Crea sito

Roveja decorticata con verdure al forno

La Roveja decorticata con verdure al forno è un piatto completo al 100%.

Se i legumi in generale sono apprezzati per il grande apporto proteico di origine animale che possono darci, la Roveja decorticata di queste proteine ne è particolarmente ricca.

Già ho avuto modo di avvicinarmi a questo legume grazie alla mia amica Alessandra nel cui negozio La Dispensa del Lago troviamo di tutto.

La prima però che ho provato non era decorticata e quindi per forza necessitava del classico preammollo ma il suo sapore mi aveva talmente entusiasmata che successivamente l’ho ripresa.

Quella decorticata invece basta lavarla, metterla in una pentola e portare a bollore per circa 20 minuti.

Direi super pratica e il sapore è lo stesso!!!!

Ero un pò indecisa di come valorizzarla e non volendo fare la classica zuppa ho deciso di realizzare un primo piatto alternativo mischiando questo spettacolare legume ad un misto di verdure cotte rigorosamente al forno.

Decisamente un piatto super buono, lggero, saziante!!!

Detto ciò che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

Roveja decorticata con verdure al forno

Roveja decorticata con verdure al forno, dose per due persone.

  • 150 gr di roveja decorticata cruda
  •  1 zucchina
  • 1/4 peperone rosso
  • 1/4 di peperone giallo
  • 1/2 melanzana
  • 1 carota
  • 100 gr di cavolfiore bianco
  • 100 gr di broccoletti siciliani
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • origano

Fare la Roveja decorticata con verdure al forno è molto semplice.

Laviamo la Roveja, mettiamola in una pentola con dell’acqua fredda e poniamola sul fuoco.

Dall’inizio del bollore lasciamola cuocere all’incirca 20 minuti,quindi insaporiamola con un pizzico di sale grosso e spengiamola,

Laviamo tutte le verdure , puliamo bene e tagliamole a tocchetti piccoli.

Trasferiamole su una placca ricoperta da carta da forno lasciandole “comode”.

Insaporiamole con abbondante origano, un pizzico di sale e due cucchiai di olio.

Passiamo in forno ventilato a 180 gradi per circa 20 minuti e tiriamole fuori una volta che le sentiamo ben morbide.

Coliamo la Roveja e trasferiamola in un piatto da portata, uniamo le nostre verdure cotte in forno e se necessario aggiustiamo con un filo di olio.

Per una presentazione piu elegante possiamo prima condire la Roveja e poi riempire dei pirottini di alluminio con questo legume e lasciarli riposare per un’oretta .

Sformiamoli poi nei singoli piatti e arricchiamo questi pseudo tortini con le nostre verdure.

Non è un’idea deliziosa???

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

 

Farro con zucchine e salmone

Il Farro con zucchine e salmone rientra tra i primi piatti a base di farro che non posso far mancare sulla mia tavola considerando innanzitutto quanto sia buono, leggero, nutriente e ricco comunque di vitamine.

Mi piace farlo sia d’estate che d’inverno…insalate, zuppe, piatti caldi, insomma con il farro davvero possiamo sbizzarrirci come vogliamo,

Ho iniziato a cucinarlo più frequentemente da quando lo trovo in bella vista nel supermerato dove di solito faccio spesa, ed è diventato ormai parte integrante della mia dispensa.

E poi ripeto…non ha bisogno né di particolare pre trattamento prima di essere cucinato, né tantomeno di ingredienti introvabili…qualsiasi cosa va bene per renderlo gustoso…anche solo un filo di olio.

Ad esempio se cliccate QUI  potete leggere come si fa in pochissimo tempo una bella insalata calda di farro con verdurine.

Anche il Farro con zucchine e salmone è un’altra ricetta semplice, ma chi mi conosce di sicuro non deve avere dubbi al riguardo…cucino improvvisando e questo delizioso primo piatto l’ho fatto una sera che davvero…era tardi…ero stanca e non avevo voglia di stare troppo intorno ai fornelli.

Ho aperto il frigo…zucchine…salmone…perfetto…proviamo Farro con zucchine e salmone.

