Crea sito

Roveja decorticata con verdure al forno

La Roveja decorticata con verdure al forno è un piatto completo al 100%.

Se i legumi in generale sono apprezzati per il grande apporto proteico di origine animale che possono darci, la Roveja decorticata di queste proteine ne è particolarmente ricca.

Già ho avuto modo di avvicinarmi a questo legume grazie alla mia amica Alessandra nel cui negozio La Dispensa del Lago troviamo di tutto.

La prima però che ho provato non era decorticata e quindi per forza necessitava del classico preammollo ma il suo sapore mi aveva talmente entusiasmata che successivamente l’ho ripresa.

Quella decorticata invece basta lavarla, metterla in una pentola e portare a bollore per circa 20 minuti.

Direi super pratica e il sapore è lo stesso!!!!

Ero un pò indecisa di come valorizzarla e non volendo fare la classica zuppa ho deciso di realizzare un primo piatto alternativo mischiando questo spettacolare legume ad un misto di verdure cotte rigorosamente al forno.

Decisamente un piatto super buono, lggero, saziante!!!

Detto ciò che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina?

Roveja decorticata con verdure al forno

Roveja decorticata con verdure al forno, dose per due persone.

  • 150 gr di roveja decorticata cruda
  •  1 zucchina
  • 1/4 peperone rosso
  • 1/4 di peperone giallo
  • 1/2 melanzana
  • 1 carota
  • 100 gr di cavolfiore bianco
  • 100 gr di broccoletti siciliani
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • origano

Fare la Roveja decorticata con verdure al forno è molto semplice.

Laviamo la Roveja, mettiamola in una pentola con dell’acqua fredda e poniamola sul fuoco.

Dall’inizio del bollore lasciamola cuocere all’incirca 20 minuti,quindi insaporiamola con un pizzico di sale grosso e spengiamola,

Laviamo tutte le verdure , puliamo bene e tagliamole a tocchetti piccoli.

Trasferiamole su una placca ricoperta da carta da forno lasciandole “comode”.

Insaporiamole con abbondante origano, un pizzico di sale e due cucchiai di olio.

Passiamo in forno ventilato a 180 gradi per circa 20 minuti e tiriamole fuori una volta che le sentiamo ben morbide.

Coliamo la Roveja e trasferiamola in un piatto da portata, uniamo le nostre verdure cotte in forno e se necessario aggiustiamo con un filo di olio.

Per una presentazione piu elegante possiamo prima condire la Roveja e poi riempire dei pirottini di alluminio con questo legume e lasciarli riposare per un’oretta .

Sformiamoli poi nei singoli piatti e arricchiamo questi pseudo tortini con le nostre verdure.

Non è un’idea deliziosa???

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

 

 

Farro con zucchine e salmone

Il Farro con zucchine e salmone rientra tra i primi piatti a base di farro che non posso far mancare sulla mia tavola considerando innanzitutto quanto sia buono, leggero, nutriente e ricco comunque di vitamine.

Mi piace farlo sia d’estate che d’inverno…insalate, zuppe, piatti caldi, insomma con il farro davvero possiamo sbizzarrirci come vogliamo,

Ho iniziato a cucinarlo più frequentemente da quando lo trovo in bella vista nel supermerato dove di solito faccio spesa, ed è diventato ormai parte integrante della mia dispensa.

E poi ripeto…non ha bisogno né di particolare pre trattamento prima di essere cucinato, né tantomeno di ingredienti introvabili…qualsiasi cosa va bene per renderlo gustoso…anche solo un filo di olio.

Ad esempio se cliccate QUI  potete leggere come si fa in pochissimo tempo una bella insalata calda di farro con verdurine.

Anche il Farro con zucchine e salmone è un’altra ricetta semplice, ma chi mi conosce di sicuro non deve avere dubbi al riguardo…cucino improvvisando e questo delizioso primo piatto l’ho fatto una sera che davvero…era tardi…ero stanca e non avevo voglia di stare troppo intorno ai fornelli.

Ho aperto il frigo…zucchine…salmone…perfetto…proviamo Farro con zucchine e salmone.

Buonissimo!!! Leggero perché senza aggiunta di grassi…e ho avuto anche il tempo di riposare. Ma veniamo alla ricettina.

Farro con zucchine e salmone

Farro zucchine e salmone, dose per due persone

  • 200 gr di Farro
  • 100 gr di salmone
  • 2 zucchine medie
  • 1 scalogno
  • sale
  • noce moscata
  • olio

Fare il Farro con zucchine e salmone è semplice e veloce.

