Crea sito

Polpo e patate con dressing al basilico e limone

 Polpo, patate, dressing, basilico, limone

Ecco un classico della cucina mediterranea che non tramonta mai, polpo e patate con dressing al basilico e limone. Un modo simpatico e soprattutto profumato per presentare e gustare un piatto semplice, ma sempre di grande effetto. Pratico per un pic-nic e perché no, da portare in spiaggia. Polpo e patate rimane sempre un pilastro della cucina dell’estate. Ricetta semplice, pronta in 25-30 minuti.

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di polpo
  • 300 g di patate
  • 1 limone
  • 1 cipollotto fresco
  • 2 carote
  • 3 o 4 foglie di alloro
  • sedano
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • pepe nero
  • sale

Polpo, patate, dressing, basilico, limone

 Procedimento:

Lavate le verdure, pelare le carote e mondate il cipollotto. Mettete le carote, il cipollotto, il sedano, l’alloro e il prezzemolo in una pentola capiente colma d’acqua, aggiungete il sale e portate a ebollizione. Quando l’acqua bolle, aggiungete le patate lavate ma non sbucciate. Aggiungete un po’ di olio extravergine d’oliva.
Immergete 2 o 3 volte il polpo nella pentola, tenendolo dalla testa, finché non si arricciano i tentacoli. Ora immergetelo completamente e lasciate cuocere per 20 minuti circa. Spegnete il fuoco e togliete le patate. Togliete il polpo e lasciatelo raffreddare e tagliatelo a pezzetti.
Mettete il polpo in una ciotola aggiungendo un filo d’olio. Sbucciate le patate, tagliatele e aggiungetele al polpo.
Preparate un’emulsione con olio, limone. Mettete il basilico spezzettato nel mixer, aggiungete l’emulsione e frullate il tutto, aggiunstando di sale se necessario.
Distribuite il dressing di basilico e limone sull’insalata di polpo e patate e servite.

Ti interessano altre ricette con il pesce?

 

Il mio abbinamento

VERDICCHIO DEI CASTELLI DI JESI

Il Verdicchio è il famoso vino bianco che nasce soprattutto nelle Marche. Deriva dall’omonima uva e deve il suo colore alla buccia della stessa, che rimane verde anche a completa maturazione.
Il Verdicchio ha generalmente un colore giallo paglierino e profumi di mela e di pesca, talvolta di frutta tropicale. Il suo gusto è fresco, grazie alla naturale acidità ed è particolarmente strutturato e ricco di alcolequilibrato e dal sapore finale di mandorla. Un vino bianco che può invecchiare qualche anno, soprattutto se tenuto al fresco e al buio in posizione orizzontale. Con il tempo, però, il vino perde le sue caratteristiche iniziali per modificarsi in aromi e gusti che possono non piacere a tutti. Per assaporare al meglio la freschezza del Verdicchio bisogna dunque berlo entro un paio d’anni da quando viene messo in commercio. Abbinamento perfetto.
Continua a leggere l’articolo: ” Verdicchio, il principe delle Marche“.

Pubblicato da mara

a tutto c'è un perchè..il mio è vino e cucina.e a ciascuno il suo....

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.