Crea sito

Fagioli del papa con arance e noci

Fagioli del papa con arance e noci è molto più di un semplice contorno, direi che è un piatto completo al 100% soprattutto a livello nutrizionale.

I Fagioli del papa o Lima sono particolari sia per il loro colore striato che per la loro grandezza e rispetto agli altri fratelli legumi sono molto più ricchi di fibre e vitamine.

La loro consistenza è pastosa e molto gustosa e questo li rende perfetti per ogni preparazione…dalle classiche zuppe a secondi sfiziosi.

Come ne sono venuta in possesso? Ovvio…grazie alla mia amica Alessandra e al suo delizioso negozietto.. La dispesa del Lago una piccola boutique del gusto che purtroppo per me si trova a Castiglion del Lago.

Ma la nostra amicizia va ben oltre e sono più che felice di provare di tanto in tanto le sue novità.

Fagioli del papa con arance e noci sono perfetti anche se seguiamo un regime alimentare controllato..un piatto che ha tutto…fibre, vitamine, acidi grassi buoni…ed è decisamente saziante.

Che ne dite allora di vedere insieme  a me i pochi e semplici passaggi?

Fagioli del papa con arance e noci

Fagioli del papa con arance e noci, dose per due persone

  • 150 gr di fagioli del papa crudi
  • 1 arancia
  • 30 gr di noci
  • sale
  • pepe
  • 2 cucchiai di olio
  • aceto balsamico

Fare i Fagioli del papa con arance e noci è molto semplice…richiede solo tempo la cottura dei fagioli.

Come per tutti i legumi secchi anche i Fagioli del papa hanno necessità di un preammollo di 12 ore .

Dopodichè possiamo lavarli, trasferirli in una pentola coperta di acqua fredda e cuocerli all’incirca per 40 minuti.

Una volta pronti aggiungiamo un pizzico di sale grosso, lasciamo bollire altri due minuti e spengiamo.

Prendiamo una buona arancia bio, peliamola e facciamola a tocchetti.

Infine spezzettiamo le noci.

Trasferiamo i fagioli ben colati in un piatto da portata, aggiungiamo l’arancia e i gherigli di noce.

Insaporiamo con un pizzico di sale, un di pepe, due cucchiaidi olio e una spruzzata di aceto balsamico.

La nostra favolosa insalata di Fagioli del papa con arance e noci è pronta per essere gustata.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Cavolini con feta greca e melograno

Cavolini con feta greca e melograno sono uno sfizioso piatto a base i due ingredienti tipicamente invernali ed antrambi molto ricchi a livello nutrizionale, vale a dire i cavolini di bruxelles e il melograno.

I cavolini sono dei veri e propri cavoli in miniatura e forse è proprio la loro dimensione che li rende buoni!!!

Ma a parte questo sono ricchissimi di vitamine e sali minerali e cosa da non sottovalutare in cucina sono molto versatili sia come semplice contorno sia per arricchire primi piatti o stufati di carni.

Il loro sapore è delicato ecco perchè ho voluto abbinarli alla feta ..l’aggiunta del melograno è stato un azzardo ma molto ben riuscito in quanto dona al piatto una nota tendente al dolce che non può non conquistarvi!!!

I Cavolini con feta greca e melograno sono perfetti anche come piatto unico oppure sono deliziosi da presentare come antipasto o all’interno di un bel buffet.

Non so dirvi se incontreranno i gusti di tutti ma vi posso assicurare che in molti saranno incuriositi di assaggiarli…e allora che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

Cavolini con feta greca e melograno

Cavolini con feta greca e melograno, dose per 2 persone

  • 500 gr di cavolini
  • 150 gr di feta geca
  • 1/4 di melograno
  • sale
  • olio
  • limone

Fare i Cavolini con feta greca e melograno è molto semplice.

Puliamo i cavolini eliminando qualche fogliolina esterna più dura, quindi lessiamoli per 5 minuti in abbondante acqua salata.

Scoliamoli, tuffiamoli in una bacinella con acqua fredda e lasciamoli raffreddare su di un panno da cucina

Dividiamoli ora a metà o se troppro grandi in tre parti.