Dopo averlo solo lavato, facciamo lessare il farro in abbondante acqua salata o insaporita con del dado vegetale…(io ho usato quello fatto home made…la cui ricetta trovate QUI  )per circa 20 minuti.

Nel frattempo prepariamo il condimento.

Laviamo le zucchine, se sono troppo grosse tagliamole in 4 per togliere un po’ di anima e dopodiché facciamole  a tocchetti piccoli e  trasferiamole in un tegame antiaderente, aggiustiamole di sale, di pepe e saltiamole velocemente a fiamma vivace facendo in modo che restino croccanti.

Nel frattempo tagliamo il salmone a listarelle.

Trasferiamo il farro cotto nel tegame con le zucchine, aggiungiamo il salmone e mantechiamo per qualche minuto aggiungendo ora anche un filo di olio .

Perfetto, il nostro Farro con zucchine e salmone è pronto, caldo…gustoso…delicato…che ne dite?

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

Se vi è piaciuta questa semplice ricetta vi aspetto anche sulla mia paginaTi è  Facebook! 

 

 

 

Risotto all’amaretto e lime

Il Risotto all’amaretto e lime è un piatto decisamente innovativo.

Pur cercandolo in diversi siti di cucina non ne ho davvero trovato traccia. Come mi è venuto in mente????

Semplicè, io e mio marito siamo stati a cena in un locale ed era nel listino…una cosa talmente insolita e diversa finalmente che è stato impossibile non ordinarlo.

E abbiamo fatto bene…spettacolare e delicato.

Cosi’ mi sono procurata gli ingredienti ed ho deciso di rifarlo ma ovviamente senza avere parametri di confronto.

Il risultato? Un Risotto all’amaretto e lime nulla da invidiare a quello del ristorante, le dosi sono state giuste e il sapore eccezionale.

Resta molto delicato, perfetto per un pranzo o una cena di una certa importanza per palati raffinati.

Il retrogusto dolce dell’amaretto viene ben equilibrato dal semi aspro del lime e vi assicuro che ancor prima di mangiarlo il profumo intenso degli ingredienti inebrierà le vostre papille gustative.

Bene…allora pronte per provarlo????

Risotto all'amaretto e lime

Risotto all’amaretto e lime, dose per 3 persone.

  • 250 gr di riso che non scuoce
  • 2 lime
  • 50 gr di Amaretto di Saronno
  • 2 zucchine
  • 1 scalogno
  • 3 cucchiai di olio
  • brodo vegetale

Innanzitutto prepariamo il brodo vegetale che ci servirà per la cottura del nostro Risotto all’amaretto e lime.

Laviamo le zucchine , tagliamole in 4 nel senso della lunghezza, togliamo un po’ dell’anima e grattugiamole

Laviamo quindi i lime, grattugiamone la buccia e spremiamone il succo.

In un capiente tegame affettiamo finemente lo scalogno, aggiungiamo l’olio, mezzo mestolo di brodo vegetale, copriamo e lasciamo “soffriggere” fino a quando lo scalogno non si sarà sufficientemente appassito.

A questo punto aggiungiamo il riso, tostiamolo per un minuto e sfumiamo con l’amaretto facendolo evaporare tutto.

Uniamo ora il brodo fino a riempire il tegame, quindi le zucchine, chiudiamo con il coperchio e lasciamo cuocere a fuoco molto lento.

Quando il brodo inizia a ritirarsi aggiungiamo il succo del lime, altro brodo e continuiamo la cottura fino al termine.

Ci vorrà all’incirca una mezz’oretta come per tutti i risotti e mano a mano allunghiamo con il brodo fin quando il riso non si sarà cotto.

A cottura ultimana aggiungiamo il lime grattugiato, mantechiamo e spengiamo.

Lasciamo che il nostro Risotto all’amaretto e lime riposi un po’ prima di essere impiattato.

Ora non resta che sorprendere i nostri commensali con questa vera delizia!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Cous cous di mais con lenticchie e zucca

Il Cous cous di mais con lenticchie e zucca è un delizioso primo piatto in grado di appagare la nostra fame in maniera leggera e salutare.

Adoro il cous cous di qualsiasi tipo…da quello base e quello di farro…cereali..e ancor di più questo…di mais visto che è senza glutine!!!

