Crea sito

Pici agrumati al lime e arancia

I Pici agrumati al lime e arancia è un gustosissimo primo piatto anche relativamente leggero visto che non ho usato grassi aggiunti se non dei tocchetti di prosciutto magro.

Gli agrumi accostano molto le ricette salate e soprattutto i primi piatti e l’idea di usare il lime e l’arancia insieme ha scatenato in me una grande fantasia.

E poi vogliamo parlare di questa pasta???

I pici è una pasta particolare fatta a mano e molto simile agli spaghetti, ma sono più ruvidi e più grossi. Sono originari del sud della toscana e sono fatti con acqua e farina.

Anche se hanno una cottura lunga vi assicuro che ne vale la pena in quanto accostano molto bene ogni tipo di condimento…dai più semplici come in questo caso…ai più particolari…come nel caso dei miei Pici con cozze e cocco fresco.

I Pici agrumati al lime e arancia è un delizioso  primo che si prepara davvero in un attimo…non più di 10 minuti..a parte la cottura della pasta stessa,,,e siamo ben sicuri di portre a tavola qualcosa di diverso che non passerà di certo inosservato.

La mia maggior paura era quello di ottenere un gusto troppo dolce…in realtà il lime va bene a compensare il dolce dell’arancia e il tutto trova poi la perfezione con il prosciutto.

Il lime rispetto al limone è meno aspro e resta di certo più gradevole.

E allora che ne dite di vedere insieme la ricettina?

Pici agrumati al lime e arancia

Pici agrumati al lime e arancia, dose per due persone

 

  • 160 gr di pici
  • 100 gr di prosciutto crudo in un’unica fetta
  • 1 bicchierino di carta di vino bianco
  • 1 scalogno
  • 1 lime (bucca+succo)
  • 1/2 arancia (buccia +succo)
  • 1 scalogno
  • 1 pizzico di sale grosso

Fare i Pici agrumati al lime e arancia è semplice e veloce.

Innanzitutto laviamo accuratamente sia il lime che l’arancia.

Grattugiamo la buccia di entrambi e poi con uno spremi agrumi ricaviamone il succo tenendo presente che dell’arancia ce ne occorrerà solo mezzo frutto.

Tagliamo il prosciutto a dadini, mettiamolo in un tegame antiaderente insieme ad uno scalogno affettato finemente.

Poniamo il recipiente sul fuoco e a fiamma lenta facciamo soffriggere il prosciutto girandolo spesso.

Quando inizia ad abbrustolirsi sfumiamolo con il vino e quando il liquido sarà del tutto evaporato aggiungiamo il succo degli agrumi…facciamolo sobollire per un minuto e spengiamo .

Ora non resta che lessare i pici in abbondante acqua salata (ci vorranno all’incirca 20 minuti) e una volta cotti mantecarli nell’intingolo goloso pronto aggiungendo ora la scorsa grattugiata del lime e dell’arancia.

Se necessario allunghiamo con dell’acqua di cottura.

Bene..il nostro delizioso primo piatto è pronto per essere gustato caldo…

Buon appetito!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale

 

Riso venere all’arista croccante e mele

Il Riso venere all’arista croccante e mele è un delizioso e completo primo piatto dall’accostamento particolare ma vincente.

Io non amo il riso bianco, quello raffinato, ma il riso venere anche se ha tempi di cottura leggermente più lunghi lo adoro. Innanzitutto mentre lo si cucina sprigiona un odore aromatico così particolare che inebria tutta la cucina. E poi comunque è un riso dalle molteplici proprietà, è integrale, ricchissimo di fibre ed ha un indice glicemico molto più basso rispetto al riso normale.

L’alta digeribilità poi lo rende ancor più unico. Se poi vogliamo aggiungere un particolare piccante, nell’antichità era molto legato alla fertilità ed ancora oggi lo si classifica come cibo afrodisiaco…mica male no!!!!

Tornando però alla nostra ricettina il Riso venere all’arista croccante e mele è davvero delizioso e unico nel suo genere, l’accostamento arista e mele non è inusuale…il filetto di maiale si presta molto ad essere cucinato con diversa tipologia di frutta e allora io ho accostato i due ingredienti in versione light realizzando così un primo piatto senza rinunce.

Fatto poi in versione tortino il Riso venere all’arista croccante e mele è un bel piatto da gustare insieme a degli amici..l’aspetto lascerà tutti di stucco e credo che i bambini stessi ne saranno attratti.

Da un punto di vista nutrizionale abbiamo davvero tutto…carboidrati, proteine e vitamine…perciò io direi di iniziare con la semplice ricettina.