Mettiamoli  in una tegame antiaderente e saltiamoli pochi minuti a fiamma vivace insieme ad un cucchiaio di olio facendo ben attenzione a non romperli.

Calcolate che io li ho adagiati in un unico piano e li ho girati uno per volta.

Una volta assunta una colorazione dorata trasferiamoli in un piatto da portata e aggiungiamo la feta a tocchetti e il melograno sgranato.

Facciamo una leggera emulsione con il succo di un limone un cucchiaio di olio e un pizzico di sale e distribuiamola sopra i nostri cavolini.

Bene…non resta che gustare questo piatto tipicamente invernale che permettetemi di dire…ha l’oro in bocca!!!

Buon appetito..

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram.

 

 

Insalata di spinacini, zucca e feta

L’Insalata di spinacini, zucca e feta non è solo un contorno ma un piatto completo a tutti gli effetti.

D’altronde ogni periodo ha il suo tormentone e devo dire che l’autunno di tormentoni ne ha davvero  tantissimi..tra zucca, nocciole e castagne  non sappiamo a chi dare i resti!!!

E piano piano faremo tutto.

Questo piatto in realtà nasce dalla fretta …poco tempo a disposizione e necessità di mangiare. E come tutte le cose improvvisate alla fine il risultato è sempre ottimo!!!

La scelta della feta non è stata casuale però .

Lo spinacino è delicato…la zucca comunque dolce…per forza dovevo contrastare con qualcosa che desse un tono al tutto…e meglio della feta greca cosa c’e’??

Se poi scegliamo quella light non dobbiamo neanche preoccuparci più di tanto delle calorie!!

Allora per un pranzo light o per un contorno peccaminoso vediamo insieme la semplice ricettina.

Insalata di spinacini, zucca e feta

Insalata di spinacini, zucca e feta, dose per due persone

  • 80 gr di spinacini
  • 300 gr di zucca
  • 100 gr di feta
  • 2 cuccchiai di olio
  • aceto balsamico q.b.

Fare  l’Insalata di spinacini, zucca e feta è molto semplice.

Laviamo  gli spinacini e tamponiamoli bene per eliminare l’acqua in eccesso, quindi trasferiamoli in un capiente piatto da portata.

Eliminiamo la buccia dalla zucca, facciamola a tocchi di medie dimensioni e mettiamola su una placca ricoperta da carta da forno.

Insaporiamola con un pizzico di sale e un filo di olio.

Lasciamola cuocere per circa 20 minuti a 180 gradi in modalità ventilata.

Quando sentiamo i tocchi morbidi ma non troppo e li vediamo dorati possiamo sfornarli e lasciarli intiepidire.

Uniamoli ora agli spinacini, aggiungiamo la feta a tocchetti e terminiamo con due cucchiai di olio e una spruzzata di aceto balsamico.

Bene…la nostra Insalata di spinacini, zucca e feta è prontissima per essere gustata…Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale e anche su Twitter!!!

Songino con cocomero grigliato e pinoli

Il Songino con cocomero grigliato e pinoli è un contorno molto particolare proprio per la presenza del cocomero grigliato.

Eh si…devo dire che questa alternativa mi mancava. Di certo non è la proma volta che mangio questo delizioso frutta sotto forma salata ma grigliato mai.

Eppure devo dire che mi ha sorpresa in senso positivo…ha quel sapore in più che rende gustosa e sfiziosa una semplice insalata.

Avete paura che sia troppo dolce? Mi dispiace ma devo contraddirvi anche se non nego che ho pensato la stessa cosa!!!

Il trucco sta nello scaldare bene la piastra e in una leggera marinatura fatta prima.

In ogni caso il Songino con cocomero grigliato e pinoli è perfetto anche in monoporzioni per arricchire un antipasto o un apericena.

Che ne dite allora di vedere insieme la veloce ricettina?

Songino con cocomero grigliato e pinoli

Songino con cocomero grigliato e pinoli, dose per due persone

  • 100 gr di songino
  • 500 gr di cocomero
  • 150 gr di mozzarelline
  • 20 gr di pinoli
  • 1 lime
  • 3 cucchiai di olio
  • sale

Fare il Songino con cocomero grigliato e pinoli è molto semplice.