IL cous cous è un alimento povero e la sua particolare lavorazione fatta a monte della commercializzazione ci permette di cucinarlo in 3 minuti solamente.

Ci vuole più a fare un panino che a prepararci un piatto di cous cous caldo.

E poi 50/60 gr sono più che sufficienti per ottenerne una bella porzione da condire come più ci piace.

Visto che le feste sono state superate da poco ho scelto di abbinare il Cous cous di mais a due ingredienti salutari…la nostra regine dell’autunno…ovvero la zucca e le lenticchie…fondamentali per il loro apporto proteico.

E allora che ne dite di vedere insieme la semplice e veloce ricetta?

Cous cous di mais con lenticchie e zucca

Cous cous di mais con lenticchie e zucca, dose per due persone

  • 150 gr di cous cous di mais
  • 300 gr di acqua
  • 150 gr di lenticchie cotte
  • 250 gr di zucca
  • 2 cucchiai di olio
  • sale
  • pepe
  • aghi di rosmarino

Fare il Cous cous di mais con lenticchie e zucca è semplice e veloce ma se non amiamo le lenticchie già pronte come nel mio caso basta versare 100 gr di lenticchie crude in una pentola con acqua fredda e farle bollire per circa 20 minuti.

La particolarità di questo legume infatti è il non dover restare in ammollo come altri legumi.

Sbucciamo la zucca, facciamola a dadini piccoli, aggiustiamola con un pizzico di sale, uno di pepe, degli aghi di rosmarino e trasferiamoli su una leccarda ricoperta da carta da forno.

Irroriamola con un cucchiaio di olio e lasciamola cuocere per circa 2o minuti a forno ventilato fino a quando non iniziamo a vederla dorata e morbida.

Portiamo a bollore 300 gr di acqua.

Mettiamo il cous cous in una ciotola larga, versiamoci sopra l’acqua bollente e copriamo con un coperchio per 3 minuti.

Quindi sgraniamolo bene e una volta tiepido possiamo condirlo con le lenticchie e i dadini di zucca.

Aggiustiamo se necessario di sale e irroriamo con un altro cucchiaio di olio.

Bene …il nostro veloce Cous cous di mais con lenticchie e zucca è pronto pCous cous di mais con lenticchie e zuccaer essere gustato…

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o  sul mio profilo Twitter ed Instagram

Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi

La Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è un delizioso primo piatto molto veloce da realizzare e soprattutto leggero. I finocchi sotto sotto…zitti zitti…alla fine sono tra le verdure invernali più consumate… Con i finocchi facciamo delle ottime insalate…il pinzimonio…sformati e polpette…e perchè no anche deliziose vellutate. I finocchi hanno la proprietà di essere poveri di calorie ma ricchissimi di fibre, acqua e  vitamine, tre elementi importantissimi per il corpo umano. Io amo portarli anche come spezzafame e se abbiamo la fortuna di trovare quelli piccoli e dolci è un piacere sgranocchiarli. Visto che oggi la giornata lo permette che ne dite di realizzare allora uno splendido piatto caldo…anche unico direi visto che andremo ad aggiungere un pò di ricotta , dei crostini di pane e una manciata di pistacchi che rendono il nostro piatto davvero unico!!! Vediamo insieme i pochi e semplici passaggi per realizzare la nostra Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi. Velluta di finocchi con crostini e pistacchi

Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi, dose per due persone

  • 500 gr di finocchi puliti
  • acqua quanto basta
  • 100 gr di ricotta di mucca
  • 30 gr di pistacchi al naturale
  • 2 fettine di pane raffermo
  • sale
  • olio
  • steli di finocchio

Fare la Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è semplice e veloce. Puliamo bene i finocchi eliminando le foglie esterne più dure e mettendo da parte alcuni steli che ci serviranno per la decorazione del piatto. Facciamoli a fettine, laviamoli bene e mettiamoli in un tegame bello ampio. Aggiungiamo dell’acqua fino a coprirli leggermente, insaporiamo con un pizzico di sale, copriamoli e lasciamoli cuocere fino a quando non saranno diventati praticamente scotti. Una volta tiepidi con un frullatore ad immersione omegeneizziamo i nostri finocchi insieme a 100 gr di ricotta per la nostra vellutata più densa e cremosa. Qualora fosse troppo liquida basta rimettere il tegame qualche minuto sul fuoco per farla addensare. Bene, la nostra Vellutata di finocchi con crostini e pistacchi è pronta. Non resta che abbrustolire due buon fette di pane raffermo fatto a tocchetti e dare una tagliata ai pistacchi. Perfetto, possiamo servire la nostra Velluta di finocchi , terminando con un filo di olio, i crostini, i pistacchi e gli steli di finocchio lasciati da parte. Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Pasta alla zucca con noci e provola

La Pasta alla zucca con noci e provola è un delizioso primo piatto a base di colei che io definisco la regina dell’autunno…ovvero la zucca!!!

