Crea sito

Cannelloni verdi broccoli e noci

 

I cannelloni verdi con broccoli e noci sono un primo delizioso e che associa gusto e leggerezza…poi siamo nel periodo dei broccoli…delle noci e quindi perche’ non provarli????

Farli è più semplice di quanto sembri…sempre che ci si affidi alla pasta per cannelloni già pronta…in alternativa…il procedimento sarebbe molto più lungo.

Quando pensiamo ai cannelloni ci viene in mente un primo laborioso…gustoso ma anche pesante.

Nel mio caso non è proprio così perchè i  cannelloni verdi con broccoli e noci hanno come condimento una leggera besciamella senza burro e senza olio ed ho evitato anche di mettere la mozzarella o altri fomaggio filanti.

E allora se vogliamo rendere la nostra domenica un pò diversa che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

cannelloni verdi con broccoli e noci

 

Cannelloni verdi broccoli e noci, dose per 12/15 cannelloni

  • Pasta per cannelloni verde (se non altro perche’ sono piu’ coreografici 😉 )
  • 500 gr misto tra cavolfiore bianco e broccolo verde
  • Besciamella (ho fatto la dose per 3/4 di latte)
  • 50 gr di noci tritate
  • sale
  • pepe.

Fare i cannelloni verdi con broccoli e noci è molto semplice

In abbondante acqua salata lessiamo la pasta lasciandola ardente  e lasciamola raffreddare stendendo i fogli su un canavaccio asciutto

Nel frattempo prepariamo la besciamella, la mia besciamella la cui ricetta potete trovare seguindo il link QUI .

Riduciamo il cavolfiore e il broccolo in piccole cime, laviamole e lessiamole in abbondante acqua salata.

Una volta cotti, scoliamoli e passiamoli in un tritatutto lasciandoli grossolani.

Facciamo lo stesso con le noci.

A questo punto tutto e’ pronto per l’assemblaggio.

Prendiamo il misto broccoli, amalgamiamoli con qualche cucchiaio di besciamella ,2 cucchiai di noci tritate e se necessario aggiustiamo di sale e di pepe.

Riempiamo i cannelloni.

Prendiamo a questo punto una teglia, mettiamo sul fondo la besciamella, adagiamo i cannelloni e copriamo con altra besciamella e un manciata di noci tritate.

Inforniamo per circa 20 minuti a 180 gradi…

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Lasagne agli agretti

Le Lasagne agli agretti sono  un delizioso primo piatto dal timbro decisamente primaverile.

La pasta ripiena in realtà è quasi come la frittata…la possiamo fare in mille modi e riesce sempre bene, di carne o di sole verdure.

Diciamo che il più delle volte siamo abituate alla versione classica…o con il ragù…oppure con i funghi in bianco…ma visto che siamo nel pieno periodo di agretti e visto che ho già con grande successo ho sperimentato la pasta con questo ortaggio…mi sono detta…e se ci facessimo anche la lasagna?

Ammettiamolo…o d’estate o di inverno la lasagna è sempre buona…e poi anche se un pochino per preparala ci vuole vogliamo parlare della comodità??

La facciamo anche il giorno prima e poi la mettiamo in fono al momento di mangiarla…quindi è davvero un piatto perfetto da ogni punto di vista.

Devo ammettere che la mia versione è abbastanza originale e comunque anche “leggera” nel senso che come mio solito non uso grassi…non uso burro…una besciamella fatta addirittura con latte scremato…evito infatti di comprare quella già pronta.

Gli agretti hanno ancora una volta confermato l’alta stima che ho per loro…è una verdura così particolare che ancora una volta va ad esaltare la mia composizione.

Bene…detto ciò che ne dite di affrontare insieme questa avventura?

Lasagne agli agretti

Lasagne agli agretti, dose per 4 persone.

  • 250 gr di pasta per lasagne
  • 500 gr di agretti (2 mazzetti circa)
  • besciamella
  • 250 gr di mozzarella
  • 50 gr di parmigiano
  • sale

Fare la Lasagne agli agretti è molto semplice.

Puliamo gli agretti e laviamoli accuratamente per eliminare ogni tipo di impurità.

Quindi lessiamoli in abbondante acqua leggermente salata fino a cottura completa, scoliamoli e lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo prepariamo anche la Besciamella , ne occorre una dose pari a 500 ml di latte e per la ricetta vi rimando direttamente QUI.