Innanzitutto prepariamo una veloce vanigrette mettendo in un barattolino il succo di un lime insieme ad un cucchiaio di olio e un pizzico di sale.

Agitiamo bene il tutto formando una salsina.

Prendiamo ora il cocomero, dividiamolo in fettine spesse di un cm, togliamo la buccia, i semini e spennelliamolo con la salsina pronta.

Su una piastra ben infuocata andiamo a grigliare le fettine di cocomero un paio di minuti per parte.

Quindi trasferiamolo su di un piatto e lasciamolo raffreddare.

Laviamo e sgoccioliamo il songino e tostiamo in un padellino i pinoli.

Prendiamo ora un piatto da portata. Mettiamo il songino, il cocomero diviso a tocchetti, le mozzarelline ed infine la parte croccante data dai pinoli.

Aggiungiamo un pizzico di sale e altri 2 cucchiai di olio.

Lasciamo insaporire per un altro minuto e portiamo a tavola.

Bene, il nostro Songino con cocomero grigliato e pinoli è pronto per essere gustato.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

prendiamo

Insalata di merluzzo al mango e pomodorini

L’Insalata di merluzzo al mango e pomodorini è un piatto molto leggero e perfetto da gustare ora nella stagione estiva.

Anche se fatto con pochi e semplici ingredienti questa pietanza resta sfiziosa e particolarmente adatta ad essere consumata anche come piatto unico magari in ufficio.

Di sicuro è una delle prime volte che mi trovo a dilettarmi con il mango….e come è mia consuetudine amo trattare la frutta più nelle ricette salate che in quelle dolci.

Di certo non è un frutto poco calorico ma se dosato bene non può che beneficiarci visto che è altamente vitaminico e ricchissimo di fibre.

E poi abbiamo il merluzzo…rinomato per le sue carni tenere, proteiche ma povere di grassi.

Quindi care lettrici…non dico che l’Insalata di merluzzo al mango e pomodorini è perfetta per una cena da gourmet ma di sicuro è una buona alternativa a tanti piatti scontati.

Che ne dite di vedere insieme i pochi e semplici passaggi?

Insalata di merluzzo al mango e pomodorini

Insalata di merluzzo al mango e pomodorini, dose per due persone.

  • 1 cespo di lattuga
  • 200 gr di pomodorini
  • 300 gr di filetti di merluzzo
  • 2 carote
  • 1 cetriolo
  • 1/2 mango non troppo maturo
  • sale q.b
  • 2 cucchiai di olio
  • aceto balsamico q.b

Fare l’Insalata di merluzzo al mango e pomodorini è molto veloce.

Lessiamo il merluzzo in abbondante acqua senza l’aggiunta di sale, quindi coliamolo e lasciamolo ben freddare.

Nel frattempo laviamo la lattuga, i pomodorini, peliamo le carote e il cetriolo.

Sbucciamo il mango e facciamolo a tocchetti.

Tagliamo tutte le verdure a nostra disposizione e mettiamole in un piatto da portata, aggiungiamo quindi il mango e i filetti di merluzzo grossolanamente divisi.

Insaporiamo con un pizzico di sale, condiamo con due cucchiai di olio e una spruzzata di aceto balsamico.

Bene, la nostra invitante Insalata di merluzzo al mango e pomodorini è pronta per essere portata a tavola e servita.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Songino con melone, lenticchie e anacardi

Il Songino con melone, lenticchie e anacardi è una freschissima insalata unica nel sapore e nell’associazione di ingredienti.

Non c’è niente da fare…la stagione estiva è bella per molti aspetti e primi fra tutti proprio per la possibilità che ci dà di non cucinare ma di mangiare comunque cose fresche , leggere e nutrienti.

E cosa c’è di meglio che sostituire il panino con una bella insalata?

Questa che sto per presentarvi ha praticamente tutto…le lenticchie ci forniscono una buona porzione proteica, gli anacardi ricchi di acidi grassi buoni, e poi ancora le olive nere…il melone …insomma un bel mix che nulla ha da invidiare ad altri piatti.