A me sembra davvero strano che a molte persone non piaccia!!! Io l’adoro fatta in ogni modo…soprattutto perché è ricca di vitamine e povera di calorie..

Capisco che resta anche dolce ma basta accostarla ad altri ingredienti per renderla super gradevole al palato.

La Pasta alla zucca con noci e provola è il piatto perfetto se vogliamo presentare qualcosa di semplice ma allo stesso tempo sfizioso e visto che siamo entrati in pieno clima natalizio non è da sottovalutare come un qualcosa di alternativo che possiamo presentare.

Di certo noci e provola non sono proprio due ingredienti proprio ipocalorici …ma basta dosarne la giusta quantità e soprattutto basta limitarci con aggiunte di condimenti extra per avere un piatto abbastanza bilanciato.

Dimenticavo…la Pasta alla zucca con noci e provola è super veloce e non ha bisogno di panna o burro perchè sarà la zucca stessa a trasformarsoi in deliziosa cremina.

E allora vediamo insieme i pochi e semplici passaggi.

Pasta alla zucca con noci e provola

Pasta alla zucca con noci e provola, dose per due persone.

  • 180 gr di pasta
  • 300 gr di zucca
  • 30 gr di noci
  • 50 gr di provola affumicata
  • sale
  • olio
  • prezzemolo

Fare la Pasta alla zucca con noci e provola è molto semplice e veloce.

Innanzitutto puliamo la zucca eliminando i filamenti interni e la buccia…laviamola e facciamola a tocchettini.

Trasferiamo i dadini ottenuti in un tegame antiaderente, aggiungiamo un pizzico di sale, uno di pepe, un cucchiaio di olio e lasciamoli cuocere fino a quando non saranno ben morbidi.

A questo punto teniamone alcuni interi e frulliamo il resto ottenendo una cremina.

Tritiamo grossolanamente le noci e facciamo altrettanto con la provola.

Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata e una volta cotta coliamola e trasferiamola nel tegame con la zucca.

Mantechiamola aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Infine incorporiamo le noci e la provola.

Il nostro delizioso primo piatto è pronto per essere gustato…basta aggiungere una manciata di prezzemolo e via!!!

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta??? Allora seguimi su facebook sulla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram

Vellutata di zucchina spinosa e ceci

La Vellutata di zucchina spinosa e ceci è un delizioso primo piatto che stavolta ho realizzato con un prodotto a me ancora sconosciuto…la Zucchina spinosa!!!

In realtà io amo molto provare le cose nuove ma davvero questa non mi sembra di averla mai vista sui banchi del mercato…o forse non ci avrò mai fatto caso!!!

Poi una mia collega mi fa…”ma vuoi qualche zucchina spinosa?” E certo che si,,,ho risposto e allora come mio solito sono andata a documentarmi.

Caspita!!! Non pensavo che le zucchine spinose avessero così tante proprietà.

La zucchina spinosa ha una polpa bianca e soda ed è una via di mezzo tra la zucchina e la zucca ma rispetto a quest’ultima resta meno dolce.

Quello che più mi ha colpito è il fatto di essere ricca di acido folico!!! Per questo è bene consumarla soprattutto in gravidanza in quanto aiuta il feto a crescere bene.

In più poi ha proprietà antinfiammatorie ed è ricca di vitamina C ed acqua.

Insomma una pillola di salute.

Essendo la polpa molto soda in cucina si presta a diverse preparazioni ed io ho optato per un delizioso e caldo primo piatto…la vellutata alla quale ho mischiato i ceci per realizzare un piatto unico.

Che ne dite allora di vedere insieme la semplice ricettina?

Vellutata di zucchina spinosa e ceci

Vellutata di zucchina spinosa e ceci, dose per due persone

  • 500 gr di zucchina spinosa pulita
  • 300 gr di ceci cotti
  • 2 fettine di pane raffermo
  • curcuma
  • sale
  • finocchietto
  • olio

Fare la Vellutata di zucchina spinosa e ceci è semplice e l’unica difficoltà sta nello sbucciare la zucchina.

