Strudel di pere, marmellata di bucce e noci, ricetta vegan

strudel pere noci 2

Scommettiamo che le bucce di frutta e verdura le gettate? Sì vero? Questo è quello che ci trasmette il mercato, che ci trasmettono i media. Ma la verità è che nelle bucce di frutta e verdura sono contenute la maggior parte delle vitamine e dei sali minerali senza parlare dell’oltre 90% di contenuto di fibre. Allora cosa aspettate?
Oggi vi propongo un dolce goloso e allo stesso tempo eco sostenibile: uno strudel con pere, marmellata di bucce e noci.
Da oggi la parola d’ordine sarà vietato sprecare. Bastano pochi gesti per stare bene e risparmiare.

Vedi anche:


Ingredienti per la pasta:

  • 80 g di farina di riso
  • 80 g di farina semi-integrale
  • 80 g di farina 00
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • 2 cucchiai di sciroppo d’agave o d’acero
  • Acqua fredda q.b.

Ingredienti per la farcia:

  • 600 g di pere
  • 100 g di marmellata di bucce di pere
  • succo di 1/2 limone (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • cannella a piacere
  • i gherigli di 6 noci tritati grossolanamente

Per la marmellata di bucce di pere clicca qui

Preparazione:

  1. Tagliate grossolanamente metà  delle pere private della buccia e l’altra metà lasciatele naturali, con la buccia.
  2. Le bucce in eccedenza cuocetele in pentola con 50 g di zucchero di canna per 20 minuti dal bollore. Lasciate raffreddare
  3. Per la preparazione della pasta, riunite tutti gli ingredienti nella planetaria, cercando di ottenere un impasto liscio e leggermente appiccicoso.
  4. Avvolgete la  palla di pasta nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
  5. Per facilitare la stesura della pasta, vi conviene usare un grande canovaccio infarinato.
  6. Stendete la pasta, formando un rettangolo di circa 40 x 50, cospargete la superficie con il ripieno, ripiegate i lati lunghi del rettangolo sul ripieno per almeno 2 cm, (questo per evitare che le pere escano dal rotolo) poi con pazienza ad arrotolate la pasta.
  7. Saldate i bordi con dell’acqua. Aggiungete una spolverata di zucchero di canna e infornate a 180° per 30 minuti circa.
  8. Servire tiepido, accompagnato da gelato alla crema.

Ti vanno tanti altri golosi dolci eco sostenibili? Clicca qui. E scoprirai tutto un altro mondo..

ABBINAMENTO

RUM AGRICOLE DELLA MARTINICA AMBRATO

Il Rum è prodotto esclusivamente dalla fermentazione e dalla successiva distillazione del succo della canna da zucchero, della melassa e degli sciroppi derivati dalla lavorazione dello zucchero.
Il Rum si divide in due grandi famiglie: Rum industriale e Rum agricolo. Il Rum industriale deriva dalla distillazione della melassa, mentre quello agricolo viene prodotto esclusivamente dal succo puro della canna da zucchero e che prende il nome di “vesou”.
Tutti i rum così ottenuti, al pari dei prodotti derivanti dalla distillazione, risultano privi di colore, che gli verrà conferito in seguito attraverso l’invecchiamento in botti di quercia o di rovere o tramite l’aggiunta di caramello. A questo punto il distillato ha una gradazione alcolica molto elevata e per questo verrà allungato con acqua distillata che porterà il suo tenore alcolico intorno ai 40 gradi.
Il rum, o rhum, è ormai un simbolo delle Isole Martinica si produce il Rhum Agricolo, che proviene dalla distillazione del puro succo di canna da zucchero. E’ decisamente diverso dal rum industriale prodotto a partire dalla melassa, che è un sottoprodotto della fabbricazione dello zucchero.

 

Precedente Formaggio di anacardi Successivo Biscotti cuor di pera

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.