Moussaka, ricetta greca

Piatto tipico della cucina greca, la moussaka è un delizioso sformato di carne e melanzane, molto apprezzato da chiunque abbia la fortuna di soggiornare in questo splendido paese. Come ogni ricetta popolare, anche della moussaka ci sono molte varianti: nella ricetta originale le patate e le melanzane vengono fritte in olio bollente, un po’ come accade nella nostra parmigiana (io preferisco cuocerle in forno con poco olio, in modo che risultino più leggere); molto spesso nella moussaka greca si usa la carne di agnello, che io ho sostituito con carne di maiale, di vitellone e con la salsiccia. Non credo inoltre che si usi il parmigiano, più probabilmente un formaggio di pecora stagionato. Alcuni, infine, non mettono le patate come base per la moussaka: io invece le trovo perfette per assorbire l’eventuale eccesso di olio che si forma in cottura, rendendo quindi lo sformato più compatto. La preparazione è un po’ laboriosa (anche se la maggior parte delle operazioni possono essere fatte in anticipo), ma il risultato vi ripagherà: quando assaporerete la delicatezza della besciamella, che forma uno strato cremoso e dorato, lasciare il posto all’esplosione di sapore delle melanzane e della carne, vi assicuro che non vi ricorderete più del tempo speso a prepararla!

Moussaka ricetta greca il chicco di maisDella moussaka è disponibile anche la videoricetta, seguimi sul mio canale YouTube!

Ricetta della moussaka

Ingredienti per 6 persone:

  • 200 g di carne di vitellone macinata
  • 200 g di carne di maiale macinata
  • ½ bicchiere di vino bianco secco
  • 2 salsicce di maiale (circa 200 g)
  • 3 melanzane medie (circa 1 kg)
  • 2 patate grandi (circa 650 g)
  • 1 litro di besciamella (per la ricetta vedi qui)
  • ½ bicchiere di passata di pomodoro
  • 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 70 g di olio evo
  • ½ cipolla
  • ½ carota
  • 1 gambo di sedano
  • Qualche foglia di basilico
  • Sale qb

Procedimento (preparazione: 20 min. cottura: 2 ore):

Per prima cosa prepariamo il ragù di carne, che dovrà cuocere almeno 1 ora e mezzo e risultare piuttosto asciutto (anche la quantità di pomodoro infatti è piuttosto esigua). Tritate finemente la cipolla e il sedano e fateli dorare assieme alla carota in 2 cucchiai di olio (1). Quando la cipolla sarà dorata aggiungete la carne macinata (ma non la salsiccia) e un pizzico di sale e fate dorare a fiamma media, spezzettando la carne con un cucchiaio di legno (2). Appena il macinato comincia a prendere colore aggiungete anche le salsicce spellate a pezzetti (3) e fate cuocere ancora per 2-3 minuti, sempre mescolando.

Quando anche la salsiccia avrà preso colore alzate la fiamma e sfumate con il vino bianco, fate evaporare e aggiungete la passata di pomodoro (4). Abbassate la fiamma, coprite con un coperchio e fate sobbollire per un’ora e mezzo, mescolando di tanto in tanto. Nel frattempo preparate le verdure: sbucciate le patate e tagliatele a fettine non troppo sottili per il verso della lunghezza (5). Mettetele su una teglia foderata di carta forno, spennellatele con un po’ d’olio (6) e salate leggermente. Cuocetele in forno già caldo a 200° (ventilato) per 20 minuti.

Tagliate anche le melanzane a fettine non troppo sottili per il verso della lunghezza (7), mettetele su una teglia foderata di carta forno, spennellatele con un po’ d’olio (8) e salate leggermente.

Cuocete anche le melanzane in forno ventilato a 200°, per circa 10 minuti. Quando saranno dorate togliete dal forno le patate (9) e le melanzane (10) e fatele intiepidire per un paio di minuti.

