Crackers di quinoa con olive e semi di girasole | Ricetta crackers senza glutine e lievito

Chiamateli “spezzafame“, chiamateli “vizietti”, chimateli come vi pare, ma i crackers, come i grissini e il pane, non possono davvero mancare. Soprattutto quando la fame improvvisa ci assale. Se poi sono vegan e gluten free, chi resiste? Ecco i crackers di quinoa con olive e semi di girasole. Perfetti per arricchire il cestino del pane. Facilissimi da preparare. Si conservano per qualche giorno.
I crackers di quinoa sono perfetti per la merenda dei bambini e sono pratici da portare in giro e al lavoro.

Idee per stuzzicare senza troppi pensieri…
On line è possibile trovare molte altre varianti dei crackers di quinoa:
Crackers di quinoa con olive e semi di girasole | Ricetta crackers senza glutine e lievito
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 più riposo minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    10-12
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 300 g Farina di quinoa
  • 70 ml Olio di semi di vinacciolo (o di semi di girasole)
  • 50 ml Acqua tiepida
  • 30 g Semi di girasole
  • 10 Olive verdi (denocciolate)
  • 3 pizzichi Sale
  • 1 pizzico Pepe
  • q.b. Origano ((facoltativo))

Preparazione

    1. Versate la farina di quinoa in una ciotola, aggiungete l’acqua tiepida, l’olio di semi di vinacciolo e mescolate tutti gli ingredienti, unite il sale, il pepe, l’origano, qualche seme di girasole spezzettato e le olive tagliate finemente.
    2. Impastate il tutto per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio.
    3. Coprite l’impasto con pellicola  e lasciate riposare per 15-20 minuti in un luogo asciutto e non troppo caldo.
    4. Stendete l’impasto fino ad ottenere uno strato rettangolare dello spessore di 3-4 millimetri e con una rotella dentellata tagliate in tanti rettangoli, della dimensione che preferite.
    5. Trasferite il tutto sulla placca e su ogni crackers di quinoa disponete i semi di girasole e qualche fiocco di sale
    6. Infornate per 20 minuti a 180°C.
    7. Lasciate raffreddare i crackers di qiona su una gratella.

Note

Semi oleosi, perché fanno così bene?

I semi oleosi sono composti soprattutto da grassi polinsaturi, detti anche  “grassi buoni”. Parliamo degli acidi grassi Omega 3 e Omega 6 assolutamente necessari per il nostro organismo dato che da solo non riesce a produrli e a sintetizzarli. E allora impariamo a mangiarne di più!

Se ti piace la mia raccolta di ricette

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Fragole, irresistibilmente buone e sane, da mangiare tutti i giorni Successivo Torta di ceci con spinaci, piselli e asparagi

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.