 1/2 arancia (succo+buccia)
  • 1 bicchierino di vino
  • sale
  • olio

 

Fare le Trenette vongole, carciofi e arancia è molto semplice.

La sera prima vi consiglio di mettere le vongole in un recipiente con  acqua calda e una manciata di sale grosso per eliminare tutte le impurità.

Quindi laviamole, trasferiamole in un tegame, chiudiamole con un coperchio e a fiamma vivace facciamole aprire.

A questo punto teniamone alcune intere e sgusciamo le restanti.

Con l’aiuto di un tovagliolino di cotone filtriamo il liquido di cottura per eliminare gli eventuali residui sabbiosi e teniamo da parte.

Grattugiamo la buccia di metà arancia e spremiamone il succo

Puliamo i carciofi eliminando le foglie pi√Ļ dure, dividiamoli a met√† e poi a fettine sottili tuffandoli mano a mano in una bacinella con dell’acqua acidula.

Trasferiamoli quindi in un tegame, aggiungiamo un pizzico di sale grosso, un cucchiaio di olio e lasciamoli appassire molto velocemente.

Aggiungiamo  le vongole ,sfumiamo con un bicchierino di vino bianco e una volta evaporato uniamo il succo di metà arancia mischiato al liquido di cottura delle vongole tenuto da parte.

Nel frattempo lessiamo le trenette in abbondante acqua salata , scoliamole e versiamole nel condimento.

Mantechiamo la pasta facendo rapprendere bene il liquido.

A questo punto non resta che servire le nostre Trenette vongole, carciofi e arancia aggiungendo sui piatti la buccia grattugiata dell’arancia.

Buon appetito!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

Carciofi ai pomodori secchi

I carciofi ai pomodori secchi √® un contorno molto ma molto appetitoso perch√© il sapore dei carciofi gi√† di per se molto buono viene esaltato dai pomodori secchi e da una sfumatura fatta con due cucchiai di salsa di soia. La salsa di soia infatti non √® che una salsa fermentata ottenuta dalla soia con aggiunta di acqua e sale e a molti piatti d√† davvero quel tocco in pi√Ļ.¬†Ma torniamo al nostro contorno. I carciofi ai pomodori secchi non possono non piacere, accompagnano carne e pesce e sono molto leggeri. E allora ecco per voi la veloce ricettina

Carciofi ai pomodori secchi

 

Carciofi ai pomodori secchi, dose per due persone

  • 4 carciofi
  • 6 pomodori secchi
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • sale
  • pepe

Se utilizzate i pomodori secchi naturali, ovvero no sotto olio come ho fatto io, metteteli per una mezz’oretta in ammollo in acqua calda e aceto, questo li ammorbider√† e li render√† pi√Ļ dolci. Se invece usate quelli sotto olio abbiate cura di tamponarli bene o di sciacquarli. Prendiamo i carciofi, eliminiamo le foglie esterne pi√Ļ dure fino ad arrivare a quelle tenere, spuntiamoli, manteniamo un paio di cm di gambo e puliamo anche questo. Dividiamo i carciofi¬†in due , togliamo l’eventuale peluria interna e poi tagliamoli a spicchi tuffandoli mano a mano in una ciotola con dell’acqua acidula di limone.

A questo punto prendiamo un tegame antiaderente, mettiamoci i pomodori tagliati a pezzetti, due cucchiai di olio, 1/2 tazzina di acqua, copriamo e a fuoco lento facciamo cuocere per 5 minuti in modo da dare modo ai pomodori di insaporire il sughetto. Aggiungiamo quindi i nostri carciofi, aggiustiamo di sale e di pepe, copriamo e lasciamo cuocere sempre a fuoco lento per una mezz’oretta. Cercate di non aprire mai il coperchio, al massimo di tanto in tanto scuotete il tegame. In questo modo i carciofi si cuoceranno con il loro stesso sughetto e con il vapore che rester√† all’interno mantenendo intanto il loro sapore. Se poi pensate che siano per√≤ troppo duri allora aggiungete un pochino d’acqua. A cottura ultimata sfumiamo con due cucchiai di soia, saltiamoli per altri due minuti e spengiamo.

Bene, i nostri Carciofi ai pomodori secchi sono pronti per essere serviti e gustati tiepidi, Sono appetitosi da morire!!!

Se questa mia ricetta vi √® piaciuta potete seguire i miei aggiornamenti su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale ūüėČ

Carciofi alla granella di nocciole

I Carciofi alla granella di nocciole¬†sono un contorno delizioso e particolare ed √® senz’altro¬† uno dei modi pi√Ļ sfiziosi in cui ho mangiato i carciofi

Le nocciole sono in quantità minima quanto basta per esaltare il gusto di questo ortaggio senza però eccedere nella pesantezza o nelle calorie.

