Ravioli di borragine, i suoi fiori e pesto di baccelli

ravioli di borragine

In primavera le erbe spontanee crescono rigogliose nei prati e tra le rocce. E’ il caso della borragine, che con i suoi meravigliosi fiori rallegra le ultime giornate fredde. Le sue foglie e i suoi fiori sono commestibili e sono molto ricchi di nutrienti. Oggi approfittiamo di questa meraviglia della natura e prepariamo dei ravioli di borragine, i suoi fiori e pesto di baccelli per creare ancora una volta una ricetta gustosa, salutare e anti spreco.

Borragine: perché fa bene
(Tratto da www.anagen.net)

E’ conosciuta per i suoi bellissimi fiori blu brillante a forma di stella.

Contiene fitoestrogeni associati con il suo uso tradizionale per aumentare il latte materno nelle puerpere e per regolare la funzione ormonale.

Questa azione riequilibratrice può avere una influenza diretta sullo sviluppo del seno, che possiede recettori di estrogeni che attirano naturalmente gli ormoni femminili prodotti naturalmente dal corpo grazie all’effetto dei fitoestrogeni.

Ma non c’è assolutamente nessun pericolo di una ‘overdose di estrogeni’ !

I fitoestrogeni stimolano semplicemente la produzione ormonale quando questa è carente – e sono totalmente sicuri e privi di effetti collaterali, al contrario degli ormoni sintetici. In realtà, i fitoestrogeni *non* sono veri e propri ormoni (avete mai sentito di piante con gli ormoni?!), ma solo sostanze naturali che regolano la produzione ormonale.

Stimolando la produzione di estrogeni buoni, i loro effetti sullo sviluppo del seno potrebbero essere ben visibili sin dalle prime settimane d’uso.

Altre caratteristiche e proprietà: questa erba è ricca di minerali essenziali quali calcio e potassio, acido palmitico e tannini, e acidi grassi essenziali Omega-6 – acido gammalinoleico (24%) e acido linoleico (38%) -, necessari a una corretta funzione cardiovascolare e a mantenere pelle e unghie sane.

L’olio di borragine è stato usato per curare l’artrite reumatoide, eczemi, psoriasi, disfunzioni coronarie, pressione alta e colesterolo alto.

Ingredienti per 4 persone

Ingredienti per la pasta fresca:

  • 300 g di farina
  • 2 uova e 1 albume
  • sale

Ingredienti per la farcia:

  • 500 g di borragine
  • 200 g di ricotta
  • 100 g di formaggio grattugiato
  • sale
  • pepe

Ingredienti per il condimento:

  • 200 g di baccelli di piselli
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • 30 g di pinoli
  • olio evo
  • sale
  • pepe

Ingredienti per la decorazione:

  • piselli
  • fiori di borragine essiccati
  • pinoli
  • pomodoro

Procedimento:

  1. Preparate la pasta fresca inpastando gli ingredienti a mano o utilizzando la planetaria. Formate una palla elastica e soda e lasciate riposare coperta da pellicola per 30 minuti in frigorifero.
  2. Sbollentate la borragine in acqua bollente e salata per 10 minuti circa dal bollore, scolatela, strizzatela e tritatela grossolanamente.
  3. Unite la borragine alla ricotta, aggiungendo poi il formaggio grattugiato e regolando di sale e di pepe.
  4. Stendete la pasta fresca no eccessivamente sottile, dato il ripieno umido e formate i ravioli.
  5. Preparate il pesto di baccelli. Lavate i baccelli dei piselli , privateli del filo e cuoceteli al vapore per 10 minuti circa. Passateli al passaverdure. Frullateli poi con il formaggio grattugiato, i pinoli, l’olio evo, il sale e il pepe, ottenendo una sorta di pesto.
  6. Cuocete i ravioli per pochi minuti in abbondante acqua salata e bollente, scolateli e conditeli con il pesto di baccelli.
  7. Decorate i ravioli di borragine con i suoi fiori, i pinoli tostati e qualche goccia di concentrato di pomodoro.

 

Fonti: anagen.net

 

Precedente Cordon bleu con gambi di asparagi e mozzarella Successivo Involtini di sogliola e gambi di asparagi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.