Inutile dire che realizzarla è facilissimo…ma vediamo insieme i pochi e semplici passaggi.

Songino con melone, lenticchie e anacardi

Songino con melone, lenticchie e anacardi, dose per due persone

  • 80 gr di songino
  • 2 fettine di melone giallo
  • 30 gr di anacardi
  • 50 gr di olive nere
  • 150 gr di lenticchie.
  • 2 cucchiai di olio
  • sale q.b
  • aceto balsamico

Fare il  Songino con melone, lenticchie e anacardi è molto semplice.

La scelta del songino (conosciuto anche come valeriana) non è casuale…è una tipologia di insalata molto più dolce e tenera e gli anacardi è tra la frutta secca quella ad avere un indice calorico più basso pur mantenendo le stesse caratteristiche.

Laviamo e sgoccioliamo bene il songino, quindi trasferiamolo in un piatto da portata e via via andiamo ad unire il resto degli ingredienti…quindi le lenticchie sgocciolate, le olive nere tagliate a rondelle e gli anacardi spezzettati.

Insaporiamo con un pizzico di sale, due cucchiai di olio e una spruzzata di aceto balsamico,

La nostra ottima insalata a base di Songino con melone, lenticchie e anacardi è pronta per essere gustata.

Buon appetito!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

 

Quinoa con asparagi, spinacini e fragole

La Quinoa con asparagi, spinacini e fragole è una freschissima e primaverile insalata perfetto come primo piatto o pietanza unica soprattutto se mangiamo fuori casa, ad esempio al lavoro.

Ormai la quinoa è entrata a tutti gli effetti nella mia dieta alimentare…il fatto di assomigliare ad un cereale ma non esserlo e il fatto di essere priva di glutine e con un indice glicemico basso, la fa rientrare di sicuro nelle mie grazie.

La Quiona trova svariati usi in cucina…comprese le pietanze dolci…ma io amo molto farla come fosse un primo piatto e quindi arricchirla con verdure e magari altre proteine.

In questa ricetta mi sono divertita a scegliere tutti ingredienti super stagionali…gli spinacini…piccoli e dolci…gli asparagi e le fragole…che ormai usiamo più per piatti salati che dolci!!!

Il risultato? Pietanza gustosa,equilibrata nel sapore, ricca ma leggera dal punto di vista nutrizionale.

E poi la comodotà di prepararla prima non ha di certo confronti!!!!

Che ne dite allora di vedere insieme i pochi e semplici passaggi?

Quinoa con asparagi, spinacini e fragole

Quinoa con asparagi, spinacini e fragole, dose per due persone

  • 160 gr di quinoa
  • 320 gr di acqua
  • 150 gr di asparagi
  • 80 gr di spinacini
  • 150 gr di fragole
  • sale
  • 2 cucchiai di olio
  • aceto balsamico

Fare la Quinoa con asparagi, spinacini e fragole è molto semplice.

Innanzitutto laviamo la quinoa aiuitandoci con un colino a maglie fitte per evitare che i semini si dispergano tutti.

Quindi poniamola in un tegame, aggiungiamo l’acqua nel rapporto 1 a 2…una dose di quinoa e due di acqua, un pizzico di sale grosso e portiamo a bollore.

Copriamo, abbassiamo la fiamma e lasciamola cuocere per circa 20 minuti o fino a quando non avrà assorbito tutta l’acqua.

Spengiamo e teniamola da parte.

Laviamo gli asparagi, togliamo la parte finale del gambo e con un pelapatate puliamo lo stesso per eliminare la parte più legnosa.

Tagliamoli a rondelle lasciando le punte intere e lessiamoli in acqua bollente per 6/7 minuti mantenendoli ardenti.

Laviamo e tagliuzziamo gli spinaci, facciamo lo stesso con le fragole dividendole a tocchetti.

Trasferiamo la quinoa in un capiente piatto da portata, aggiungiamo gli spinacini, gli asparagi e le fragole, aggiungiamo l’olio e una spruzzata di aceto balsamico.