Lessiamo i fogli di pasta per la lasagna gettandoli in acqua bollente giusto 3 minuti per farli ammorbidire, quindi disponiamoli larghi su di un piano ricoperto da un panno da cucina per farli asciugare.

Tritiamo la mozzarella e tagliamo grossolanamente gli agretti mischiandoli alla maggior parte della besciamella lasciando un pò di questa salsa per la base e per la copertura.

Bene, tutto è pronto per l’assemblaggio.

Prendiamo una teglia di medie dimensioni, per 4 porzioni.

Distribuiamo alla base un pò di besciamella ed iniziamo a fare gli strati mettendo una base di lasagna, copriamo con uno strato di agretti, spargiamo la mozzarella e una manciata di parmigiano…e contuiamo così per altre 2 volte realizzando almeno tre strati.

Su quello finale di copertura andiamo a spennellare la superficie con la besciamella rimasta e parmigiano.

Bene, ora non resta che infornare la nostra Lasagna agli agretti a 180 gradi per circa 20 minuti fino a quando anche la superficie non sarà ben dorata.

Il nostro delizioso piatto è pronto per essere gustato.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Tortelli broccoletti ricotta e noci

I Tortelli broccoletti ricotta e noci è un primo piatto molto gustoso e delicato.

D’altronde fatemi un esempio di pasta ripiena non gustosa. …la pasta ripiena è quasi il simbolo del focolare…di famiglia…di raffinatezza…di coccola.

Non a caso anche quando abbiamo amici o parenti come ospiti a pranzo che si fa al 90%”?  La pasta ripiena…che sia una lasagna…cannelloni o tortelli…comunque pasta ripiena.

E quando siamo noi a farla la soddisfazione la fa sembrare ancora più buona.

Anche se indubbiamente ci vuole tempo e pazienza, ogni tanto mi pace cimentarmi a fare i tortelli perchè è quasi una creazione…sei li vicino al tavolo, leggermente piegata che ti coccoli quei pezzetti d’impasto dosando sottigliezza e ripieno per  formare questo bocconcino di esplosione gustosa.

Ancora volta ho scelto una farcitura classica ma di grande effetto, leggera e buonissima..e poi i broccoli (intendo i siciliani) e noci insieme sono davvero il top…ricotta quanto basta per amalgamare bene gli ingredienti e niente uova.

Se proprio abbiamo una giornata di tempo se ne possono fare un pò per poi magari surgelarli.

E allora vediamo come realizzarli insieme questi deliziosi Tortelli broccoletti ricotta e noci

Tortelli broccoletti ricotta e noci

Tortelli broccoletti ricotta e noci ,dose per 4 persone

Per la pasta

  • 200 gr di farina
  • 2 uova
  • 1/2 guscio di acqua
  • 1 pizzico di sale

Per la farcitura

  • 200 gr di broccoletti siciliani
  • 100 gr di ricotta
  • 30 gr di noci
  • 1 pizzico di sale

Fare i Tortelli broccoletti, ricotta e noci richiede solo pazienza…io lo definisco l’antistress per eccellenza.

Su un piano setacciamo la farina, aggiungiamo due uova, un pizzico di sale ed iniziamo ad impastare  utilizzando se occorre 1/2 guscio di acqua per lavorare le briciole di farina.

Dopo aver ottenuto una palla bella liscia nè dura nè morbida lasciamola riposare dentro una bustina per un’oretta.

Pensiamo ora alla farcitura.

Puliamo e dividiamo in piccole cimette il broccolo siciliano, quindi lessiamolo in abbondante acqua leggermente salata fino a quando non diventa molto tenere,  coliamolo bene e lasciamolo raffreddare.

In un mini pimer tritiamo le noci e in un secondo momento aggiungiamo anche i broccoletti frullandoli finemente.

Trasferiamo il tutto  in una ciotola, aggiungiamo la ricotta, se necessita un pizzico di sale e se piace anche un cucchiaio di parmigiano.

Amalgamiamo bene gli ingredienti tra loro.

Riprendiamo l’impasto e con l’aiuto della macchinetta della pasta stendiamolo ottenendo delle strisce lunghe e sottili.

Con l’aiuto di un coppa pasta ricaviamo tanti cerchi…su metà di loro mettiamo un cucchiaino di farcitura e sigilliamo mettendo un altro cerchio sovrapposto chiudendo bene tutto intorno.

Proseguiiamo fino al termine degli ingredienti e rimpastando di volta in volta i resti di pasta.