Prendete un’ampia teglia e ungetela con un filo d’olio. Adagiatevi uno strato di patate, posizionandole ben vicine fra loro (11); se necessario potete anche sovrapporle leggermente. Formate sopra di esse uno strato di melanzane, avendo cura di far fuoriuscire per metà quelle ai lati dai bordi della teglia (12).

A questo punto il ragù dovrebbe essere pronto. Spegnetelo e aggiungetevi qualche fogliolina di basilico (13). Fatelo intiepidire, quindi versatelo sullo strato di melanzane, distribuendolo bene su tutta la superficie della teglia; spolverizzate con il parmigiano grattugiato (14). Coprite il centro della moussaka con altre melanzane, lasciando libero il bordo (15). Ripiegate quindi le melanzane del primo strato sul bordo del secondo, in modo che il ragù rimanga ben racchiuso in questo guscio di melanzane (16). Coprite con la besciamella, formando uno strato abbastanza spesso (17).

Cuocete la moussaka in forno già caldo a 180° (statico) per circa mezz’ora, finché lo strato di besciamella non risulti dorato (potete anche accendere il grill a fine cottura per un paio di minuti). Sfornate e fate riposare per 5 minuti (18). Servite la moussaka tagliata a fette, calda oppure tiepida (io la preferisco tiepida, si gusta meglio il sapore delle verdure).

Se ti è piaciuta la ricetta della moussaka segui il Chicco di Mais anche su Facebook, Twitter e Google+ e clicca qui per scoprire tutte le ricette greche!

Precedente Gelatina di fragole (ricetta light) Successivo Vellutata di fagioli con cialde al parmigiano (ricetta piatto freddo)

28 commenti su “Moussaka, ricetta greca

  1. Povera Grecia, la tragedia che sta vivendo in questi momenti, non può farci dimenticare il patrimonio culturale e artistico lasciatoci e la bontà di un piatto che ho avuto la fortuna di assaggiare. Divino !!

    • ilchiccodimais il said:

      Grazie! Non sapevo facessero la moussaka senza besciamella, quando sono stata in Grecia l’ho sempre mangiata così. Però può andar bene se si vuole risparmiare qualche caloria!

  2. che buona che èèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèèè ho fatto 2 anni le vacanze in grecia e un anno nella zona greca di cipro ed ho vissuto di moussaka lo adoro,ti è uscito veramente bene!!! anche io l’ho sempre mangiato senza besciamella ma con feta grattugiata sopra e in mezzo e ragù alternato a strati di patate…in ogni caso quale sia la vera ricetta originale non lo so…so solo che tutte sono fantastiche!!!!!!!!!!!!!!!!!e la tua ti è uscita…da mangiare in un sol boccone!!!

    • ilchiccodimais il said:

      Ecco, si imparano tante cose condividendole! Io sono stata a Corfù, e lì l’ho sempre mangiata così. In effetti sul ragù di sicuro c’era qualche tipo di formaggio, ma non credo la feta, probabilmente l’avrei riconosciuta 🙂

  3. Ho fatto terno!!!
    1) Mi piace da matti la Moussaka
    2) Mi piace moltissimo la tua versione (rubo posso???)
    3) La Grecia a livello di isole è uno dei posti che prediligo per le ferie

    Ciao a presto 😀 🙂

  4. paola il said:

    L’ho mangiato anni fa ad Atene e mi era stra piaciuto….ma non l’ho mai fatto io. E’ il caso che ci provi quindi :-). Sono venuta a trovarti anche io Francesca…e ti ringrazio di passare spesso nel mio blog….( che è solo all’inizio e non così ricco come il tuo )

  5. Nikita il said:

    Salve,la moussaka originale greca prevede solo esclusivamente carne di agnello.Non manzo nemmeno maiale.Carne di agnello trita,non magra.La si fa solo con patate,o solo con melanzane.Mai tutte due insieme.Questa variante sopra credo sia buonissima ma non e la ricetta originale.In ogni caso non si usa la besciamella ma solo il formaggio di pecora stagionato.Non la fetta greca.La variante della cottura al forno delle melanzane sia credo meno calorica,ma l’originale prevede friggerli nel olio.Buona giornata.

