Biscotti morbidi alla banana con farina di miglio bruno e uvetta

Scommettiamo che ognuno di voi ha in casa almeno una banana ormai troppo matura, di quel colore marroncino poco invitante, a cui manca davvero poco per finire nel bidone dell’umido?
Ecco. Quella banana non buttatela e prepariamo insieme i Biscotti morbidi alla banana, con farina di miglio bruno e uvetta. Una ricetta pensata per i bambini ma non solo. La preparazione di questi biscotti morbidi alla banana non prevede l’uso di glutine, uova e latte e derivati. Le farine potete tranquillamente sostituirle.

Biscotti a non finire:

Biscotti alla banana con farina di miglio bruno e uvetta
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20-25 minuti
  • Porzioni:
    16-20
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 200 g Farina di miglio bruno
  • 100 g Farina di mais fioretto
  • 100 g Farina di riso
  • 120 g Zucchero ((anche di canna))
  • 50 g Uvetta
  • 100 ml Acqua
  • 50 ml Olio extravergine d’oliva
  • 1 Banana (molto matura)
  • 1 cucchiaino Lievito in polvere per dolci ((o bicarbonato))
  • pizzico Sale

Preparazione

  1. Biscotti alla banana con farina di miglio bruno e uvetta
    1. Nella planetaria versate la farina di miglio bruno, la farina di mais e la farina di riso.
    2. Aggiungete il lievito e mescolate.
    3. Unite la banana schiacciata, l’olio extravergine d’oliva, l’acqua e l’uvetta.
    4. Lavorate l’impasto per qualche minuto.
    5. Ricoprite una teglia con la carta da forno ed accendete il forno a 180°C.
    6. Aiutandovi con le mani sporche di farina, lavorate l’impasto fromando delle polpette appena schiacchiate, che passerete subito dopo nello zucchero semolato e che disporrete sulla teglia.
    7. Cuocete i biscotti morbidi alla banana per 20-25 minuti circa.
    8. Lasciateli raffreddare su una gratella.
    9. Si conservano per più di una settimana in una scatola di latta foderata di carta per alimenti.

Note

Miglio, questo sconosciuto

Quasi dimenticato e ritornato in auge negli ultimi anni, il miglio bruno rappresenta la forma selvatica del miglio. Appartenente alla famiglia dell’avena, questo pseudo-cereale naturalmente privo di glutine che, tra le sue mille virtù, favorisce la crescita dei capelli, contrasta la fragilità delle unghie e la degenerazione di ossa e articolazioni.
 Il miglio ha ottimi effetti soprattutto per le madri che allattano e per i bimbi in fase di crescita e dentizione.

Se ti piace la mia ricetta

puoi ricevere direttamente la mia newsletter

(trovi il form in home page)

Oppure

seguimi sulla pagina Facebook e diventa Fan.

Mi trovi anche su Twitter Google+ Pinterest

Se vuoi vistare il nostro sito clicca su

cadalera.it

oppure seguici su 

Facebook

Twitter

Istagram

Torna alla home

Precedente Insalata di finocchi, dressing al mandarino e arachidi Successivo Tortine vegane e senza glutine con mandarini, mele e nocciole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.