Bene…i nostri Tortelli broccoletti, ricotta e noci sono pronti…non resta che lessarli per 5 minuti in acqua e condirli.

A tal proposito potete sbizzarrirvi come vi pare. Io ho scelto la cosiddetta Salsa Francescana...la conoscete?

E’ un prodotto tipico perugino realizzata con ingredienti semplici e genuini come tartufo, olive verdi e nere in modo da ottenere una crema che delizia il palato dei più esigenti.

Ancora una volta ringrazio la mia amica de La dispensa del Lago per avermela fatta provare.

Su questi ravioli è davvero la fine del mondo e ne serve pochissima per avere il massimo.

Che dirvi…Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole

Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole è uno squisito primo piatto azzardato ma azzeccato. Molti si staranno chiedendo cos’è la fagiolina del trasimeno. In effetti fino a qualche mese fa neanche io la conoscevo. Poi ho avuto la fortuna in seguito ad una gita fuori porta di entrare in un negozietto a Castiglion del lago e qui ho trovato di tutto. Il nome è un programma…La Dispensa del lago...e la gentilissima titolare…ormai mia amica…Alessandra mi ha omaggiato di alcuni dei suoi prodotti tra cui la Fagiolina del Trasimeno. Quanto mi piacciono le novità…quanto mi stimolano.

Comunque in breve vi dico che la Fagiolina del Trasimeno è un prodotto tipico del lago Trasimeno, i semi sono piccoli e colorati e rispetto ad un normale legume a livello nutrizionale è ben più  ricca di fibra…circa un 20% in più, ha un sapore molto delicato e oltre ad essere gustata al naturale con sale ed olio extravergine di oliva, si sposa bene con la pasta ed il pesce.

Comunque ho trovato la sua storia molto interessante visto che è quasi una coltivazione protetta e se cliccate QUI avrete anche voi modo di approfondire l’argomento.

Torniamo però alla mia ricetta. Ero molto indecisa su come utilizzarla…e ormai sapete che nel mio blog le pietanze devono avere una particolarità. Allora perchè avrei dovuto fare la solita zuppa ? Nulla togliendo alla bontà delle zuppe…ovvio.

Ho pensato…se sta bene con la pasta e con il pesce…uniamo le due cose. Ecco che alla fine ho voluto sperimentare questi tortelli farciti con la fagiolina e mantecati con un leggerissimo condimento alle vongole.

Davvero davvero davvero squisiti, leggeri perchè non ho usato fomaggi o uova e allo stesso tempo delicati e raffinati.

Non dico che siano semplici da realizzare…ma credetemi se ce l’ho fatta io…ce la farete anche voi.

Allora veniamo alla ricettina.

Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole

 

Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole, dose per 4 persone 

  • 200 gr di farina
  • 2 uova
  • 1/2 guscio di acqua solo se occorre
  • 300 gr di fagiolina del trasimeno cotta
  • 500 gr di vongole veraci
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • prezzemolo
  • olio
  • sale

Fare i Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole non è difficile,,,è solo un pò lungo. Ma possiamo prepararli anche il giorno prima e tenerli in frigo.

Innanzitutto lessiamo la fagiolina. Rispetto agli altri legumi non necessita di ammollo, va semplicemente lavata sotto acqua corrente e poi fatta cuocere in abbondante acqua per 45 minuti.

Solo a fine cottura aggiungiamo un pizzico di sale e spengiamo.

Veniamo ai tortelli.

Su di un piano setacciamo 200 gr di farina, al centro rompiamo due uova, aggiungiamo un pizzico di sale e 1/2 guscio di uovo di acqua solo se necessaria Impastiamo il tutto fino ad ottenere una bella palla omogenea che lasceremo riposare dentro una bustina di plastica da surgelatore per un’oretta.

Nel frattempo mettiamo le vongole che avremo fatto spurgare in acqua salata per tutta la notte, in un tegame, aggiungiamo un bicchiere di vino bianco e facciamole aprire a fuoco molto vivace. Spengiamo e filtriamo l’acqua di cottura per eliminare gli eventuali residui di sabbia.

A questo punto pesiamo 300 gr di fagiolina cotta e frulliamola con due cucchiai di acqua di cottura delle vongole per dargli maggior sapore ottenendo così una crema

Perfetto tutto sembra esser pronto.

Riprendiamo ora l’impasto, massaggiamolo ancora un po’ (sempre sul piano di lavoro infarinato) e iniziamo  a stenderlo o con il mattarello se siete in grado…non è il mio caso!!! Oppure poco alla volta stendiamolo con la macchinetta per la pasta ottenendo delle strisce sottili. Io ho passato ogni striscia di pasta fino all’ultimo numero.