Riso venere all'arista croccante e mele

Riso venere all’arista croccante e mele, dose per due persone

  • 180 gr di riso venere
  • 200 gr di arista
  • 1 mela rossa croccante
  • sale
  • olio
  • aceto balsamico
  • 1 limone
  • curry

Fare il Riso venere all’arista croccante e mele è molto semplice e non richiede attitudini particolari.

Innanzitutto lessiamo il riso in abbondante acqua salata per ben 35 minuti quindi coliamolo e mettiamolo in un piatto da portata.

Laviamo una mela rossa e croccante e senza sbucciarla, facciamola a dadini lasciandone uno spicchio per la decorazione.

Tagliamo l’arista in piccoli cubetti, insaporiamola con un pizzico di sale, un pizzico di curry, una spruzzata di limone e lasciamola cuocere su una piastra ben calda facendola rosolare bene. Solo qualche minuto prima di spengerla aggiungiamo anche la mela facendo saltare il tutto per pochi minuti in modo da far insaporire insieme i due ingredienti.

Bene, ora non resta che versare il condimento appena fatto sul riso, unire un filo di olio, una spruzzata di aceto balsamico e mischiare delicatamente .

Perfetto il nostro delizioso e light primo piatto è pronto.

Per un effetto scenografico possiamo formare dei deliziosi tortini con un coppapasta e decorarli con sottili fettine di mela.

Buon appetito!!!

Ti è piaciuta la mia ricetta? Allora seguimi anche su Facebook alla pagina Il Grembiulino Infarinato di Ale.

Fiaccole al vino rosso con ragu’ bianco e pomodorini gratinati.

 

fiaccole al vino rosso

Le Fiaccole al vino rosso con ragu’ bianco e pomodorini gratinati e’ un primo piatto per il quale mi sento proprio di utilizzare l’aggettivo “SUPERLATIVO”…e’ buonissima, semplice…di grande effetto e per di piu’ un piatto unico. Ma di sicuro la squisitezza del piatto e’ dovuto a questa pasta particolare…le Fiaccole..

Fiamme al vino rosso

che ho avuto modo di provare grazie al pastificio Fanelli che ancora una volta mi ha sorpreso. Gia’ avevo provato le Fettuccine al cacao di cui ho avuto modo di postare la ricetta QUI e queste Fiaccole nel cui impasto e’ stato utilizzato il vino rosso vi assicuro che non sono da meno… Io vi consiglio di dare un’occhiata al SITO di questo pastificio perche’ fa davvero dei buoni prodotti. Veniamo alla ricetta…visto che il vino rosso accompagna bene la carne ho deciso di fare per condimento un buon ragu’ bianco…non troppo pesante e usando per guarnizione dei pomodorini gratinati al forno che rendono il piatto ancor piu’ innovativo.

Fiaccole al vino rosso con ragu’ bianco e pomodorini gratinati, dose per 3 persone:
  • 250 gr di Fiaccole al vino rosso
  • 200 gr di macinato (io ho preso solo bovino…ma potete mischiare cio’ che volete)
  • 20 gr di funghi porcini secchi
  • 1 scalogno
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • brodo vegetale quanto basta
  • 10 pomodorini ciliegina

Innanzitutto prepariamo il brodo vegetale…ma non molto…ne bastano  davvero due bicchieri al massimo…io utilizzo in questi casi Dialbrodo…faccio bollire l’acqua e poi ne verso 2 cucchiani.

Prendiamo ora i funghi porcini secchi e mettiamoli in ammollo in acqua calda per una mezz’oretta.

Iniziamo a preparare il nostro ragu’ bianco. Tritiamo finemente lo scalogno, la carota , il prezzemolo e mettiamolo in un tegame antiaderente, aggiungiamo 2 cucchiai di olio, un mestolo di brodo vegetale (evito sempre di fare il soffritto…il gusto non cambia!!!!) e mettiamo sul fuoco lasciando appassire pian piano il nostro trito.

Fiamme al vino rosso

Quando il liquido si e’ ritirato aggiungiamo la carne, aggiustiamo di sale, pepe e una grattatina di noce moscata…sgraniamola bene e sempre a fuoco lento lasciamola cuocere bene. Inizialmente non serve aggiungere nulla perche’ la carne stessa tirera’ fuori la sua acqua. Quando anche questa si sara’ ritirata…cerchiamo di far rosolare un po’ la carne facendo attenzione a non farla attaccare e sfumarla quindi con 1/2 bicchiere di vino bianco. Facciamolo evaporare e aggiungere quindi 1 o 2 mestoli di brodo. Continuiamo la cottura  aggiungendo i funghi porcini strizzati e fatti a pezzettini…20 gr sono piu’ che sufficienti…danno sapore ma non sovrastano il ragu’ stesso. Lasciamo cuocere ancora per una ventina di minuti per dare al nostro ragu’  un gusto piu’ deciso. Non lasciamo pero’ che si secchi troppo…ma lasciamolo umido in modo da condirci bene la pasta.

