Crea sito

Marrons glacés ricetta tipica piemontese

I marrons glacés sono castagne tipo marroni che vengono cotti per svariati giorni attraverso un procedimento di glassatura molto ricca e gustosa.
Il procedimento è piuttosto lungo e laborioso, si tratta infatti di giorni ma considerando la bontà di questa ricetta ne vale la pena.

Ho provato a cimentarmi seguendo diverse indicazioni, in primis quelle delle mie care amiche Luisella del blog Ricettosando e Anna del blog Cibo Vino e Parole, che ringrazio con tanto affetto, per ottenere dei marrons glacés quanto più vicini a quelli della vera tradizione piemontese; il sito a cui mi sono ispirato è questo.

 

Ingredienti:
1kg di marroni molto grandi, 1,5kg di zucchero semolato, 1,5 litri d’acqua, 1 bacca di vaniglia.

 

 

ricetta marrons glacés, peccato di gola

 

 

Preparazione:

 

  • per cominciare dovrete incidere i marroni sulla parte più grande della superficie;
  • fate attenzione a non tagliare anche i marroni ma soltanto il guscio.
  • In una pentola, vanno bene anche quelle non troppo grandi, mettete l’acqua sufficiente a coprire una decina di marroni (eviterete sprechi d’acqua e gas) e quando l’acqua raggiungerà il bollore contate 2 – 3 minuti e poi scolate: i marroni saranno pronti da pelare.
  • Ripetete questa operazione ogni volta fino alla fine di tutti i marroni.
  • Perché non farle tutte insieme? Rischiereste che la pellicina si asciughi e dovreste ripetere l’operazione rischiando di rovinare i marrons glacés.
  • Mano a mano che pelate le castagne mettetele in un recipiente con acqua fredda oppure se volete andare sul sicuro prendete una garza e raccogliete tutti i marroni e legateli in tanti pacchettini per poi immergerli nella pentola con l’acqua, mettetela sul fuoco e non appena raggiunge il bollore, in base alla grandezza, lasciate sobbollire per 15 – 20 minuti;
  • una volta cotti rimetteteli in acqua fredda per rassodare.
  • Passate adesso allo sciroppo: mettete lo zucchero e l’acqua in un tegame e lasciate che questo diventi dorato, non appena raggiunge la colorazione versateci la bacca di vaniglia aperta e lasciate profumare per qualche minuto.
  • Togliete il baccello e immergete con molta delicatezza i pacchettini con i marroni nello sciroppo, lasciate cuocere a fuoco dolce per un minuto e poi spegnete e lasciate riposare per 24 ore.
  • Il giorno dopo riprendete i pacchettini con i marroni, lasciate che lo sciroppa raggiunga il bollore e poi rimettete i pacchetti a cuocere a fuoco dolce per 3 – 4 minuti e lasciate riposare di nuovo per 24 ore.
  • Ripetete per altri 2 giorni.
  • L’ultimo giorno potrete tagliare i sacchettini, se fossero troppo appiccicati tra loro lasciate scaldare qualche istante e separarli, poi adagiate i marrons glacés su una gratella ad asciugare e versateci un po’ di sciroppo sulla superficie.

Restiamo in contatto!
Iscriviti sul mio canale di YouTube e sulla mia Fan Page di Facebook, ti aspetto! 🙂

Pubblicato da Giovanni Castaldi

Giovanni classe 86, sono un partenopeo doc, con la grande passione per la cucina! Adoro sperimentare dal dolce al salato indistintamente e ho questo piccolo spazio dove condivido le mie ricette. Segui anche le mie video su Giallo Zafferano!

8 Risposte a “Marrons glacés ricetta tipica piemontese”

  1. ci vuole tempo…però che bello potersi far tutto da soli! io ho una crema di marroni da tanto tempo ho trovato una ricetta magari domani la preparo…..mi indicheresti qualche ricetta?? magari cambio idea ahahaah

  2. Ma sono una meraviglia!!! Il procedimento è complicato ma direi che ne vale proprio la pena….bellissimi e buonissimi! Complimenti 😀

  3. Vado matta per i marron glaces e siccome qui in Spagna non si trovano facilmente e quando si trovano costano tantissimo, mi piacerebbe molto farli da me in casa. Grazie quindi per la ricetta, la userò sicuramente! Non ho però capito bene la questione dei pacchettini: quante castagne devono contenere? Si può anche fare senza pacchettini?

    1. Ciao, si puoi fare senza pacchettini però rischi che si rompano, poi se non ti interessa che si possano spaccare a metà ben venga 😉 altrimenti li raggruppi, non c’è un numero preciso, una decina tipo vanno bene 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.