Tagliamo ogni striscia in quadrati lunghi per lato 7 cm.

Su ciascuno mettiamo un cucchiaino di fagiolina e chiudiamo formando il nostro tortello.

Proseguiamo fino al termine degli ingredienti.

Perfetto i nostri Tortelli con fagiolina del trasimeno e vongole sono pronti…non resta che lessarli 5 minuti in acqua salata e mantecarli velocemente nel condimento di vongole facendo rapprendere bene il liquido di cottura e aggiungendo alla fine un filo di olio e abbondante prezzemolo.

La fatica e la pazienza nel farli verrà di sicuro ricompensata dalla bontà di questo piatto

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne

Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne sono degli sfiziosi fagottini farciti a mo’ di lasagna molto buoni ma anche molto coreografici. Le lasagne sono buone fatte in ogni modo ma a volte quando hai degli ospiti e vuoi fare bella figura presentarle è davvero difficile. Così ho improvvisato queste monoporzioni e oltre all’effetto sorpresa sono perfette perchè non danno quel senso di pesantezza propria della lasagna. La farcitura? Direi molto particolare vero? Visto che siamo in autunno mi sono voluta sbizzarrire con la fantasia. In una rivista mi ero appuntata la ricetta di un contorno a base di cavolfiore e castagne e l’ho trovato un ottimo suggerimento per accompagnare questi cestini. In effetti l’unione tra i due frutti autunnali è davvero eccellente e il gusto raffinato. A tutto aggiungiamo il fatto che i Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne possono essere preparati in anticipo anche la sera prima. Quindi sono davvero perfetti.

I Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne tra l’altro sono in un certo senso molto light…la mia besciamella è fatta senza aggiunta di grassi, le verdure lessate, e la pasta ne serve una quantità minima.

Detto ciò che ne dite di venire alla ricettina?

Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne

Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne, dose per 6 cestini

Per la besciamella

  • 250 ml di latte
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 cucchiaio di parmigiano
  • 1 pizzco di sale grosso
  • 1 pizzico di noce moscata

Per i cestini:

  • 6 fogli di pasta per lasagna rettangolare
  • 300 gr di cavolfiore bianco
  • 6/7 castagne

Fare i Cestini di lasagne con cavolfiore e castagne è molto semplice.

Prepariamo la besciamella.

In una terrina mettiamo il  parmigiano, la farina setacciata e versiamo a filo il latte amalgamando gli ingredienti con una frusta a mano  cercando di non formare grumi. Passiamo  quindi in tutto in un pentolino aggiungendo un pizzico di sale grosso  e uno di noce moscata. Facciamo cuocere la nostra besciamella senza olio e senza burro a fuoco basso girando continuamente. Pian piano inizierà  ad addensarsi e una volta raggiunto il bollore possiamo anche spegnerla.

Diviadimo il cavolfiore in cimette molto piccole e lessiamolo oppure effettuiamo la cottura a vapore.

Mettiamo le castagne in un pentolino con acqua fredde e facciamole bollite. Una volta cotte e intiepidite sbucciamole e tagliamole grossolanamente.

Infine lessiamo i fogli di lasagna in acqua leggermente salata, scoliamoli e lasciamoli asciugare su un canovaccio.

Prendiamo ora sei pirottini. Ungiamoli leggermente e spennelliamoli con pochissima besciamella in modo che anche l’esterno del cestino resti morbido. Foderiamo ogni stampino con un foglio di lasagna. Io ho diviso ogni foglio a metà ottenendo due quadrati e li ho posti incrociati.

In un picolo recipiente amalgamiamo il cavolfiore spezzettato alle castagne e alla besciamella e con il composto ottenuto andiamo a farcire i nostri cestini.

Il più è fatto. Per renderli più golosi possiamo coprire la superficie con qualcche fiocco di mozzarella.

Non resta che infornare  le nostre piccole lasagna in forno a 180 gradi per 15/20 minuti , quindi sformarle e portarle in tavola.

Per evitare di far bruciare i lembi di pasta che escono io ho coperto per i primi 10 minuti ogni pirottino con un pezzettino di foglio di alluminio.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Le mie ricette sono anche su Manjoo.