Su una teglia foderata con della carta da forno nel frattempo spacchiamo a meta’ una decina di pomodorini pachino, spolverizziamoli con del pangrattato e mettiamo in forno alla massima temperatura per 10/15 minuti…accendendo anche il grill per farli gratinare.

A questo punto lessiamo le nostre Fiamme al vino rosso in abbondante acqua salata…si cuoceranno in 8 minuti…e al termine versiamole nel nostro ragu’ amalgamandola bene magari a fuoco acceso.

Impiattiamo e decoriamo con i pomodorini gratinati.

Vi assicuro che e’ una prelibatezza!!!!

Provatela e mi direte…lasciate un messaggio o un commento sulla mia pagina FACEBOOK!!!

Mezze penne prosciutto cotto e limone

mezze penne prosciutto cotto e limone

 

Le mezze penne prosciutto cotto e limone sono un primo piatto e volendo anche unico che davvero se si ha del prosciutto cotto a casa ti risolvono il pranzo e la cena in pochi minuti anche perche’ non c’e’ bisogno di soffriggere o comunque cuocere nulla tranne ovviamente la pasta :-D. Io la faccio spesso per farla portare a pranzo a mio marito perche’ mangiando fuori vuoi mettere un piatto di pasta fatto a casa e uno della tavola calda???? Veniamo quindi alla ricetta:

Mezze penne prosciutto cotto e limone dose per due persone:
  • 200 gr di mezze penne
  • 100 gr di prosciutto cotto
  • 1 limone non trattato
  • olio
  • prezzemolo

I procedimenti sono proprio basilari…infatti la ricetta la posto non tanto per la particolarita’ ma quanto per la praticita’. Mettere a bollire l’acqua e cuocere la pasta secondo il normale procedimento. Nel frattempo tritare o sminuzzare con un coltellino il prosciutto…dipende da come vi piace vederlo. Io personalmete preferisco tritarlo perche’ si amalgama meglio , e grattuggiare il limone. Porre tutto in una terrina e gettarvi la pasta appena colata. Mescolare e aggiungere un filo di olio a crudo e del prezzemolo. Ecco qua…il piatto e’ pronto…che ne dite di provarlo immediatamente?

Tagliolini prosciutto cotto e limone

tagliolini prosciutto cotto e limone

I tagliolini prosciutto cotto e limone sono un primo molto sfizioso e sempre di grande riuscita…in genere piace a tutti in quanto rstano molto delicati e soprattutto sono superveloci, il condimento si prepara praticamente nel frattempo che l’acqua raggiunge il bollore. Questa e’ la versione calda

Tagliolini prosciutto cotto e limone,dose per due persone
  • 160 gr tagliolini
  • 100 gr di prosciutto cotto in una sola fetta
  • 1 limone non trattato (succo + buccia grattugiata )
  • 2 cucchiai di olio
  • 2 cucchiai di acqua
  • 1 scalogno

 

 

 

 

 

 

PREPARAZIONE:

 

 

Prima di tutto prendere il prosciutto cotto e tagliarlo a listarelle, grattuggiare il limone e spremerne il succo.

In una capiente padella affettare lo scalogno, aggiungere 2 cucchiai di olio e 2 cucchiai di acqua ( cosi’ permettiamo allo scalogno di appassire evitando pero’ il soffritto). Quando appunto vediamo che lo scalogno e’ sufficientemete appassito aggiunger le listarelle di prosciutto cotto e a fuoco molto basso lasciarle cuocere per pochi minuti, il tempo necessario per far sprigionare il sapore , state attenti a non farle rosolare troppo…se ne andrebbe il gusto. Dopodiche’ aggiungere il limone con la buccia grattuggiata e spegnere nel caso che la pasta non sia ancora cotta.

Nel frattempo appunto lessate la pasta, a cottura ultimata scolarla, metterla nel condimento, riaccendere il fuoco e amalgamare aggiungendo un po’ di acqua di cottura per evitare che siano troppo asciutti.

Servite caldi magari decorando con altro limone grattuggiato.

Questa e’ la versione calda, ma amo farla anche d’estate, l’unica differenza sta nell’usare pasta corta, e non cuocere il condimento, quindi in una pirofila metteremo prosciutto, limone grattuggiato, poco succo e pasta…in questo caso pero’ e’ preferibile aggiungere dell’olio a crudo.