Per questa operazione aiutiamoci infilzando la zucchina con una forchetta eliminando così la buccia con un coltello a seghetta…credetemi non è difficile!!!

A questo punto faccciamola a tocchetti e trasferiamola in un tegame.

Aggiungiamo un pizzico di sale grosso, uno di curcuma e tanta acqua quanto basta per coprirla a metà.

Copriamo con un coperchio e lasciamo cuocere a fiamma medio/bassa fino a quando la nostra zucchina non sarà ben morbida.

A questo punto spengiamo la fiamma e lasciamola raffreddare.

Aggiungiamo ora i ceci già cotti e con un frullatore ad immersione omogeneizziamo il tutto ottenendo la nostra vellutata.

Tostiamo ora le fettine di pane e tagliamole a dadini.

Bene, la nostra Vellutata di zucchina spinosa e ceci è pronta per essere gustata.

Non resta che scaldarla e servirla con i crostini di pane e un filo di olio…un primo piatto di qualità!!!

Buon appetito…ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram.

Riso venere con mela verde, avocado e salmone

IL Riso venere con mela verde, avocado e salmone è una deliziosa insalata perfetta per sostituire il classico panino che purtroppo molti di noi sono costretti a portarsi a lavoro.

Questo piatto è decisamente una perla di salute…ad iniziare dalla materia prima…vale a dire il Riso venere…un riso profumato, leggero, ricchissimo di ferro  e molto digeribile.

Certo l’unica nota negativa del riso venere è la lunga cottura ma basta organizzarsi e il gioco è fatto.

Vogliamo poi parlare dell’avocado???

Io lo definisco un frutto magico visto che è  ricchissimo di vitamine, fibre e soprattutto antiossidanti.

E’ un frutto altamente nutriente e per questo non dovremmo farlo mancare dalla nostra normale dieta alimentare visto che è davvero un toccasana per la salute.

Poi abbiamo la mela verde…io adoro mischiare la frutta nei piatti salati e in questo caso va bene a bilanciare la parte saporita del salmone.

Insomma il Riso venere con mela verde, avocado e salmone è un primo piatto delizioso che possiamo tra l’altro preparare in anticipo e mangiare al momento del bisogno.

Anche se siamo a novembre il tempo ancora lo permette e allora che ne dite di vedere insieme questa super ricettina???

Riso venere con mela verde, avocado e salmone

 

 

Riso venere con mela verde, avocado e salmone, dose per due persone.

 

  • 180 gr di riso venere
  • 1/2 avocado ben sodo
  • 1/2 mela verde
  • 100 gr di salmone affumicato
  • la buccia e il succo di un buon limone bio
  • 1 cucchiaio di olio
  • sale

Fare il Riso venere con mela verde, avocado e salmone è molto semplice.

Innanzitutto lessiamo il riso in abbondante acqua salata per circa 40 minuti, quindi coliamolo e e trasferiamolo in una pirofila.

Grattugiamo un buon limone bio e ricaviamo dallo stesso anche il succo.

Sbucciamo l’avocado e tagliamolo a tocchetti.

Facciamo lo stesso con la mela ma senza togliere la buccia…è li che si concentrano tutte le sue proprietà.

Infine sfilettiamo il salmone.

In un barattolino mettiamo il limone insieme ad un cucchiaio di olio e ad un pizzico di sale.

Chiudiamolo e scuotiamolo energicamente per creare una salsina omogenea

Bene…ora non resta che mettere gli ingredienti pronti nel riso e condire con la citronette pronta.

Amalgamiamo bene il tutto e terminiamo con la buccia del limone.

Il nostro salutare Riso venere con mela verde, avocado e salmone è pronto per essere gustato…buon appetito!!!

Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter ed Instagram.

 

Bulgur alla cantonese

Il Bulgur alla cantonese è un delizioso primo piatto perfetto da mangiare sia freddo che caldo.

Ormai sapete benissimo che in cucina amo provare di tutto e soprattutto nel mondo dei cereali amo scegliere e sperimentare.

Il bulgur niente  altro è che chicchi di grano soggetti ad una particolare lavorazione, essiccati e spezzati.

Questo rende il prodotto molto più digeribile e come i suoi fratelli anche il bulgur è ricco di fibre e di vitamine.