.L’idea √® nata da due ricette trovate sul web…una che prevedeva l’uso delle nocciole ma senza una pre-cottura dei carciofi e un’altra che prevedeva un ripieno di formaggi ma con una pre-cottura.

Ho quindi rivisitato entrambe eliminando i formaggi che di solito tendono a coprire troppo i sapori ¬†e devo dire che il risultato √® stato pi√Ļ che soddisfacente.

I¬†carciofi alla granella di nocciole¬†non sono solo un contorno diverso dal solito ma anche un’idea alternativa per arricchire un buon antipasto, avvicinandosi ai gusti e alle esigenze di tutti,,vegetariani e vegani compresi.

E poi non parliamo di quanto siano salutari e ricchissimi di ferro.

Che ne dite allora di vedere insieme il semplice procedimento???

Carciofi alla granella di nocciole

 

Carciofi alla granella di nocciole, dose per 5 carciofi.

  • 5 carciofi
  • 50 gr di pane integrale
  • 40 gr di nocciole
  • prezzemolo
  • 1 cucchiaio di olive nere dolci
  • sale
  • olio
  • 1 arancia bio

Fare i Carciofi alla granella di nocciole è molto semplice.

Puliamo i carciofi dalle foglie esterne, tagliamoli a met√†, separiamo il pezzettino di gambo dalla testa, ¬†puliamoli della peluria interna e tuffiamoli per un po’ in acqua acidula al limone.

Portiamo ad ebollizione dell’acqua, tuffiamoci i carciofi e dal momento della bollitura facciamoli scottare per 7/8 minuti fino a quando non li sentiamo abbastanza teneri

Quindi scoliamoli e lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo dedichiamoci alla farcitura.

In un mixer sbricioliamo il pane, aggiungiamo le nocciole, il prezzemolo, le olive nere denocciolate, la buccia grattugiata di una bella arancia biologica non trattata , i gambi dei carciofi e tritiamo il tutto.

Aggiustiamo di sale e pepe e aggiungiamo un solo cucchiaio di olio per amalgamare meglio gli ingredienti.

Riprendiamo quindi i nostri carciofi, adagiamoli su una teglia coperta da carta da forno, saliamoli leggermente e copriamo ciascuno con  il trito preparato.

Irroriamo con un filo di olio.

Ora regolatevi voi…se dopo la scottatura i carciofi sono rimasti duretti allora aggiungete nella teglia un po’ di brodo vegetale affinch√© finiscano di cuocere, altrimenti basta 1/2 tazzina di acqua solo per non farli attaccare al fondo.

Copriamo con della carta stagnola e inforniamoli a 180 gradi per circa 20 minuti, quindi scopriamo e continuiamo la cottura per altri circa 15 minuti…fino alla loro gratinatura.

Bene…i nostri Carciofi alla granella di nocciole¬†sono pronti…non resta che presentarli a tavola…caldi, tiepidi ma anche freddi…ottimi in ogni modo.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

 

 

Fior di castagna ai capperi, olive nere e carciofi.

I¬†Fior di castagna ai capperi, olive nere e carciofi e’ un primo piatto semplice, veloce e squisito ed e’ reso particolare proprio per la pasta fatta con la farina di castagne. No…di certo non l’ho fatta io…ma ho avuto modo di provarla grazie alla collaborazione con il Pastificio Fanelli di cui ho ¬†avuto modo di parlare con gran piacere QUI. Di questo pastificio ho gia’ provato le Fettuccine al cacao e le Fiaccole al vino rosso ed ora questi Fior di Castagna. Che dire…anche questa di tipologia di pasta e’ stata ottima…un gusto sottile e delicato mentre la pasta stessa resta corposa e soprattutto si accosta bene ai condimenti oltre a non rompersi come tante paste!!!

Non e’ stato facile scegliere il condimento e cosi’ dopo aver pensato e ripensato sono andata sul semplice innanzitutto perche’ le mie ricette devono essere sempre alla portata di tutti e poi perche’ non mi andava di sovrastare il sapore naturale della farina di castagne. E quindi ecco che vi presento i miei ¬†Fior di castagna ai capperi, olive nere e carciofi:

PicsArt_1427114321901

 

 

Fior di castagna

Fior di castagna ai capperi, olive nere e carciofi, dose per tre persone

  • 250 gr di Fior di Castagna del Pastificio Fanelli
  • 3 carciofi medi
  • 10/15 olive nere naturali denocciolate
  • 1 vasettino piccolo di capperi
  • 2 acciughe dissalate
  • 1 scalogno
  • sale
  • olio