Lasagne di grano saraceno alla zucca

Le Lasagne di grano saraceno alla zucca è un deliziosissimo primo piatto dall’impronta tipicamente autunnale. D’altronde ci sono cose che torni a comprare solo in determinate stagioni. Nel periodo estivo di farina ne avevo il minimo indispensabile…oltretutto quella bianca…ma è bastata che la temperatura scendesse di qualche grado per far tornare in me la voglia di comprare farine di ogni tipo…farro, polenta, grano saraceno.

Questo primo piatto ha alla base una pasta fatta di pura farina di grano saraceno…ma non una sfoglia…ho realizzato con il solo utilizzo di acqua delle crepes e le ho usate per formare la mia lasagna. Le ricette che avevo trovato nel web si basavano su un misto di farina,uova e latte. Io però avevo intenzione di fare una pasta leggera e priva di glutine e così ho azzardato.  Già l’anno scorso avevo fatto un tentativo…fallito ancor prima di cominciare. Ma le prove servono appunto a questo…non solo a capire cosa si sbaglia, ma soprattutto a conoscere meglio  il tipo di ingrediente che si sta lavorando. Ho realizzato che la farina di grano saraceno essendo priva di glutine non tiene molto…quindi tutto ciò che si realizza va toccata il meno possibile… Se avessi fatto una sfoglia senza uova e senza farina di grano tenero…mi si sarebbe di certo spezzata e allora ho optato per le crepes.

Ci vuole comunque attenzione e pazienza.

Le Lasagne di grano saraceno alla zucca sono comunque un piatto molto sfizioso, leggero , unico e gluten free, dal sapore davvero delicato grazie alla zucca…la sua dolcezza ben contrasta il retrogusto particolare della farina di grano saraceno.

Detto ciò ecco a voi la ricetta..cercherò di essere il più dettagliata possibile.

Lasagne di grano saraceno alla zucca

Lasagne di grano saraceno alla zucca, dose per 4 persone.

Per le crepes: (circa 12)

  • 250 gr di farina di grano saraceno
  • 2 cucchiai di olio
  • 500 ml di acqua
  • 1 pizzico di sale

Per la besciamella

  • 500 ml di latte
  • 2 cucchiai di farina di riso
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 1 pizzico di noce moscata
  • 1 pizzico di sale grosso

Per la farcitura

  • 1 kg di zucca pulita
  • 250 gr di mozzarella.
  • sale q,b
  • pepe q.b

Fare la Lasagne di grano saraceno alla zucca è semplice ma bisogna stare attente alle crepes. Farle non è complicato ma teniamo presente che la pastella che si ottiene è densa e sembra non scivolare…vi consiglio quindi di munirvi di una spatola stendi crepes o comunque di aiutarvi con un cucchiaio.

Versiamo la farina in un recipiente e girando con una frusta versiamo a filo l’acqua cercando di non far formare grumi. Quindi aggiungiamo 2 cucchiai di olio, un pizzico di sale e lasciamo riposare la nostra pastella una mezz’oretta.

Nel frattempo prepariamo la nostra light besciamella.

In un pentolino mettiamo due cucchiai di parmigiano, 2 di farina di riso, 1 pizzico di noce moscata e un pizzico di sale. Allunghiamo con il latte e mettiamo sulla fiamma girando in continuazione fino a quando la nostra besciamella non si sarà addensata. Spengiamo e teniamo da parte.

Dopo aver lavato e pulito la zucca, tagliamola a tocchetti e trasferiamola in un tegame antiaderente…aggiungiamo sale e pepe q.b., chiudiamo con un coperchio e lasciamola cuocere lentamente…ci vorrà pochissimo…la zucca si cuoce in un attimo. Io non ho aggiunto olio…al massimo un goccino di acqua.

Ora non resta che tornare alle nostre crepes. Prendiamo un padellino antiaderente , ungiamolo una sola volta con un cucchiaio di olio e facciamolo scaldare bene. Versiamo mezzo mestolo di pastella alla volta spargendola per tutta la superficie e cuociamo la nostra crepes da ambo i lati girandola dopo un paio di minuti.

Proseguiamo fino al terione degli ingredienti.

Se avete un buon tegamino tutto sarà semplice e non servirà ungere ulteriormente.

Infine tritiamo la mozzarella

Prendiamo ora una pirofila di medie dimensioni. Distribuiamo un filo di besciamella alla base, adagiamo quindi le crepes coprendo la teglia, distribuiamo la zucca, ancora qualche cucchiaio di besciamella e una manciata di mozzarella. Proseguiamo allo stesso modo formando tre strati tutti allo stesso modo…zucca+besciamella+mozzarella.

