Brodo vegetale, ricetta base

Come preparare in casa il brodo vegetale con metodo tradizionale o in pentola a pressione, con consigli su quali verdure scegliere e sullo svezzamento

Il brodo vegetale è una ricetta base che in cucina è indispensabile per la preparazione di tantissimi piatti: per la cottura di risotti e zuppe, ma anche per insaporire arrosti e carni in umido, per preparare minestrine da svezzamento, per far rinvenire il couscous e come base per alcune salse. Insomma, se come me non usate il dado, un po’ di brodo vegetale dovreste averlo sempre a disposizione! Tanto più che, una volta preparato, potrete congelarlo nelle vaschette per il ghiaccio e tirarlo fuori nel momento del bisogno.

Quali verdure mettere nel brodo vegetale

La ricetta base del brodo vegetale prevede sostanzialmente carota, sedano e cipolla, che sono ingredienti imprescindibili; a queste si aggiungono delle verdure che donano al brodo vegetale sapore e colore, ma di cui potete fare a meno se non le avete disponibili (patate, pomodoro, aglio, zucchine, bieta, cavolo, pepe in grani, prezzemolo…). Il risultato finale cambierà sia in termini di colore – con zucchine, bieta e cavolo avrà un colore più tendente al verde, con il pomodoro tenderà più al rosso – sia in termini di sapore: più dolce e delicato con solo carote, sedano e cipolla, più pungente e saporito se usate, ad esempio, cavoli e broccolo.

Brodo vegetale: acqua calda o acqua fredda?

Poiché quando prepariamo il brodo vegetale la nostra intenzione è quella di far confluire nel brodo stesso tutti i nutrienti delle verdure, la pratica corretta è quella di partire dall’acqua fredda, ossia di tuffare le verdure in pentola con acqua a temperatura ambiente e poi accendere il fuoco.

Preparare il brodo vegetale in casa è facilissimo, quindi bando a dadi e strani additivi confezionati e tenetene sempre una scorta in freezer! Io vi lascio la ricetta che uso più spesso, ma a seconda dei gusti e delle stagioni potete prepararlo con le verdure che preferite.

brodo vegetale ricetta base tradizionale e in pentola a pressione consigli svezzamento il chicco di mais
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    1 ora
  • Porzioni:
    1 litro circa
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

Ingredienti fondamentali per il brodo vegetale

  • 1,5 l Acqua
  • 2 Carote
  • 2 coste Sedano
  • 1 Cipolla
  • q.b. Sale

Verdure da aggiungere a piacere

  • 1 patata (media)
  • 1 spicchio Aglio
  • 200 g Pomodori
  • 2 Zucchine
  • 6 foglie Cavolo nero
  • 5 foglie bieta
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • q.b. Pepe nero in grani (2-3 grani)

Preparazione

Ricetta del brodo vegetale in pentola tradizionale

  1. Per preparare il brodo vegetale iniziate pulendo le verdure: sbucciate la patata e tagliatela in due o tre pezzi (1). Lavate i pomodori (io avevo in casa i pachino, ma generalmente si usano quelli più grandi a grappolo oppure i sanmarzano) e incidetene la calotta con un taglio a croce (2). Dividete la cipolla in grossi spicchi (3). Lavate e spuntate le zucchine e tagliatele in grossi pezzi.

  2. Raschiate le carote e dividetela in 2 o 3 parti (4). Pulite il sedano, eliminando i filamenti, e tagliatelo in 3 pezzi (5).  Lavate accuratamente le foglie di bieta; eliminate dalle foglie di cavolo nero la venatura centrale e lavatele sotto l’acqua corrente. Lavate bene il prezzemolo, lasciando anche i gambi, e sciacquate anche l’aglio, lasciandogli la pellicola di rivestimento. Mettete tutti gli ingredienti in una capace pentola e aggiungete 1 litro e mezzo di acqua fredda (6). Mettete la pentola sul fuoco moderato e portate a bollore.

  3. Quando l’acqua bolle aggiungete un bel pizzico di sale (7), coprite con il coperchio e abbassate la fiamma. Lasciate sobbollire il brodo vegetale per circa 1 ora. Trascorso il tempo spegnete il fuoco e lasciate raffreddare (8). Filtrate il brodo vegetale facendolo passare attraverso un colino (9), in modo da eliminare ogni residuo delle verdure; se serve aggiustate di sale.

  4. Gustate il brodo vegetale da solo o con la pasta, oppure usatelo come base per minestre e risotti, oppure per insaporire arrosti e couscous.

Come conservare il brodo vegetale

  1. Il brodo vegetale si mantiene in frigorifero per 3-4 giorni, ben chiuso in un barattolo di vetro. Se volete congelare il brodo vegetale, la soluzione più semplice è usare delle vaschette per il ghiaccio: quando ne avrete bisogno, vi basterà aggiungere alla vostra preparazione qualche cubetto di brodo vegetale, senza bisogno di scongelarlo prima.