La nostra ottima Quinoa con asparagi, spinacini e fragole è pronta per essere gustata, mescoliamo gli ingredienti tra loro e portiamo in tavola.

Per un tocco in pù possiamo aggiungere una manciata di noci tritate.

Buon appetito!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Insalata di asparagi alla greca

L’Insalata di asparagi alla greca è un piatto sfizioso e allo stesso tempo unico, perfetto da consumare anche come lunch box.

Il nome deriva appunto dalla somiglianza che ha con la classica Insalata greca…quella per intenderci fatta con pomodori, cetrioli, cipolle e il famoso formaggio greco…la Feta greca.

Di certo quella che si ha la possibilità di mangiare in Grecia ha tutto un altro sapore…ma in alternativa anche la Feta del supermercato non è male.

Tra l’altro io prediligo la versione light…molto più leggera ma ugualmente gustosa.

Ovviamente non è un formaggio light…ma se ben dosata la Feta arricchisse molti piatti rendendoli gustosi.

Tornando alla mia insalata, l’accostamento di vari ingredienti tra cui gli asparagi hanno dato vita ad un mix fantasia che appaga sia la vista che l’appetito.

Non pensavo che gli asparagi in insalata fossero così buoni…invece anche se solo lessati restano davvero singolari

E poi non dimentichiamoci delle loro elevate qualità…prime fra  tutte quella di essere diuretici.

Detto ciò vediamo insieme come realizzare l’Insalata di asparagi alla greca, ottima nelle serate estive o anche come secondo piatto.

Insalata di asparagi alla greca

Insalata di asparagi alla greca, dose per due persone.

  • 200 gr di asparagi
  • 10 pomodorini ciliegina
  • 4 ravanelli
  • 1/2 cetriolo
  • 10 olive nere
  • 100 gr di feta greca
  • 25 gr di capperi
  • sale q.b
  • 2 cucchiai di olio
  • aceto di mele q.b

Fare l’Insalata di asparagi alla greca è molto semplice e il passaggio più lungo sta nella cottura degli asparagi.

Prendiamo gli asparagi, spuntiamo il gambo e con un pelapatate puliamo lo stesso per eliminare la parte più legnosa.

Laviamoli accuratamente e tagliamoli a rondelle spesse mantenedo le punte intatte.

Lessiamo gli asparagi in abbondante acqua bollente per pochi minuti cercando di mantenerli ardenti.

Coliamoli e lasciamoli raffreddare.

Nel frattempo prepariamo il resto degli ingredienti…quindi laviamo e dividiamo in quattro i pomodorini, facciamo le olive a rondelle, affettiamo i ravanelli e facciamo a cubetti il cetriolo.

Trasferiamo gli asparagi in un piatto da portata , uniamo i pomodori, i ravanelli, i cetrioli, i capperi ben sgocciolati ed infine la feta greca spezzettata.

Aggiustiamo con un pizzico di sale, irroriamo con l’olio e terminiamo con una spruzzata di aceto do mele.

Bene la nostra favolosa Insalata di asparagi alla greca è pronta per essere gustata.

Anche se ci sono ingredienti forti come le olive e la feta…il tutto insieme ha un buon equlibrio…

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla Pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle

La Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle è un modo diverso e coreografico di presentare un contorno semplice ma di  grande effetto.

In realà è un piatto che richiede qualche accortezza ma vi posso assicuro che alla fine ne vale la pena.

Anche se semplice pubblico la ricetta solo dopo innumerevoli tenativi sia nel trovare un giusto equilibrio di gusti,sia per trovare il modo più efficace per tenerla insieme.

Conoscete i semi di chia??? I semi di chia sono dei semini piccolissimi ricavati da una pianta chiamata Salvia Hispanica e hanno molteplici proprietà nutritive.

Già la parola stessa significa Forza ed infatti sono principalmente noti per l’elevato contenuto di minerali, oltre che di vitamica C ed omega.

Non sarebbe sbagliato introdurli nella quotidiana dieta giornaliera magari aggiungendoli nelle insalate oppure nello yogurt.

I semi di chia hanno però un altra caratteristica da non sottovalutare. Se immersi in un liquido rendono la sostanza gelatinosa e non a caso vengono utilizzati anche per fare dolci al cucchiaio.