Iniziamo con il pulire i carciofi togliendo le foglie piu’ esterne. Spacchiamoli a meta’, togliamo l’eventuale peluria e ricaviamo ancora delle fettine sottili. Man mano che li tagliamo mettiamoli in acqua e limone in modo che perdano un po’ del loro amaro. Lasciamoli cosi’ per una mezz’oretta. Nel frattempo preparariamo il condimento. Prendiamo un capiente tegame, affettiamo uno scalogno molto sottilmente, aggiungiamo le olive (meta’ intere e meta’ tagliate in due), i capperi e due filetti di alici lasciandoli interi, due cucchiai di olio, un mestolo di acqua e mettiamo sul fuoco lasciando che il tutto appassisca molto lentamente.. Quindi dopo circa 15 minuti aggiungiamo le fettine di carciofi, saliamo, pepiamo e lasciamo che cuociano anche questi a fuoco lento. Non serve aggiungere acqua, basta tenerli ben chiusi con il coperchio. Non ci vorranno piu’ di venti minuti ma vedete voi…l’importante e’ lasciare il condiimento non asciutto. Se accade questo non e’ un problema…al momento della mantecatura aggiungiamo un po’ di acqua di cottura della pasta.

Lessiamo appunto i nostri Fior di Castagna per 5/6 minuti in abbondante acqua salata…scoliamoli e versiamoli nel condimento. Mantechiamo a fuoco acceso e serviamo questo delizioso primo caldo. Vi assicuro che se avete ospiti farete un gran figurone e poi il condimento lo potete preparare prima quindi vi dara’ una grande ¬†mano.

Spero che la ricetta sia stata di vostro gradimento. Se volete vedere come ho cucinato gli altri formati basta cliccare QUI se invece siete curiosi di vedere altri formati particolari vi rimando al SITO FANELLI.

Aspetto il vostro giudizio.

QUI trovate altre ricette con i carciofi e non dimenticate che mi trovate anche su FACEBOOK!!!

 

 

Frittata con carciofi al forno

 

La Frittata con carciofi al forno si va ad aggiungere alla mia lunga serie di secondi con le uova e anche in questo caso vige la regola della cottura fatta rigorosamente al forno.

Questo perche’, al contrario di quanto pensano molte persone, la frittata per essere buona non necessariamente deve essere essere cotta in padella con abbondante olio che va fatto scaldare bene.

A mio parere cio’ che rende buona una frittata sono gli ingredienti!¬†¬†Poi non parliamo dei vantaggi!!!! Prima cosa non dobbiamo girarla con il rischio di farla a pezzi…(a chi non e’ mai capitato¬† ūüôā ) e poi non sporchiamo per niente il piano cottura .

Vabbe’ infine vogliamo parlare delle calorie in meno???.

Questa ai carciofi tra l’altro e’ davvero superlativa…la migliore di quelle gia’ provate.

E visto che il periodo inizia ad essere ottimo che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina???

Frittata con carciofi al fornoFrittata con carciofi al forno

Frittata con carciofi al forno, dose per due persone

  • 3 carciofi (se sono piccoli anche 4…abbondate!!!)
  • 4 uova medie
  • sale
  • pepe

Fare la Frittata con carciofi al forno è semplice e veloce

Puliamo bene i carciofi dalle foglie esterne, tagliamo la calotta superiore, dividiamoli a meta’ e riduciamoli a fettine sottili tuffandoli nel frattempo in acqua e limone.

Lasciamoli cosi’ per un po’…una mezz’oretta circa per far perdere loro l’amaro.

Nel frattempo prepariamo le uova battendole bene con un pizzico di sale e pepe.

Ora riprendiamo i carciofi, mettiamoli in un padellino, aggiungiamo un pizzico di sale grosso e appena un cucchiaio di olio…non c’e’ bisogno di aggiungere acqua, copriamo e facciamo cuocere fin quando non si saranno ben ammorbiditi.

Prepariamo una pirofila non grande ovviamente…la frittata deve rimanere spessa, foderiamola con un foglio di carta da forno bagnata e strizzata che andremo ad ungere appena con un altro cucchiaio di olio.

Una volta cotti  mischiamo i nostri carciofi  nel composti di uova.

Amalgamiamoli bene e versiamo tutto nella pirofila.

Passiamo in forno, ventilato, 180 gradi per circa 1/2 ora.

Quando la frittata ha assunto un bel colore facciamo la prova stecchino per vedere se esce asciutto…a questo punto possiamo spengerla e gustarla calda o tiepida.

Buon appetito!!!

Vi assicuro che non ve ne pentirete….e buon appetito!!!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Carciofi in padella con patate

 

I Carciofi in padella con patate sono un contorno davvero delizioso e facile da preparare e sebbene siano un contorno…sono pero’ abbastanza “sostanziosi” .

Li possiamo quindi accompagnare tranquillamente con un secondo poco laborioso per aver un pasto ben completo.