Buonissimo!!! Leggero perché senza aggiunta di grassi…e ho avuto anche il tempo di riposare. Ma veniamo alla ricettina.

Farro con zucchine e salmone

Farro zucchine e salmone, dose per due persone

  • 200 gr di Farro
  • 100 gr di salmone
  • 2 zucchine medie
  • 1 scalogno
  • sale
  • noce moscata
  • olio

Fare il Farro con zucchine e salmone è semplice e veloce.

Dopo averlo solo lavato, facciamo lessare il farro in abbondante acqua salata o insaporita con del dado vegetale…(io ho usato quello fatto home made…la cui ricetta trovate QUI  )per circa 20 minuti.

Nel frattempo prepariamo il condimento.

Laviamo le zucchine, se sono troppo grosse tagliamole in 4 per togliere un po’ di anima e dopodiché facciamole  a tocchetti piccoli e  trasferiamole in un tegame antiaderente, aggiustiamole di sale, di pepe e saltiamole velocemente a fiamma vivace facendo in modo che restino croccanti.

Nel frattempo tagliamo il salmone a listarelle.

Trasferiamo il farro cotto nel tegame con le zucchine, aggiungiamo il salmone e mantechiamo per qualche minuto aggiungendo ora anche un filo di olio .

Perfetto, il nostro Farro con zucchine e salmone è pronto, caldo…gustoso…delicato…che ne dite?

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Se vi è piaciuta questa semplice ricetta vi aspetto anche sulla mia paginaTi è  Facebook! 

 

 

 

Cous cous di mais con lenticchie e zucca

Il Cous cous di mais con lenticchie e zucca è un delizioso primo piatto in grado di appagare la nostra fame in maniera leggera e salutare.

Adoro il cous cous di qualsiasi tipo…da quello base e quello di farro…cereali..e ancor di più questo…di mais visto che è senza glutine!!!

IL cous cous è un alimento povero e la sua particolare lavorazione fatta a monte della commercializzazione ci permette di cucinarlo in 3 minuti solamente.

Ci vuole più a fare un panino che a prepararci un piatto di cous cous caldo.

E poi 50/60 gr sono più che sufficienti per ottenerne una bella porzione da condire come più ci piace.

Visto che le feste sono state superate da poco ho scelto di abbinare il Cous cous di mais a due ingredienti salutari…la nostra regine dell’autunno…ovvero la zucca e le lenticchie…fondamentali per il loro apporto proteico.

E allora che ne dite di vedere insieme la semplice e veloce ricetta?

Cous cous di mais con lenticchie e zucca

Cous cous di mais con lenticchie e zucca, dose per due persone

  • 150 gr di cous cous di mais
  • 300 gr di acqua
  • 150 gr di lenticchie cotte
  • 250 gr di zucca
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • pepe
  • aghi di rosmarino

Fare il Cous cous di mais con lenticchie e zucca è semplice e veloce ma se non amiamo le lenticchie già pronte come nel mio caso basta versare 100 gr di lenticchie crude in una pentola con acqua fredda e farle bollire per circa 20 minuti.

La particolarità di questo legume infatti è il non dover restare in ammollo come altri legumi.

Sbucciamo la zucca, facciamola a dadini piccoli, aggiustiamola con un pizzico di sale, uno di pepe, degli aghi di rosmarino e trasferiamoli su una leccarda ricoperta da carta da forno.

Irroriamola con un cucchiaio di olio e lasciamola cuocere per circa 2o minuti a forno ventilato fino a quando non iniziamo a vederla dorata e morbida.

Portiamo a bollore 300 gr di acqua.

Mettiamo il cous cous in una ciotola larga, versiamoci sopra l’acqua bollente e copriamo con un coperchio per 3 minuti.

Quindi sgraniamolo bene e una volta tiepido possiamo condirlo con le lenticchie e i dadini di zucca.

Aggiustiamo se necessario di sale e irroriamo con un altro cucchiaio di olio.

