Charlotte al limone

Quando torno a Napoli uno dei posti che cerco di visitare sempre è la magnifica Costiera Amalfitana. La disposizione delle abitazioni lungo l’abbraccio di terra che cinge il mare, i suoi panorami e poi i colori, i suoni e i profumi nell’aria. L’atmosfera è romanticamente magica. E c’è qualcosa a cui poi sono indissolubilmente legato: i limoni. Quelli della costiera sono davvero speciali! Grandi, giallo paglierino, profumatissimi come nessun altro. La scorza rugosa, se viene leggermente sollecitata spruzza un po’ di profumo, nemmeno fosse la pompetta con cui si spruzzavano i profumi una volta.
Il sapore del limone è uno dei più complessi da spiegare. La sua carica acida è molto potente ma non disgusta perché non è irrobustita dalla nota amara del pompelmo né da quella dolce dell’arancia. Insomma, sembra mettersi tra i grandi opposti.

Insomma, ho scritto una parte di questa ricetta soltanto per spiegare quanto io ami i limoni. Ma dove voglio arrivare? Alla ricetta del giorno, la charlotte al limone! Questo fresco dessert è molto elegante perciò sarà perfetto da servire non solo come fine pasto ma anche come dolce per un compleanno o per fare una bella figura. Il suo sapore fresco e gradevole sarà gradito a quelli che preferiscono in assoluto i dolci al cioccolato. Posso garantire a nome di chi ha provato la mia charlotte al limone piuttosto sfiduciato 😉

La caratteristica di questa preparazione è la pasta di limoni. Si tratta di una chicca da non perdere e che normalmente viene utilizzata in pasticceria per realizzare dessert svariati e per insaporire il panettone. Perciò, se ami mettere le mani in pasta, non perderti la ricetta!

Intanto ti ho parlato della mia ricetta della charlotte al limone, adesso aspetto le tue foto taggandomi su Instagram e utilizzando l’hashtag #giovannicastaldi.

A presto!

Gio’

ricetta charlotte al limone, peccato di gola di giovanni
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    60 minuti
  • Porzioni:
    Dosi per uno stampo da 18 cm
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Ingredienti per un anello da 18 cm

  • Savoiardi 17
  • Mascarpone 250 g
  • Panna fresca liquida 300 g

Per la pasta di limoni

  • Limoni (biologici) 250 g
  • Zucchero 125 g

Per la decorazione

  • Panna fresca liquida 150 g
  • Acqua 150 g
  • Zucchero 75 g
  • Limoni (bio) 3 fette
  • Limoni 2 foglie

Preparazione

Preparazione della pasta di limoni

  1. Per preparare la charlotte al limone partiamo dalla pasta di limoni. Dopo averli lavati accuratamente, asciugali, tagliali a pezzi grossolani e cospargi di zucchero. Mescola e poi lascia macerare per un’oretta. Trascorso il tempo versa in un pentolino d’acciaio e cuoci per circa 20 minuti a fiamma media. Fai intiepidire qualche minuto prima di trasferire il composto nel boccale del mixer ad immersione, in questo modo potrai frullare fino ad ottenere una purea liscia; aggiungi dell’acqua al bisogno.

    charlotte al limone, peccato di gola di giovanni 1

Preparazione della charlotte al limone

  1. Aggiungi al mascarpone la pasta di limoni (fredda se l’hai preparata appositamente per la ricetta) e lavora qualche istante finché il tutto non è ben incorporato. Infine monta la panna fino ad ottenere un composto morbido e gonfio, non a neve.

    charlotte al limone, peccato di gola di giovanni 2
  2. Incorpora una parte energicamente per ammorbidire la crema e poi la restante parte con molta delicatezza, facendo movimenti dal basso verso l’alto. Metti da parte in frigorifero e passiamo ai savoiardi, dovrai tagliarli a 6 cm di lunghezza.

    charlotte al limone, peccato di gola di giovanni 3
  3. Sul piatto da portata sistema un anello da pasticceria da 18 cm, o eventualmente l’anello di uno stampo, e disponi all’interno i savoiardi fino a formare una corona. Riprendi la crema dal frigo e versala nel mezzo. Livella accuratamente la superficie e riponi in congelatore per almeno 1 ora.

  4. Adesso dedichiamoci a quella che sarà la decorazione. Partiamo dai limoni canditi. Lava e asciuga bene il limone, ottieni 3 fettine spesse 3 – 4 mm e tieni da parte. in un pentolino d’acciaio versa l’acqua e lo zucchero. Non appena il composto sarà a bollore vivo e avrà una consistenza simile ad uno sciroppo viscoso, spegni la fiamma e tuffa le fettine.

  5. Girale dopo 1 minuto e poi fai raffreddare. Monta la panna e poi metti in una sac-à-poche con bocchetta a stella. C’è tutto, riprendi il dolce dal congelatore e togli l’anello.

  6. Sulla superficie, e tutto intorno ai savoiardi, guarnisci con dei ciuffetti di panna. Poi adagia le 3 fettine di limone che abbiamo caramellato sovrapponendole un po’ e, se ce l’hai, guarnisci con un paio di foglie dell’agrume.

    charlotte al limone, peccato di gola di giovanni 7
  7. Come da tradizione lega la tua charlotte al limone con un nastrino ed eccola pronta, non ti resta che servirla.

    ricetta charlotte al limone, peccato di gola di giovanni 2

I consigli di Giovanni

  • I pezzi che avanzano dai savoiardi possono essere riutilizzati per preparare cake pops o i biscotti all’amarena, in alternativa puoi sempre accompagnare un buon caffè con qualche pezzetto di savoiardo, farai una pausa davvero golosissima;
  • Per dare un tocco di croccantezza puoi aggiungere a strati oppure in superficie delle lamelle di mandorla leggermente tostate in padella;
  • La charlotte al limone va tenuta sempre in frigorifero per evitare che perda di consistenza, in alternativa puoi congelarla.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.