Brodo vegetale: tempi di cottura

  1. Il brodo vegetale richiede sicuramente un tempo di cottura inferiore rispetto a quello di carne; solitamente si considera un’ora da quando l’acqua raggiunge il bollore, tempo in cui il brodo non deve bollire a fuoco alto ma sobbollire, altrimenti si consumerà quasi del tutto. Se volete accelerare i tempi, potete tagliare le verdure in pezzi più piccoli, riducendo la cottura a 30-35 minuti. In questo caso, però, il brodo risulta generalmente più torbido.

    v_ brodo vegetale ricetta base tradizionale e in pentola a pressione consigli svezzamento il chicco di mais

Brodo vegetale in pentola a pressione

  1. Per diminuire notevolmente i tempi di cottura del brodo vegetale, potete usare la pentola a pressione; procedete come da ricetta, pulendo e tagliando le verdure. Mettetele nella pentola a pressione insieme all’acqua e ad un pizzico di sale, chiudete ermeticamente con il coperchio e mettete sul fuoco. Cuocete il brodo vegetale in pentola a pressione per 30 minuti dal fischio, regolando la fiamma a media intensità o comunque abbassandola quel che basta affinché produca un fischio constante.

Brodo vegetale: utilizzi in cucina

  1. Il brodo vegetale, come detto, è una delle preparazioni base che più si utilizzano in cucina. Può essere gustato da solo, semplicemente con un po’ di pastina o di riso, oppure costituire la base per le pappe durante lo svezzamento dei bambini. Più frequentemente il brodo vegetale si usa per insaporire altre preparazioni.

    Quasi onnipresente nelle ricette dei risotti, a meno che non si preveda l’uso di brodo di carne o di fumetto di pesce; per allungare zuppe, vellutate o minestre, come pasta e ceci o pasta e patate; per bagnare il fondo di cottura di verdure stufate (ad esempio in questa ricetta di piselli e carote), di piatti a base di carne (io lo uso spesso per il polpettone cotto al tegame) oppure di pesce (come seppie e piselli). Per far rinvenire il couscous, sia che lo condiate poi con semplici verdure o con pesce e carne.

    o_ brodo vegetale ricetta base tradizionale e in pentola a pressione consigli svezzamento il chicco di mais

Brodo vegetale per lo svezzamento

  1. Durante lo svezzamento il brodo vegetale è generalmente una delle prime preparazioni che vengono somministrate ai lattanti, sia da solo con un po’ di pastina che per idratare creme e pappe varie, come semolino e crema di riso. Si inizia generalmente con un brodo vegetale leggero, preparato di solito con carota, cipolla, patata e qualche foglia di lattuga. Si fanno bollire le verdure, pulite e tagliate in pezzi, per circa un’ora, quindi si filtra bene il brodo; normalmente non si aggiunge sale.

    Con il passare delle settimane, si introducono via via altre verdure: zucchine, sedano, finocchio, bieta, cavolo, broccoli, pomodoro e anche legumi; i tempi di cottura rimangono gli stessi, ma generalmente si aggiunge alla pappa anche un cucchiaio o due delle verdure usate per il brodo, dopo averle frullate. Prima di iniziare lo svezzamento o di aggiungere nuovi alimenti alla dieta del bambino è fondamentale comunque sentire il parere del pediatra e seguire scrupolosamente le sue indicazioni.

Come utilizzare le verdure del brodo vegetale

  1. Le verdure che abbiamo usato per preparare il brodo vegetale non saranno più ricche di molti nutrienti, perché li avranno ceduti al brodo stesso. Conservano però importanti fibre, oltre che un buon sapore e quindi, anziché gettarle, possiamo utilizzarle per preparare altri piatti.

  2. Per una minestra di verdure

    Frullate le verdure o schiacciatele con una forchetta, aggiungete un po’ di brodo vegetale e mettete il composto sul fuoco. Quando bolle, unite un po’ di pasta piccola (cannolicchi, ditalini o spaghetti spezzati) oppure di riso e fate cuocere e addensare a piacere. A cottura ultimata e fuori dal fuoco, unite un po’ di parmigiano grattugiato.

    det_brodo vegetale ricetta base e con pentola a pressione
  3. Purè di verdure miste

    Un’altra idea per usare le verdure del brodo vegetale è preparare una sorta di purè di verdure miste: schiacciate le verdure con una forchetta o frullatele nel mixer; unitevi sale, burro, un pizzico di noce moscata e poco latte; mettete il composto sul fuoco e fatelo bollire per qualche minuto finché non si addensa. Servitelo come contorno.

Note

Se ti è piaciuta la ricetta del brodo vegetale segui il Chicco di Mais anche su FacebookTwitter e Pinterest mentre qui trovi la sezione dedicata alle ricette base!

Precedente Castagnole salate al formaggio Successivo Pasta e patate alla napoletana con provola

4 commenti su “Brodo vegetale, ricetta base

  1. l’aglio io non lo metto,ma gli altri ingredienti sono gli stessi!!!io però li taglio a pezzettini e quando metto la pastina magno tutto insieme,provalo così…..
    ciao cara,buona giornata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.