Bene …il nostro veloce Cous cous di mais con lenticchie e zucca è pronto pCous cous di mais con lenticchie e zuccaer essere gustato…

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o  sul mio profilo Twitter ed Instagram

Pasta alla zucca con noci e provola

La Pasta alla zucca con noci e provola è un delizioso primo piatto a base di colei che io definisco la regina dell’autunno…ovvero la zucca!!!

A me sembra davvero strano che a molte persone non piaccia!!! Io l’adoro fatta in ogni modo…soprattutto perché è ricca di vitamine e povera di calorie..

Capisco che resta anche dolce ma basta accostarla ad altri ingredienti per renderla super gradevole al palato.

La Pasta alla zucca con noci e provola è il piatto perfetto se vogliamo presentare qualcosa di semplice ma allo stesso tempo sfizioso e visto che siamo entrati in pieno clima natalizio non è da sottovalutare come un qualcosa di alternativo che possiamo presentare.

Di certo noci e provola non sono proprio due ingredienti proprio ipocalorici …ma basta dosarne la giusta quantità e soprattutto basta limitarci con aggiunte di condimenti extra per avere un piatto abbastanza bilanciato.

Dimenticavo…la Pasta alla zucca con noci e provola è super veloce e non ha bisogno di panna o burro perchè sarà la zucca stessa a trasformarsoi in deliziosa cremina.

E allora vediamo insieme i pochi e semplici passaggi.

Pasta alla zucca con noci e provola

Pasta alla zucca con noci e provola, dose per due persone.

  • 180 gr di pasta
  • 300 gr di zucca
  • 30 gr di noci
  • 50 gr di provola affumicata
  • sale
  • olio
  • prezzemolo

Fare la Pasta alla zucca con noci e provola è molto semplice e veloce.

Innanzitutto puliamo la zucca eliminando i filamenti interni e la buccia…laviamola e facciamola a tocchettini.

Trasferiamo i dadini ottenuti in un tegame antiaderente, aggiungiamo un pizzico di sale, uno di pepe, un cucchiaio di olio e lasciamoli cuocere fino a quando non saranno ben morbidi.

A questo punto teniamone alcuni interi e frulliamo il resto ottenendo una cremina.

Tritiamo grossolanamente le noci e facciamo altrettanto con la provola.

Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata e una volta cotta coliamola e trasferiamola nel tegame con la zucca.

Mantechiamola aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Infine incorporiamo le noci e la provola.

Il nostro delizioso primo piatto è pronto per essere gustato…basta aggiungere una manciata di prezzemolo e via!!!

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta??? Allora seguimi su facebook sulla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Bulgur alla cantonese

Il Bulgur alla cantonese è un delizioso primo piatto perfetto da mangiare sia freddo che caldo.

Ormai sapete benissimo che in cucina amo provare di tutto e soprattutto nel mondo dei cereali amo scegliere e sperimentare.

Il bulgur niente  altro è che chicchi di grano soggetti ad una particolare lavorazione, essiccati e spezzati.

Questo rende il prodotto molto più digeribile e come i suoi fratelli anche il bulgur è ricco di fibre e di vitamine.

In cucina il Bulgur si presta a tantissime preparazioni…ad iniziare dalle zuppe, ad insalate o anche per realizzare deliziose polpettine finger food.

Oggi ve lo presento alla “cantonese” un pò adattando la ricetta del famoso riso alla cantonese.

Che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina???

 

 

Bulgur alla cantonese, dose per due persone.

  • 180 gr di bulgur
  • 360 gr di acqua
  • 1 zucchina
  • 1 carota
  • 150 gr di piselli
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • sale
  • olio q.b

Fare il Fare il Bulgur alla cantonese è molto semplice e veloce.

In una pentola versiamo il bulgur, aggiungiamo il doppio dell’acqua, copriamo e lasciamo cuocere fino al completo assorbimento.

Spuntiamo la zucchina e tagliamola a dadini, e dopo averla pelata facciamo lo stesso con la carota .

Trasferiamo tutto in un tegame aggiungendo i pisellini e aggiustando con sale, pepe ,due cucchiai di olio e due di salsa di soia.