Da qui l’idea di utilizzarli come collante per la mia Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle.

Vediamo insieme come realizzare questa deliziosa ricettina

Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle

Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle,dose per due persone

100 gr di ceci cotti

  • 1 zucchina piccola
  • 1 carota piccola
  • 50 gr di primosale
  • 1 cucchiaio di mandorle a lamelle
  • 1/2 lime
  • 1/2 limone
  • 1/2 arancia
  • 1 cucchiaio di semi di chia
  • sale
  • 1 cucchiaio di olio

Fare la Tartara vegetariana agli agrumi e mandorle è molto semplice ma richiede moto riposo e delle accortezze.

Innanzitutto dai tre agrumi ricaviamo il succo che andremo a mettere in una ciotolina insieme ad un pizzico di sale e ad un cucchiao di olio.

Aggiungiamo quindi i semi di chia e lasciamo riposare  il composta per una mezz’oretta in modo tale da ottenere la nostra gelatina naturale.

Nel frattempo laviamo e spuntiamo sia la zucchina che la carota e tagliamo entarmbi a dadini piccoli, aggiungiamo i ceci cotti e il primosale a cubetti della stessa dimensione delle altre verdure e insaporiamo con poco sale.

Passata la mezz’ora incorporiamo il composto di succo e semi di chia alle verdure e mescoliamo bene per distribuire uniformemente il condimento.

Prendiamo due coppapasta da 8 cm e disponiamoli su due singoli piattini.

Riempiamo entarmbi con la tartara e lasciamoli riposare almeno un paio di ore per permettere ai singoli ingredienti di unirsi bene.

Nel momento di servirle non resta che sfilare delicatamente il coppapasta e distribuire in  superficie le mandorle a lamelle.

Davvero deliziosa!

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook sulla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Insaporiamo con poco sale

Insalata di spinacini con bacche di goji

L‘Insalata di spinacini con bacche di goji è un contorno molto sfizioso e particolare nella scelta degli alimenti.

Come la maggior parte delle cose che si fanno così all’improvviso, anche questa insalata un pò insolita è molto gustosa e comunque sebbene abbia scelto ingredienti che avevo in frigo, il loro abbinamento non è stato di certo casuale.

Visto e considerato che l’ho gustata a cena per evitare ulteriori stravizi dopo un pranzo domenicale non indifferente, mi sono concentrata su un piatto comunque completo e che mi saziasse bene fino al mattino dopo.

Gli spinacini con il loro contributo vitaminico fanno da sfondo, ma poi anche la mela verde particolarmente indicata per un regime detox, la rapa rossa ricchissima di ferro, le bacche di goji apprezzate non solo per le loro proprietà antiossidanti etc…ma soprattutto perché ricchissime di vitamine al punto da essere un energizzante naturale rinforzando molto il sistema immunitario..

Ed infine la mandorle con i loro acidi grassi buoni.

Quindi un’insalata molto particolare

Vediamo insieme i pochi e semplici passaggi

Insalata di spinacini con bacche di goji

Insalata di spinacini con bacche di goji, dose per 2 persone

  • 150 gr di spinacini
  • 1 mela verde
  • 20 gr di bacche di goji
  • 1 rapa rossa cotta
  • 20 gr di mandorle a lamelle
  • sale
  • olio
  • aceto balsamico

Fare l‘Insalata di spinacini con bacche di goji è molto semplice.

Mettiamo le bacche di goji in ammollo in acqua calda per circa 15 minuti per farle rinvenire, quindi coliamo e tamponiamole con un foglio di carta assorbente.

Laviamo e scoliamo bene gli spinacini e mettiamolo in un piatto capiente da portata.

Laviamo bene la mela e tagliamola a tocchetti.

Aggiungiamola agli spinaci ed insieme la rapa fatta a dadini, le bacche ed infine le mandorle.

Insaporiamo il tutto con un pizzico di sale, un filo di olio e una spruzzata di aceto balsamico.

Bene, la nostra Insalata di spinacini con bacche di goji è pronta per essere gustata. Buon appetito.

Ti è paciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.