Sull’ultimo strato, quello di copertura spalmiamo ancora besciamella e mozzarella,,,e a piacimento altra zucca.

Bene, ora non resta che infornare il nostro delizioso timballo a 180 per 20 minuti circa e lasciarlo intiepidire prima di gustarlo.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale,

Le mie ricette sono anche su Manjoo.

 

 

Cannelloni carciofi e patate.

I cannelloni carciofi e patate sono un primo piatto a dir poco eccezionale, semplice da fare, abbastanza leggero perché non contiene grassi particolari e davvero diverso. A mio avviso, i cannelloni sono un po’ come la frittata…con qualsiasi cosa la fai è ottima. D’altronde chi di noi nel cucinare i carciofi non ha mai aggiunto qualche patata? Insieme sono ottimi…e figuriamoci come ripieno di cannelloni.

Per la ricetta ho preso spunto da una rivista ma poi ho apportato le mie solite modifiche per ottenere come risultato un primo piatto completo ma appunto ben equilibrato. Poco di tutto per una pietanza super gustosa che mette d’accordo davvero tutti, vegetariani compresi. E per i bambini ne vogliamo parlare che fanno sempre capricci per mangiare le verdure? Ecco l’occasione adatta.

Tra l’altro questo primo piatto se ovviamente non dobbiamo preparare la pasta si fa abbastanza velocemente, la cottura poi è in forno e quindi possiamo con tutta tranquillità improntarlo in anticipo e cuocerlo poco prima di metterci a tavola.

Allora veniamo alla ricettina.

1

Cannelloni carciofi e patate, dose per 4 persone

  • 250 gr di pasta per cannelloni
  • 3 carciofi
  • 200 gr di patate
  • Besciamella
  • Parmigiano
  • sale
  • olio

Iniziamo dai carciofi. Eliminiamo le foglie esterne più dure, tagliamoli a metà per togliere l’eventuale barbetta interna e poi tagliamoli a fettine sottilissime gettandole nel frattempo in una bacinella con acqua acidula di limone per fare in modo che perdano un po’ di amaro.

Quindi trasferiamoli in un tegame, aggiungiamo un cucchiaio di olio, un pizzico di sale grosso, copriamo e portiamo a cottura. Avendoli tagliati sottili non ci sarà bisogno di aggiungere acqua, basta mantenere la fiamma medio alta, nel giro di 15/20 minuti dovrebbero essere pronti.

Sbucciamo le patate, tagliamole a tocchetti e lessiamoli in acqua fredda, quindi una volta cotte schiacciamole grossolanamente con la forchetta .

Prepariamo la besciamella. Io ne ho preparata una quantità pari a 500 ml di latte, ma è pure avanzata. Per la ricetta cliccate QUI…questa di besciamella è davvero leggera…senza grassi e se volete potete farla anche con il latte scremato.

Non ci resta che lessare la pasta pochi istanti in abbondante acqua salata, scolarla e lasciarla asciugare.

Perfetto tutto è pronto.

Mischiamo le patate ai carciofi, aggiungiamo appena 2 o 3 di besciamella e amalgamiamo il tutto per insaporire bene gli ingredienti tra loro.

Adesso andiamo a farcire i cannelloni e mettiamoli mano a mano in una teglia coperta con carta da forno. Una volta terminato tutto andiamo a spennellare la superficie dei cannelloni con pochissima besciamella, distribuiamo una manciata di parmigiano e inforniamo a 180 gradi per circa 20 minuti, il tempo di farli gradinare.

Il nostro delizioso primo piatto è pronto, non resta che stupire e gustarlo!!!!. Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Le mie ricette sono anche su Manjoo!!!!

Cannelloni con caponatina

I cannelloni con caponatina è un primo piatto molto goloso e piuttosto leggero. Quando pensiamo ai cannelloni subito facciamo il calcolo delle calorie, ma non in questo caso. La farcitura è semplicemente realizzata con tante buone verdure cotte in forno amalgamate con appena un po’ di ricotta magra. I cannelloni con caponatina mettono d’accordo tutti, vegetariani e non..certo non è un piatto vegano…ma se togliamo la ricotta lo diventa. Questa deliziosa pasta ripiena si può preparare benissimo in anticipo ed è perfetta per quei pranzi un po’ lunghi e ricchi di cibo proprio per la loro semplicità.