Lasciamo cuocere la nostra dadolata di verdure a fiamma vivace fino a quando non risulterà cotta ma ancora croccante.

In un padellino facciamo una frittatina con due uova battute e insaporite con un pizzico di sale .

Bene, ora non resta che versare il bulgur cotto nel tegame con le verdurine e aggiungere la frittatina tagliuzzata.

Aggiungiamo se necessario ancora un filo di olio.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale e sul mio profilo Twitter ed Instagram.

Riso basmati con mela verde e gamberetti

Il Riso basmati con mela verde e gamberetti è un delizioso primo piatto leggero e gustoso.

Si realizza con pochissimo tempo ed è la carta vincente se vogliamo presentare ai nostri ospiti qualcosa di alternativo.

La scelta del riso basmati non è casuale…lo prediligo al normale riso perchè molto più leggero e profumato.

Ormai sapete benissimo che a me piace molto azzardare e mischiare anche la frutta nelle preparazioni salate.

In fondo basta trovare un giusto equilibrio per ottenere dei deliziosi piatti molto alternativi!!!

La mela verde con il suo sapore leggermente aspro non disturba affatto all’interno di questo primo piatto ma comunque non bisogna farla cuocere troppo altrimenti inizia a sprigionare la sua parte zuccherina.

Che ne dite allora di verdere questa ricettina insieme???

Riso basmati con mela verde e gamberetti

Riso basmati con mela verde e gamberetti, dose per due persone

 

  • 180 gr di riso basmati
  • 1 mela verde
  • 120 gr di gamberetti sgusciati e precotti
  • 100 ml di vino
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 scalogno
  • 2 cucchiai di olio
  • sale q.b

Fare il Riso basmati con mela verde e gamberetti è semplice e veloce.

Laviamo la mela e tagliamola a tocchetti piccoli.

Scoliamo i gamberetti e passiamoli sotto l’acqua.

In un tegame affettiamo finemente uno scalogno e lasciamolo appassire insieme a due cucchiai di olio e di acqua.

Aggiungiamo i gamberetti e lasciamoli insaporire per 5 minuti, uniamo la mela , aggiungiamo un pizzio di sale e saltiamola per qualche minuto senza farla ammorbidire molto.

In un bicchiere sciogliamo un cucchiaio di farina con 100 ml di vino e aggiungiamolo nel tegame per creare una golosa cremina.

Nel frattempo lessiamo il riso basmati e una volta cotto mantechiamolo nell’intingolo pronto.

Bene, il nostro strepitoso Riso basmati con mela verde e gamberetti è pronto per essere servito..impazzirete!!!

Buon appetito. Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su FAcebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o su Twitter

Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli

Il Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli è un deliziosissimo primo piatto che ci scalda il corpo e il cuore in giornate autunnali com quella di oggi.

Il grano saraceno come la quinoa non è un cereale ma uno pseudo cereale ed è totalmente privo di glutine.

Ma nonostante ciò, allo stesso modo della quinoa, possiamo utilizzarlo in cucina in 100 modi e trattarlo come in questo caso allo stesso modo di un cereale realizzando piatti leggeri ma pienissimi di gusto.

Una delle sue caratteristiche è quella di essere una fonte preziosa di una sostanza chiamata “rutina“, un antiossidante che va a fortificare le pareti dei vasi capillari.

Sembra inoltre abbassare anche il colesterolo oltre ad avere un alto potere energizzante e saziante.

Il suo sapore è abbastanza particolare e per questo purtroppo non incontra i gusti di molte persone ma per quanto mi riguarda lo trovo superlativo e gustoso.

Io amo utilizzare anche la farina per realizzare dolci e salati, oppure molto più spesso lo uso nelle zuppe.

In questa ricetta però mi sono ispirata al classico risotto per realizzare un primo  piatto alternativo.

Devo dire che il Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli è un piatto che nulla ha da invidiare a tanti cereali.