In cucina il Bulgur si presta a tantissime preparazioni…ad iniziare dalle zuppe, ad insalate o anche per realizzare deliziose polpettine finger food.

Oggi ve lo presento alla “cantonese” un pò adattando la ricetta del famoso riso alla cantonese.

Che ne dite di vedere insieme la semplice ricettina???

 

 

Bulgur alla cantonese, dose per due persone.

  • 180 gr di bulgur
  • 360 gr di acqua
  • 1 zucchina
  • 1 carota
  • 150 gr di piselli
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • sale
  • olio q.b

Fare il Fare il Bulgur alla cantonese è molto semplice e veloce.

In una pentola versiamo il bulgur, aggiungiamo il doppio dell’acqua, copriamo e lasciamo cuocere fino al completo assorbimento.

Spuntiamo la zucchina e tagliamola a dadini, e dopo averla pelata facciamo lo stesso con la carota .

Trasferiamo tutto in un tegame aggiungendo i pisellini e aggiustando con sale, pepe ,due cucchiai di olio e due di salsa di soia.

Lasciamo cuocere la nostra dadolata di verdure a fiamma vivace fino a quando non risulterà cotta ma ancora croccante.

In un padellino facciamo una frittatina con due uova battute e insaporite con un pizzico di sale .

Bene, ora non resta che versare il bulgur cotto nel tegame con le verdurine e aggiungere la frittatina tagliuzzata.

Aggiungiamo se necessario ancora un filo di olio.

Buon appetito!!! Ti è piaciuta la ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale e sul mio profilo Twitter ed Instagram.

Zuppa di avena e verdure

La Zuppa di avena e verdure è un delizioso primo piatto che soprattutto di sera è perfetto per scaldarci e riprenderci dalle giornate un pò faticose e fredde.

Non so voi ma quando inizio il pranzo o la cena con qualcosa di caldo ora che l’umidità è alle stelle tutto prende un altro verso.

E poi avere una “minestra” calda mi fa tornare bambina quando a casa di nonna la minestrina non mancava mai…

Tornando a noi,  la Zuppa di avena e verdure è una zuppa alternativa per la presenza di questo cereale che per la prima volta entra nella cucina de Il Grembiulino.

Molti si staranno chiedendo se non sto parlando dello stesso alimento che si dava da mangiare agli animali….Ebbene si…è proprio la stessa avena che finalmente è stata inserità anche nella comune dieta viste le sue proprietà.

Tra tutti i cereali infatti l’avena è la più ricca di proteine e ha un indice glicemico basso non provocando quindi picchi insulinici alti.

Essendo poi ricca di fibre garantisce il corretto funzionamento del nostro intestino e aiuta la digestione.

Un pò per questo e un pò per curiosità quindi oggi ho deciso di sperimentala sotto forma di zuppa.

Il risultato??? Un piatto caldo ma soprattutto delizioso.

E allora che ne dite di vedere insieme la ricetta???

Zuppa di avena e verdure

Zuppa di avena e verdure dose per 4 persone

  • 100 gr di carote
  • 100 gr di zucchine
  • 100 gr di broccoli
  • 100 gr di zucca
  • 1 costa di sedano
  • 5 pomodorini maturi
  • 200 gr di avena
  • sale grosso
  • 1 cucchiaio di olio
  • acqua

Fare la Zuppa di avena con verdure è molto semplice e una volta preparate le verdure si fa da sola.

Laviamo e puliamo accuratamente tutte gli ortaggi a nostra disposizione, quindi tagliamoli a dadini e trasferiamoli in un tegame.

Aggiungiamo il sedano fatto a pezzettini, i pomodorini tagliati in quattro e insaporiamo con un pizzico di sale grosso e un cucchiaio di olio.

Facciamo stufare le verdure a fiamma vivace per 10 minuti facendo attenzione a non farle attaccare.

Aggiungiamo quindi l’avena  e copriamo con abbondante acqua calda.

Una volta raggiunto il bollore copriamo il tegame, abbassiamo la fiamma e lasciamo cuocere la nostra zuppa per circa 40 minuti girandola di tanto in tanto e aggiungendo altra acqua calda se necessario…il grado di densità è molto personale ma comunque non dobbiamo ottenere una zuppa asciutta.

Una volta pronta lasciamola coperta per 10 minuti prima di gustarla magari con un filo di olio a crudo.

Superlativa ed economica!!! Buon appetito!!! Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale o sul mio profilo Twitter