Quindi visto che il Natale è ormai alle porte e le grandi abbuffate ci aspettano un pensierino ce lo farei!  Proni allora per questa nuova avventura??? Seguitemi!!!cannelloni con caponatina

 

Cannelloni con caponatina, dose per 12 cannelloni

  • 12 fogli di pasta per cannelloni
  • 1 melanzana piccola
  • 1 zucchina
  • 1 peperone
  • 1 carota
  • 200 gr di ricotta fresca
  • 1 bottiglia di passata
  • sale
  • olio
  • basilico

Realizzare i cannelloni con caponatina non è difficile ma ovvio…un pochino lungo per preparare tutti i condimenti. Iniziamo dal sugo. Versiamo la passata di pomodoro in una pentola, aggiungiamo un cucchiaio di olio, un pizzico di sale grosso, del basilico fresco e lasciamolo cuocere per un’ora abbonante girando di tanto in tanto.

Già il sugo come vedete non ha soffritti.

Lessiamo ora la pasta per i cannelloni a lasciamola asciugare su di un piano.

In una teglia  mettiamo le nostre verdure lavate e tagliate a tocchetti piccoli. Aggiustiamole con sale, appena un filo di olio, origano e passiamole in forno per una mezz’oretta fino alla loro cottura. Facciamo attenzione a scuotere la teglia di tanto in tanto per evitare che brucino.

Bene, tutto sembra pronto. Una volta che le preparazioni base si sono anche freddate possiamo procedere con la farcitura. Amalgamiamo la ricotta alla caponatina e andiamo a farcire i nostri cannelloni. Una volta che li abbiamo realizzati tutti prendiamo una teglia. Copriamo il fondo con un po’ di sugo, disponiamo i cannelloni e copriamo con altro sugo.

I nostri deliziosi cannelloni con caponatina sono pronti. Non resta che passarli in forno una mezz’oretta per terminare la cottura.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale e sul portale Oreegano!

Cannelloni con scarola e primo sale

I cannelloni con scarola e primo sale è un primo piatto insolito ma molto gustoso. La conoscete la scarola ? E’ una tipologia d’insalata buona sia cruda che cotta, anzi fatta in padella con l’aggiunta di capperi e magari qualche acciuga sotto olio è davvero un contorno sfizioso. Ricca di vitamina A, la scarola fa parte della “Cicoria” quindi è anche un buon disintossicante naturale, anche se molto più dolce. Ecco, io ho pensato di metterla come ripieno nei cannelloni ottenendo un primo piatto gustoso, leggero, digeribile e diverso.

I cannelloni con scarola e primo sale sono semplici da fare e come per tutte le paste ripiene possiamo prepararli benissimo prima e cuocerli al momento del bisogno.

Allora visto che la pasta ripiena fa sempre il suo effetto ecco a voi la semplice ricettina.

cannelloni con scarola e primo sale

Cannelloni con scarola e primo sale, dose per 12 cannelloni

 

  • 250 gr di pasta per cannelloni
  • 500 gr di scarola (io non ho usato quella riccia)
  • 200 gr di primo sale
  • 1 vasetto piccolo di capperi già dissalati
  • 2 cucchiai di olio
  • 1/2 tazzina di acqua
  • sale grosso

 

Per la besciamella

  • 250 gr di latte
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 cucchiaio di parmigiano
  • 1 pizzico di sale
  • 1 pizzico di noce moscata

Fare i cannelloni con scarola e primo sale è molto semplice. Innanzitutto laviamo la scarola e tagliamola a listarelle sottili. In un capiente tegame ora mettiamo i capperi, due cucchiai di olio, 1/2 tazzina di acqua e lasciamoli cuocere qualche minuto, dopodiché aggiungiamo la scarola, aggiustiamo di sale e di pepe, copriamo e lasciamola cuocere fino a quando non risulterà ben cotta.

Nel frattempo prepariamo la besciamella. La mia besciamella è molto leggera, non contiene grassi, solo latte e a volte uso anche quello light.

In una ciotolina mischiamo insieme la farina con il parmigiano, versiamo lentamente il latte e giriamo per sciogliere bene senza far formare grumi i due ingredienti farinosi. Aggiungiamo un pizzico di sale e di noce moscata, trasferiamo il tutto in un pentolino e girando in continuazione cuociamo fino a quando la nostra salsa non inizia ad addensarsi. Quindi spengiamola e lasciamola raffreddare.

Passiamo ora alla pasta. Lessiamo in abbondante acqua salata le sfoglie per i cannelloni e lasciamole asciugare senza sovrapporle.

