Crea sito

Finocchi gratinati SPRINT

 

Ho cucinato i finocchi gratinati sprint praticamente per caso… Mi sono trovata, come spesso accade, a dover cucinare un pasto a tempo di record così la soluzione più immediata è stata quella di ricorrere all’aiuto del buon amico forno!

Mi è bastato affettare i finocchi e dargli una veloce rosolata in padella per poi potermeli dimenticare in forno e dedicarmi alla preparazione di un altrettanto salutare filetto di trota salmonata.

Ed il pranzo è servito!

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 2Finocchi
  • 1 cucchiaioPangrattato
  • 1 cucchiaioOlio
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Lavate i finocchi, asciugateli e asportate le cime. Tenete le cime per cucinare un’ottima crema e tagliate i finocchi a fette spesse circa 1.5 – 2 cm.

    Scaldate una padella antiaderente e versatevi un cucchiaio di olio. Adagiatevi con delicatezza le fette di finocchi per evitare di disfarle e, mantenendo il fuoco vivace, lasciatele rosolare un paio di minuti quindi giratele e lasciatele dorare anche da questo lato.

  2. Salatele e pepatele quindi trasferitele all’interno di una pirofila; spolveratele con del pangrattato e cuocete in forno a 180° per circa 30 minuti.

  3. Incredibilmente semplici e veloci, i vostri finocchi gratinati sprint sono già pronti!

    Buon appetito 😉

Ti piace Profumo di Vaniglia?

Se volete essere sempre aggiornati sulle nuove pubblicazioni, seguitemi anche sulle mie pagine social: Facebook , InstagramTwitter ,  Pinterest

Cibo per la mente

Il mondo gira come questo fuso e la sola certezza è che il bene e il male si avvicenderanno sempre. Senza cambiamento non può crescere nulla di nuovo, e quando i vecchi disegni si ripetono questo accade in modo nuovo. Il volto della Signora cambia ma il suo potere persiste, il re che dona la sua vita per la terra rinasce per ripetere il suo sacrificio. A volte anch’io nutro dei timori, ma ho visto passare troppi inverni per non credere che dopo verrà sempre la primavera.

La signora di Avalon, Bradley

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.