Ad esempio io amo mangiarli con un pezzettino di primo sale…mi fanno impazzire..non solo ma il fatto stesso di mettere le patate ci portera’ a mangiare poco pane ūüôā …quindi…altro che contorno…un signor piatto direi!!!

I carciofi sono degli ortaggi molto versatili in cucina e da sempre acclamati come fonte primaria di ferro.

Hanno inoltre pochissime calorie e vantano anche un effetto diuretico.

Ma a prescindere da ciò sono buoni e basta e forse sono tra i pochi ortaggi che anche crudi trasformano i piatti in pietanze eccellenti.

I Carciofi in padella con patate sono semplici ma di sicuro è tra i contorni che meglio appaga le serate invernali.

E allora che ne dite di vedere insieme la semplice e veloce preparazione?

 

Carciofi in padella con patate

Carciofi in padella con patate, dose per due persone

  • 4 carciofi
  • 3 patate medie
  • prezzemolo
  • aglio
  • sale
  • 2 cucchiai di olio.

Fare i Carciofi in padella con patate è di una semplcità unica.

Prendiamo ciascun carciofo, spuntiamo il gambo, togliamo le foglie piu’ esterne e tagliamo la punta.

Spacchiamoli quindi a meta’, eliminiamo l’eventuale peluria e mettiamoli in una bacinella con del succo di limone per fargli perdere un po’ del loro amaro.

Lasciamoli cosi’ per una mezz’oretta .

Nel frattempo sbucciamo le patate e se non sono eccessivamente grandi dividiamole in 4…facendo comunque degli spicchi grandi…

A parte prepariamo un trito sottile di prezzemolo, aglio ed un pizzico di sale con il quale andremo a condire l’interno dei carciofi.

Prendiamo un tegame che possiamo coprire bene (e’ fondamentale per la cottura, se proprio non avete dei coperchi che si incassano bene mettete prima del coperchio la classica carta da pane…cosi’ faceva la mia mamma ūüėÄ ), disponiamo al suo interno i carciofi con la parte tagliata verso l’alto e in mezzo gli spicchi di patate facendo un unico piano.

Irroriamo con un filo di olio passato su ciascuno carciofo e spicchio di patata e aggiungiamo acqua fino ad altezza carciofo. A questo punto copriamo , mettiamoli sul fuoco moderato e per almeno 20 minuti dal bollore non scopriamoli

Dopodiche’, facendo bene attenzione a non farli rompere, giriamoli a pancia sotto, idem con le patate e continuiamo a cuocere senza piu’ girarli. Una volta cotti…alziamo un po la fiamma per fargli fare una sottile crosticina…

La cena e’ pronta!!!

Non resta che gustrali caldi…e come vi accennavo vi consiglio di mangiarli con un buon primosale fresco!!!!

Vi e’ piaciuta la ricettina?? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Carciofi e carote olio e limone.

carciofi e carote

I carciofi e carote olio e limone e’ un contorno che ci da’ una buona alternativa ai carciofi cotti in padella. Il loro gusto resta davvero intatto e il loro sapore un po’ acidulo si sposa perfettamente con il dolce della carota. Questo contorno accompagna ogni tipo di pietanza, carne, pesce, uova…anzi forse proprio per la sua leggerezza si sposa perfettamente con dei secondi laboriosi…tipo arrosti. E poi vogliamo mettere le proprieta’ dei carciofi?? Ricchi di ferro e potassio.

Carciofi e carote olio e limone, dose per due persone:
  • 4 carciofi
  • 5/6 belle carote
  • limone
  • olio

Le dosi sono molto approssimative…nel senso che rispetto a quando facciamo il carciofo intero in padella dove con le porzioni ci si regola piu’ facilmente, qui e’ un po’ piu’ difficile…quindi regolatevi voi!!!

In ogni caso prendiamo i carciofi, tagliamo una parte del gambo lasciandone un pezzetto di 4/5 cm, sfogliamoli delle foglie piu’ dure e con un coltello tagliamo la punta e puliamo il gambo. Tagliamoli poi a meta’, eliminiamo l’eventuale peluria e facciamoli a spicchi. Man mano che li tagliamo trasferiamoli in una bacinella con acqua e limone. Nel mentre che perdano un po’ l’amarognolo, prendiamo le carote, sbucciamole, facciamole a rondelle e mettiamole in una pentola con dell’acqua fredda. Copriamo e mettiamole sul fuoco portandole a bollore. A questo punto proseguiamo la cottura per 5 minuti e dopo tuffarvi i carciofi scolati e sciacquati e continuare a cuocere fin quando non saranno pronti. Quindi scoliamoli e condiamo con sale, olio e limone. Sono molto buoni caldi ma ovviamente anche freddi…Semplice, leggero, veloce!!!