Tutto è pronto, non resta che passare all’assemblaggio.

Tagliamo a pezzetti piccoli il primo sale e mischiamolo alla scarola. Su ciascuna sfoglia di pasta mettiamo la farcitura di scarola capperi e primo sale e chiudiamo formando appunto il cannellone. Proseguiamo fino al termine degli ingredienti.

Prendiamo ora una pirofila, mettiamo alla base un po’ di besciamella, disponiamo i cannelloni e terminiamo con la restante besciamella a copertura.

Non resta che infornare i nostri cannelloni con scarola e primo sale a 180 gradi per circa 20 minuti e poi gustarli.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

a

Ravioli al radicchio con radicchio e noci

I ravioli al radicchio con radicchio e noci è un primo piatto insolito non tanto per il ripieno ma per l’involucro. Sembra quasi un gioco di parole vero???.  No non mi sono sbagliata…nella pasta c’è il radicchio e nel ripieno anche…. Che dire???.  Deliziosi e gustosi anche perché  il radicchio viene addolcito dalle noci e dalla ricotta. La pasta ripiena ha sempre un suo fascino ma devo dire che realizzata a mano è ancora meglio. La soddisfazione sta nel trovare il giusto equilibrio tra gli ingredienti. Anche in questo caso ho preso spunto da una ricetta sul web, ma poi l’ho personalizzata. Il piatto che ho “creato” è completo ma allo stesso tempo leggero…volendo piatto unico se decidete di mangiare solo quelli. Diciamo che la ricetta rispetto a quelle che metto la maggior parte delle volte è un po’ più ingegnosa…voglio dire non proprio facilissima…ma se ci sono riuscita io ci riescono tutti.

Allora pronti a seguirmi anche in questa avventura??? Andiamo!!!!

Ravioli al radicchio con radicchio e noci

Ravioli al radicchio con radicchio e noci, dose per 4 persone

Per la pasta

  • 100 gr di farina di grano duro
  • 150 gr di farina 00
  • 2 uova
  • 10 foglie di radicchio

Per il ripieno

  • 300 gr di radicchio
  • 200 gr di ricotta
  • 50 gr di noci
  • 30 gr di parmigiano
  • sale
  • pepe

Realizzare i ravioli al radicchio con radicchio e noci come già detto non è difficile, ma è un piatto che richiede pazienza e tempo.

Iniziamo dalla pasta. Prendiamo 10 foglie di radicchio, togliamo la parte bianca e tritiamo finemente la parte rossa.

Ora mischiamo il radicchio alla farina e disponiamola su di un piano formando la classica fontana. Rompiamoci dentro le uova, aggiungiamo un pizzico di sale e iniziamo ad impastare ottenendo un panetto liscio, omogeneo e colorato. Facciamo riposare il panetto un’oretta.

Passiamo al ripieno. Prendiamo altro radicchio, sfogliamolo, laviamolo e mettiamolo in una teglia foderata con carta da forno. Insaporiamolo con un pizzico di sale, poco olio, copriamo con un foglio di carta di alluminio e facciamolo cuocere in forno a 180 gradi per 15/20 minuti, fino a quando non sarà tutto tenero scoprendo la teglia a metà tempo. Una volta freddo tritiamolo con l’aiuto di un mixer insieme alle noci e mettiamolo in una ciotola. Aggiungiamo la ricotta, il parmigiano, aggiustiamo di sale e pepe e amalgamiamo bene gli ingredienti tra loro.

Riprendiamo ora la pasta, rilavoriamola qualche minuto e poi stendiamola in una sfoglia sottile. Io ho provato ad usare la macchinetta ma stavolta non ci sono riuscita perché la presenza del radicchio crudo tende a spezzare la sfoglia. Quindi mi sono munita di pazienza e l’ho stesa un po’ per volta a mano.

Ricaviamo dalla pasta con l’aiuto di un bicchieri dei cerchi, mettiamo su ciascuno un cucchiaino di preparato e chiudiamo a mezzaluna sigillando bene i bordi.

Proseguiamo fino al termine degli ingredienti.

Ora non resta che lessare i nostri ravioli al radicchio con radicchio e noci in abbondante acqua salata per 5 minuti e condirli come meglio crediamo.

Io ho preferito saltarli in padella con dei pomodorini pachino, ma potete utilizzare un condimento a base di burro e salvia oppure  besciamella e taleggio…a voi la scelta.

In ogni caso…buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.