    • ilchiccodimais il said:

      Ciao Nikita, le tue osservazioni sono giustissime (quasi tutte, in Grecia la moussaka più buona che abbia mangiato conteneva sia patate che melanzane e sempre c’era uno strato abbondante di besciamella 😉 ). Come d’altronde ho premesso nella parte introduttiva, nella mia ricetta ho apportato qualche modifica per adattarla al gusto e agli ingredienti disponibili in Italia, quindi no, non è senz’altro la ricetta originale. I suggerimenti che dai tu sicuramente sono indicazioni preziose per chi vuole preparare una moussaka molto più vicina all’originale 😉

      • Mikroula il said:

        Ciao! Leggo solo ora questa ricetta! Io vivo in Grecia, e mia suocera (greca!) la fa così come l’hai fatta tu ma con melanzane e patate soffritte e non al forno. Ma comunque utilizza il tritato misto e la besciamella quindi è un’altra versione originale la tua ma resa più leggera dalla cottura al forno (così la fa la mia testimone di nozze greca, quindi comunque non è “sbagliata”!!!)

        • ilchiccodimais il said:

          Ciao Mikroula, grazie per il tuo messaggio; in effetti credo che come per molte ricette italiane ci siano diverse versioni. La parmigiana di melanzane, ad esempio, da ricetta andrebbe fatta sempre con le melanzane fritte a immersione, ma io la trovo troppo pesante. Per cui spesso ripiego su una cottura al forno come questa, che rispetto alla frittura o alla cottura in padella è anche più veloce 😉 In Grecia sono stata solo una volta, a Corfù per la precisione, e ho mangiato una moussaka deliziosa; tornata a casa ho provato a riprodurla, basandomi su un po’ di ricette che ho visto in giro ma soprattutto sui ricordi di quella mangiata in vacanza. E, da allora, la faccio sempre così 🙂

      • Giorgio Brioschi il said:

        la moussaka che proponete è quella che mangiano tutti i turisti nei ristoranti “per soli turisti”. La besciamella è stata aggiunta solamente negli anni 30 del 1900 da Nikos Tselementes, chef Greco originario dell’isola di Sifnos che ha lavorato in Francia e in altri ristoranti europei. La ricetta originale è senza besciamella ed è molto simile a quella turca. La besciamella nei ristoranti, soprattutto per turisti, la aggiungono per due motivi: 1 per usare meno ingredienti nobili; 2 perché viene sempre preparata in anticipo e poi riscaldata al microonde. Ognuno è libero di farla come vuole, ma è come fare il risotto alla milanese senza riso carnaroli, burro, midollo, parmigiano e zafferano in pistilli di ottima qualità.

        • ilchiccodimais il said:

          Ciao Giorgio, grazie per il tuo commento. Io l’ho sempre vista e mangiata con la besciamella, ma c’è da dire che, pur cercando di evitare posti turistici, in Grecia ero appunto una turista, per cui non sono certo andata in giro nei paesini sperduti e frequentati solo da locali, bensì come puoi immaginare nelle più belle e note località di mare

  6. Sono stato molti anni in Grecia, in differenti zone, ed ho mangiato spesso la Moussakà. La ricetta più frequente è quella di melanzane (quella con patate è meno comune) fritte, carne macinata di manzo e agnello, oppure manzo e maiale; a volte solo agnello. Salsa di pomodoro e poca cipolla, basciamella e formaggio (poco pecorino). In definitiva la Tua ricetta. Tendendo a non complicare. Cottura prolungata al forno, si devono amalgamare i sapori, come per la nostra (napoletana) Parmigiana. Devono prevalere le melanzane, in più strati, guarnite con abbondante, (2 cm) per strato, ragù; infine la basciamella e formaggio, ultimo strato di 2-3 cm. Lo strato di basciamella ha la funzione delle nostre lasagne, ammorbidice il gusto e accompagna il piatto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.