Olive nere calabresi – come conservarle

Le olive nere, sono le olive giunte a maturazione, io come sempre uso le olive Carolea che sono comuni in Calabria, la loro maturazione inizia a metà Novembre e continua fino a che non termina la raccolta in genere nel mese di Dicembre, ma nei tempi passati quando si aspettava la cascola naturale durava anche fino a Febbraio  inoltrato. Quando vi è la raccolta delle olive è cosi bello scegliere le olive belle mature  e nere, sembra che abbiano un leggero velo chiaro, ricordo le persone anziane che le chiamavano “alive nfarinate” ( olive infarinate), Si raccomanda di procurarsi delle olive nere biologiche, in Italia abbiamo una vasta produzione di olive e non è difficile trovare olive non trattate. Devono essere nere, mature, senza buchi e ammaccature.

Olive nere calabresi - come conservarle

Olive nere calabresi-come conservarle

Ingredienti

  • Per ogni kg di olive servono 80/90 gr di sale fino
  • A piacere i seguenti ingredienti
  • Origano secco
  • Aglio
  • Foglie di alloro
  • Peperoncino
  • Olio extravergine

Procedimento

Per prima cosa scegliere le olive e se ve ne sono ammaccate o bucherellate scartarle, lavarle accuratamente sotto l’acqua corrente, aspettare che si asciughino.

Con un coltello praticare 4/5 tagli longitudinali, metterle in un contenitore e cospargere con il sale, scuotendole ogni giorno, aspettare che siano dolci, lasciarle per circa dieci giorni, se non sono dolci abbastanza lasciarle ancora qualche giorno,

Lavarle dalla salamoia creata e metterle ad asciugare al sole, su un graticcio areato cosi da far circolare l’aria.Se non dovreste avere il sole, dopo che è passato qualche giorno e hanno una leggera asciugatura si possono asciugare in forno a 50°, anche se vengono asciugate al sole, prima di conservarle, passarle un in forno Accendere il forno farlo riscaldare e spegnere e mettervi dentro le olive, se non basta ripetere il procedimento.

La loro conservazione  può avvenire in diversi modi

Il primo modo è conservarle asciutte senza aggiungere niente e possono essere usate per cucinare.

Il secondo modo è aggiungere aglio a pezzi, peperoncino secco tagliato a pezzetti o macinato “u pipazzu” se si ama il piccante, a piacere si aggiunge origano secco, alloro, si mettono nei vasi di vetro e si aggiunge olio extravergine

I terzo modo, sistemare le olive nei vasetti di vetro, chiudere ermeticamente e fare un bagnomaria leggero basta mettere i vasi nell’acqua fredda e portare a ebolizione appena l’acqua inizia a bollire togliere dall’acqua (facendo attenzione a non scottarsi le mani) e metterli capovolti per ottenere il sottovuoto, questo è un sistema validissimo per non farle ammuffire e si mantengono anche due anni.

Quarto modo è questa è una chicca che vi do, mettere tre dita d’acqua in una pentola larga, quando l’acqua inizia a bollire, mettervi i vasetti di vetro capovolti, lasciarli 5 minuti spegnere, dopo 10 minuti toglierli lasciandoli capovolti finché non si raffreddano.

Olive schiacciate alla calabrese

Olive verdi in salamoia alla calabrese

Olive in salamoia lavorate con la soda

Scoprite le mie ricette cliccando Qui 

Per le foto cliccate Qui

Se volete seguitemi nella mia pagina In cucina con Mire mettete mi piace e spuntate ricevi le notifiche, mi trovate anche su Twitter.  Pinterest  Google+ Linkedin

 
Precedente Liquori - Raccolta Speciale Successivo Pasta frolla arancia

2 thoughts on “Olive nere calabresi – come conservarle

    • incucinaconmire il said:

      Ciao, tutti i legumi si possono conservare nei vasetti, facendoli cuocere normalmente lasciandoli un pò al dente,i vasetti di vetro vanno lavati e sterilizzati e poi asciugati, riempire con i ceci e l’acqua di cottura calda, chiudere ermeticamente e capovolgere per ottenere il sottovuoto, per mantenerli più a lungo fare un bagnomaria di 25/30 minuti…. ciao fammi sapere se li fai !!!

Lascia un commento