E allora che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli

Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli, dose per due persone

  • 180 gr di grano saraceno
  • 400 ml di acqua
  • 1/2 pera abate
  • 80 gr di taleggio
  • 30 gr di pinoli
  • sale q,b
  • 1 cucchiaio di olio
  • prezzemolo

Fare il Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli è molto semplice .

La regola di base è rispettare all’incirca la proporzione 1 a 2…vale a dire una porzione di grano e due di acqua…ma qui ne ho messa un pochino in più per renderlo più cremoso.

Laviamo il grano saraceno e trasferiamolo in un tegame con l’acqua, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio.

Una volta raggiunto il bollore copriamo il tegame, abbassiamo la fiamma al minimo e impostiamo il timer a 20 minuti.

Nel frattempo facciamo a tocchetti mezza pera abate e andiamola ad aggiungere dopo 10 minuti dall’inizio del timer.

In questo modo la pera non rilascerà troppo zucchero.

Continuiamo la cottura fino al termine.

Dopo 20 minuti il grano saraceno avrà assorbito tutta l’acqua e sarà pronto.

Uniamo ora il taleggio e mantechiamo quanto basta per farlo sciogliere.

Bene, il nostro Grano saraceno con pere ,taleggio e pinoli è pronto, non resta che aggiungere i pinoli tostati e una manciata di prezzemolo fresco.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagine Il Grembiulino Infarinato di Ale e anche sul mio profilo Twitter

Fusilli con ceci e fagiolini

Fusilli con ceci e fagiolini è un delizioso e leggerissimo primo piatto perfetto soprattutto per il classico lunch box.

Io sono tra le tantissime persone che non hanno la fortuna di tornare a casa per il pranzo e quindi ogni giorno porto nella mia borsetta termica qualcosa che mi preparo a casa.

E per “qulacosa” non mi riferisco al classico panino ma davvero al classico piatto di pasta o cereali in generale.

Ovviamente cerco di fare sempre abbinamenti semplici, completi e che siano ottimi anche a temperatura ambiente.

Fusilli con ceci e fagiolini è l’esempio calzante di quello che sto dicendo…pasta arricchita con le verdure e una parte proteica data dai ceci.

L’insieme dei sapori è davvero avvolgente e il limone grattugiato in superficie rende ancor più delizioso il piatto.

Nessuno ci vieta di proporre i Fusilli con ceci e fagiolini anche i nostri ospiti ,,d’altronde chi non ha un’amica vegetariana o vegana???

E allora che ne dite di vedere e valutare insieme la semplice ricettina?

Fusilli con ceci e fagiolini

Fusilli con ceci e fagiolini, dose per 2 persone

  • 160 gr di fusilli
  • 80 gr di ceci
  • 150 gr di fagiolini
  • 1 limone bio
  • 2 cucchiai di olio
  • sale q,b

Fare i Fusilli con ceci e fagiolini è semplice e veloce.

Puliamo,spuntiamo e laviamo i fagiolini, quindi lessiamoli in acqua salata e una volta cotti trasferiamoli con una schiumarola in un recipiente con dell’acqua fredda per fermare la cottura.

Nella stessa acqua andiamo ora lessare la pasta che in questo modo assorbirà il sapore dei fagiolini stessi e una volta cotta coliamola e mettiamola in una pirofila.

Aggiungiamo quindi i fagiolini, i ceci e condiamo con un filo di olio.

Il nostro delizioso primo piatto vegetariano e vegano insieme è pronto….non resta che renderlo ancor più speciale con l’aggiunta della buccia grattugiata di un buon limone bio.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora sguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi

L’Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi è un insalata fatta con questo cereale davvero ottimo per poter presentare a tavola un primo piatto leggero nutriente e particolare.

Infatti come il farro o anche il riso, l’orzo si presta a tantissimi condimenti sia caldi che freddi e può benissimo aprire un pranzo oppure fare da contorno in un buffet.

In questa ricettina molto veloce l’ho accompagnato ai pomodori secchi, agli asparagi e agli anacardi così da ottenere un piatto unico e gustoso.

Non dimentichiamo infatti le proprietà diuretiche degli asparagi e quelle degli anacardi che tra la frutta secca di sicuro sono i meno conosciuti.

Gli anacardi contengono meno grassi rispetto ad altri tipi di frutta secca. Inoltre, la maggior parte del loro grasso è costituito da acidi grassi insaturi e contengono acido oleico, una sostanza considerata salutare per cuore e vasi.

E allora vediamo insieme questa semplice ricettina.

Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi

 

Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi, dose per due persone

 

  • 180 gr di orzo
  • 150 gr di asparagi
  • 30 gr di anacardi
  • 5 pomodori secchi
  • sale
  • olio

Fare l’Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi è molto semplice e veloce.

Innanzitutto spuntiamo gli asparagi e con l’aiuto di un pela patate raschiamo il gambo per eliminare le parti filamentose.

Quindi facciamoli a rondelle, laviamoli accuratamente e mettiamoli in un tegame con un pizzico di sale e una tazzina di acqua.

Lasciamoli cuocere fino a quando non li sentiamo ben morbidi.

Mettiamo i pomodori secchi in ammollo in acqua calda.

Lessiamo ora il nostro orzo in abbondante acqua salata per circa 20 minuti e una volta cotto trasferiamolo in un piatto da portata.

Aggiungiamo quindi gli asparagi, i ceci, i pomodori secchi strizzati e tagliati a listarelle ed infine gli anacardi tritati grossolanamente.

Aggiustiamo con un filo di olio e insaporiamo il tutto.

Perfetto…il nostro Orzo con pomodori secchi, asparagi e anacardi è pronto per essere servito a tavola.

Buon appetito!!!!

Ti èpiaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Spaghetti ai pomodori verdi

Gli Spaghetti ai pomodori verdi è il primo piatto che nessuno si aspetta e che molti guarderanno con occhio critico chiedendosi in effetti…”di cosa mai potranno sapersi degli spaghetti fatti con dei pomodori acerbi???”

E’ la stessa domanda che mi sono fatta io ma per togliermi ogni dubbio ho dovuto sperimentarli in prima persona anche se dopo i Pomodori verdi fritti avevo ben pochi dubbi sulla riuscita del piatto.

Ed in effetti gli Spaghetti ai pomodori verdi sono davvero gustosi!!! Si la parola che più mi viene in mente è proprio questa…gustosi oltre che invitanti, sempli, leggeri e veloci da realizzare.

Abbiamo quindi ospiti o  vogliamo un piatto di pasta fatto in un me che non si dica???

Gli Spaghetti ai pomodori verdi fanno al caso nostro e con una manciata di pistacchi si trasformano quasi in un piatto di alta cucina.

Ma allora che ne dite di vedere insieme la veloce ricettina?

Spaghetti ai pomodori verdi

 

Spaghetti ai pomodori verdi, dose per 2 persone

  • 160 gr dispaghetti
  • 4 pomodori san marzazano verdi
  • 4 filetti di alici
  • 1 scalogno
  • 30 gr di pistracchi
  • 2 cucchiai di olio
  • sale

Fare gli Spaghetti ai pomodori verdi è molto semplice e veloce.

Innanzitutto laviamo i pomodori, tagliamoli a metà, svuotiamoli della polpa e facciamoli a filetti.

In un capiente tegame facciamo appassire uno scalogno tagliato finemente insieme a 4 filetti di acciuga, 2 cucchiai di olio e una tazzina di acqua.

Aggiungiamo quindi i filetti di pomodoro, insaporiamo con un pizzico di sale e di pepe, allunghiamo con un altra tazzina di acqua e cuociamoli velocemente 10 minuti fino a quando non li vediamo ben morbidi.

Nel frattempo lessiamo la pasta in abbondante acqua salata e una volta cotti saltiamo gli spaghetti nel nostro intingolo aggiungndo anche i pistacchi tritati.

Bene, il nostro primo piatto a base di Spaghetti ai pomodori verdi è pronto per essere gustato.

Se pensiamo siano troppo asciutti aggiungiamo un filo di olio.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook sulla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.